Gatto ha comportamento predatorio con i fratellini

Forum La salute del gatto Gatto ha comportamento predatorio con i fratellini

Questo argomento contiene 6 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Stregatta 1 anno, 1 mese fa.

Stai vedendo 7 articoli - dal 1 a 7 (di 7 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #23644

    Caro
    Partecipante

    <p style=”text-align: left;”>Buongiorno, é la prima volta che scrivo su questo forum.</p>
    Mia madre circa 2 anni fa ha portato in casa una gatta, che circa otto mesi fa ha avuto una cucciolata di 4 gattini. Di questa cucciolata abbiamo tenuto con noi solo uno dei gatti, un maschio dal pelo rosso.

    Qualche mese dopo la gatta è tornata in calore ed è stata fatta accoppiare con un altro gatto, ha partorito 4 settimane fa un’altra cucciolata di due gattini.

    Il parto è stato cesario, la madre si è ripresa in fretta e sembrano tutti in ottima salute.

    Dormono in una cesta che ha delle chiusure zip, é abbastanza grande per farli stare comodi, e stanno in camera mia e di mia sorella. L’unica cosa che mi preoccupa é il comportamento del “fratello maggiore”, il gatto della cucciolata precedente. Non ha visto la madre partorire perché è stato fatto un cesario e quindi non credo abbia capito cosa siano questi cuccioli. Quando la madre non c’è é molto incuriosito da loro, si sporge dalla cesta, ma appena li vede muoversi tenta di dar loro delle zampate. Abbiamo paura a far uscire i gattini dalla cesta e quindi non so bene se per i gattini sia ‘sano’ tenerli sempre lì. Il gattino é sempre stato molto predatorio e già mesi fa ha ucciso un uccellino che era caduto sul nostro terrazzo.

    C’è un rischio concreto che possa far loro del male? Preciso che a volte la madre lo vede compiere le ‘zampate’ ai fratelli ma non interviene.

    Quando potremo farli entrare in contatto?

    Altro problema é che credo stia ormai maturando sessualmente, visto che sembra rispondere ai calori delle altre gatte miagolando in terrazzo, tenta di uscire di casa e l’odore della sua urina è molto più intensa.  Otto mesi è una maturazione sufficente per farlo castrare?

    La mia ulteriore paura é che il gatto possa accoppiarsi con la madre a seguito dello svezzamento dei cuccioli, ma a otto mesi mi sembra ancora troppo piccolo. Vorremmo sterilizzare anche la madre ma avendo lei avuto un parto cesario il veterinario ci ha detto di aspettare che guarisca completamente.

    Chiedo scusa per il papiro, grazie in anticipo a chi mi risponderà.

    #23646

    Stregatta
    Partecipante

    1 – si puo’ far male ai cuccioli, anche ucciderli

    2 – a meno che tu non sia un allevatore (ma dubito da quanto hai scritto) il maschio va castrato al piu’ presto visto che gia’ marca il territorio e la femmina sterilizzata (strano che il veterinario non l’abbia fatto durante il parto cesarEo

    3 – che fine fanno i cuccioli e che gatti sono?

     

     

    #23647

    Caro
    Partecipante

    Ah, cavolo, non avevo idea potesse essere ‘pericoloso’. Anche il veterinario, consultato anche per un altro motivo, mi ha detto che probabilmente il gatto maschio sta iniziando a considerare la madre come una partner e il rischio è che uccida i piccoli per indurla ad avere i calori.

    Lo sterilizzeremo la prossima settimana.

    In seguito alla castrazione, anche facendo passare un po’ di tempo, dovrò sempre sorvegliare il maschio? ci sarà sempre il rischio che uccida i fratelli, anche involontariamente?

    La madre non è stata sterilizzata durante il parto, perché ci è capitato anni fa una situazione del genere, con un’altra gatta, aveva 3 gattini, è stato praticato il cesareo e la sterilizzazione ma a quanto pare questo ha bloccato la produzione di latte e la gatta è rimasta in stato confusionale per giorni, rifiutando i piccoli, senza accudirli, abbiamo provato comunque ad allattarli e scaldarli e stimolarli per i bisogni ma non sono sopravvissuti (è stato veramente traumatico, non volevamo che la cosa si ripetesse).

    La mamma gatta è una esotica dal pelo corto, il padre persiano puro, i cuccioli andranno regalati ad amici/parenti, già contattati. Preciso che io sono assolutamente pro  sterilizzazione e non volevo affatto che la micia avesse delle gravidanze ma la gatta è di mia madre, contraria per sue ragioni etiche alla sterilizzazione.

    #23648

    Stregatta
    Partecipante

    OK capito. comunque si e’ pericoloso che il maschio stia con i piccolini, potrebbe diventare aggressivo.

    castralo al piu presto perche gia’ sta marcando…poi il vizio non glielo levi piu’. per quanto riguarda questi accoppiamenti come avrai capito sono assolutamente contraria. fare l’allevatore non e’ un gioco, e’ un mestiere che andrebbe fatto con tutti i crismi e va lasciato fare alla gente del mestiere per 1000 ragioni. di scucciolatori e’ pieno il mondo purtroppo con tutti i problemi che ne conseguono per i poveri cuccioli, cenl caso dei persiani parliamo di cardiopatie congenite, malattie oculari etcetc

    ragioni etiche? giuro che non l’ho mai capita questa cosa. trovo molto meno etico mettere al mondo cuccioli cosi…

    sono una appassionata di exotic shorthair e persiani in generale, non sono contraria agli animali di razza…anzi.

    cerca di convincerla a sterilizzare

    #23769

    Caro
    Partecipante

    Faccio un aggiornamento riguardo alla situazione:

    Il gatto maschio è stato sterilizzato. Non lo lasciamo mai solo con i gattini e li osserviamo interagire. Con loro non ha atteggiamenti aggressivi ma di gioco, nel senso che li “atterra”, li immobilizza, e li lecca sul volto o sulla testa. A volte li lecca sui genitali. Peró mi sembra troppo brusco con loro (e a volte li insegue anche o li stringe o apre le fauci sulla loro gola, e in generale i piccoli scappano) per cui tendiamo a separarli dopo un paio di interazioni.  Quando saranno più grandi, potremmo farli stare piú a contatto?

    Inoltre… La mamma gatta é tornata in calore e ha smesso praticamente del tutto di occuparsi di loro e di allattarli (ha ancora le mammelle gonfie). Noi durante la notte la chiudiamo in stanza con i gattini ma abbiamo notato che durante il giorno lei é interessata unicamente al cibo se si trova nella loro stanza. Si limita a leccarli un po’ sul volto e per il resto li ignora.

    I piccoli mangiano una sorta di paté adatto alla loro età (della Schesir) e delle crocchette per cuccioli (queste ultime con difficoltá visto il muso schiacciato) e la dentatura mi sembra ben formata (il loro morso fa male) . Hanno quasi 6 settimane.  Dovremmo integrare con del latte artificiale? Il latte di capra potrebbe andare bene?

    #23772

    jjj
    Partecipante

    “Quando saranno più grandi, potremmo farli stare piú a contatto?” dipende sempre da come si evolve la situazione. Qualche progresso mi sembra ci sia stato. Continuate così. ci vuole molta pazienza

    “Dovremmo integrare con del latte artificiale? Il latte di capra potrebbe andare bene?”

    Se non sbaglio dovrebbero vendere del latte apposito per gattini. Ci sono alcune soluzioni in queste evenienze, ma ritengo prioritario consultare il vet preventivamente perché parliamo dell’alimentazione di micini in una fase sensibile della loro crescita.

    #23803

    Stregatta
    Partecipante

    A 6 settimane possono  mangiare da soli, ci puo’ stare che mamma gatta li allatti meno ma ndovrebbe permettergli di attaccarsi. no lattre di capra o altre cose fai da te.

    vi esorto nuovamente a far sterilizzare anche la femmina.

    le interazioni col maschi NI perche potrebbe far loro molto male in quanto li percepisce come estranei. i maschi non hanno sentimenti paterni, se non li vogliono nel loro territorio li fanno fuori soprattutto poi se la femmina va nuovamente in calore.

     

Stai vedendo 7 articoli - dal 1 a 7 (di 7 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.