gatto maschio FIV+ alimentato a soli croccantini

Forum La salute del gatto gatto maschio FIV+ alimentato a soli croccantini

Questo argomento contiene 17 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Chanty 1 anno fa.

Stai vedendo 3 articoli - dal 16 a 18 (di 18 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #23661

    jjj
    Partecipante

    > Secondo me dal sito che hai postato in precedenza deduco che sia stato scritto da una veterinaria molto ferrata in materia

    Ho fatto per te una ulteriore ricerca e ho trovato le linee guida 2020 pubblicate sul sito di my Lab (si tratta di un sito professionale e rigoroso): clicca qui. Oltre a fornore altre info importanti, dice testualmente: “L’utilizzo di farmaci antivirali (come la zidovudina) o dell’interferone è stato proposto in gatti retrovirus-positivi e con patologie correlabili all’infezione. Tuttavia le evidenze scientifiche sulla reale utilità di queste terapie è questionabile.”

    > “fra l’altro solo al test rapido, ma vorrei fargli fare anche la pcr”. Penso che un secondo esame di conferma sia saggio

    #23684

    Chanty
    Partecipante

    A quale articolo ti riferisci riguardo alla “vet. ferrata”? Ne ho postati diversi…

    Resta il fatto che anche l’uso di immunostimolanti così a casaccio pare controverso e potenzialmente dannoso.

    Riguardo all’interferone felino (ribadisco non umano): che non sia certa l’utilità è un conto, bisogna vedere quali sono gli effetti collaterali (dei soldi non mi importa più di tanto).

    Spero di riuscire a trovare un vet. competente in questo campo, che si interessi a lui e che mi dia indicazione mirate dopo una visita ed esami accurati. Andare così a caso, dal primo che capita è un terno al lotto (quello che gli aveva fatto il test mi aveva persino consigliato di disfarmi di lui “perché le cure sono troppo costose”… no comment).

    #23689

    Chanty
    Partecipante

    Riguardo all’interferone felino: generalmente vedo che quelli che lo sconsigliano (ma ci sono anche molti altri vet che lo consigliano) lo fanno in relazione al prezzo (v. anche uno degli articoli che ho citato), non per  effetti collaterali gravi (se ho ben capito è solo l’interferone umano che a lungo andare determina la produzione di anticorpi, quindi diventa controproducente/inutile). A me sinceramente non interesserebbe il fatto di buttare soldi dalla finestra se ci fosse qualche minima possibilità di effetti positivi: l’importante è che non gli faccia male. Ma questo potrò capirlo solo consultando uno specialista in malattie infettive, non appena possibile.

Stai vedendo 3 articoli - dal 16 a 18 (di 18 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.