home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Varie  >>  mi vuoi sposare? - Discussione n 84826 - PermaLink
   mi vuoi sposare?

( 1 | 2 | 3 | 4 ) Avanti  >>> 
AutorePagina: 2 di 4
Andromacha

Registrato dal: 29-08-2007
| Messaggi : 6391
  Post Inserito 17-02-2014 alle ore 19:07   


17-02-2014 alle ore 16:09, Annas wrote:
Ma io credo siano decenni che la cosa si decide assieme, però da quando hanno inventato un certo tipo di TV tutti raccontano questa storia... lui che lo chiede con immancabile environment costruito ad hoc e lei che proprio ma proprio proprio non se l'aspettava nemmeno lontanamente.
E che noia.



Tu considera che quel tipo di TV è di stampo anglosassone... e là la tradizione resiste ancora e molto. E onestamente io la proposta l'ho ricevuta con anello e tutto. Ringrazio il cielo che eravamo da soli, a casa dei miei. Era il 24 dicembre 2003; Neil aveva fatto vedere l'anello ai miei e spiegato loro le sue intenzioni. Ha fatto tutto perbenino... mi ha distratta, e giuro che non mi sono accorta di nulla. Poi i miei la sera han tolto il disturbo e così dopo aver guardato il Re Leone, me l'ha chiesto. E io son rimasta a bocca aperta. Non perchè non me lo aspettassi prima o poi, dopotutto le cose stavano andando in quella direzione. E 2 anni e mezzo dopo ci siamo sposati.

In America è del tutto normale regalare l'anello e fare la proposta. Io francamente non ci trovo niente di sbagliato, nè di stravagante. Semplicemente è un mondo a parte. E tutti quei programmi sugli abiti da sposa, sui matrimoni etc che propone Real Time sono tutti di stampo anglosassone (delle americanate vere e proprie), quindi non mi stupisce che dipingano le cose in questo modo.

Ripeto, io ho avuto quella sorpresa e non cambierei nulla. Gli ho anche detto che se mi avesse fatto lo scherzo di farlo che so al ristorante oppure davanti a tutti i miei, credo che sarei morta e l'avrei menato


0 
 Profilo
didi45

Registrato dal: 25-09-2011
| Messaggi : 5461
  Post Inserito 17-02-2014 alle ore 19:35   
E' questa tradizione che mi meraviglia,ancora di più nel mondo anglosassone dove la parità dovrebbe essere più sentita. Ma perché mai una donna deve essere chiesta in matrimonio? E' una decisione che riguarda due persone e dovrebbe partire indifferentemente dall'uno o dall'altra.
Noi ne abbiamo sempre parlato dando il matrimonio per scontato, come c'è chi come Lillina lo ha chiesto esplicitamente, mi sembra più normale e paritario.


0 
 Profilo
lauraaa

Registrato dal: 23-11-2012
| Messaggi : 711
  Post Inserito 17-02-2014 alle ore 19:45   
Credo che se Ale chiedesse "la mia mano" a mio papà, lui gli risponderebbe di prendersi pure anche tutto il resto!



Scherzi a parte, anche noi stiamo finendo la casa, e probabilmente ci si sposerà. Ogni tanto se ne parla, ovvio, e se e quando vorremo decideremo insieme!


0 
 Profilo
lillina
| CV STAFF

Registrato dal: 15-04-2006
| Messaggi : 51796
  Post Inserito 17-02-2014 alle ore 21:20   


17-02-2014 alle ore 19:35, didi45 wrote:
E' questa tradizione che mi meraviglia,ancora di più nel mondo anglosassone dove la parità dovrebbe essere più sentita. Ma perché mai una donna deve essere chiesta in matrimonio? E' una decisione che riguarda due persone e dovrebbe partire indifferentemente dall'uno o dall'altra.
Noi ne abbiamo sempre parlato dando il matrimonio per scontato, come c'è chi come Lillina lo ha chiesto esplicitamente, mi sembra più normale e paritario.



Già ,il si glielo chiesi in auto sulla mia 500 scabecia blu tendente al viola , guidavo come una matta allora ,mi ricordo anche dove ,in piazza manin ( le genovesi lo sanno ) e' un incrocio bestiale ,ora ci sono i semafori
Ma non mi potevo stoppare e aprirgli la portiera ???


0 
 Profilo
Annas
| CV STAFF

Registrato dal: 20-02-2009
| Messaggi : 14347
  Post Inserito 17-02-2014 alle ore 22:01   
Gli anglosassoni è vero, sono molto più tradizionalisti ma io mi riferivo alle storie nostrane, anche le italiane ora raccontano di queste proposte da favola... Che poi se vedi gli autori ti poni molte domande


0 
 Profilo
mari10
| CV STAFF

Registrato dal: 10-09-2010
| Messaggi : 1945
  Post Inserito 17-02-2014 alle ore 22:50   
la richiesta formale, in italia, nasce dal fatto che il codice civile (quello del 1865 ed il successivo del 1942) prevedeva l'istituto della dote. in origine era il padre dello sposo che faceva la richiesta al padre della sposa e, oltre alle rispettive peculiarità ed aspirazioni, discutevano della dote. la contrattavano. Il bello è che nè la sposa nè lo sposo potevano alienare i beni dotali, che venivano amministrati da lui, con obbligo di rendiconto. E' una cosa che fa sorridere, però il senso era quello di rendere appetibile e assicurare un futuro sicuro alla moglie, preservandola dagli abbandoni o dalle prevaricazioni del marito. Credo che l'origine sia greca, dove la posizione familiare della donna era piuttosto forte. E' stata abolita nel 1975, con la riforma del diritto di famiglia. Quindi da un bel po siamo libere di chiedere in sposo chi ci pare


0 
 Profilo
didi45

Registrato dal: 25-09-2011
| Messaggi : 5461
  Post Inserito 17-02-2014 alle ore 23:41   
E' vero,mail regime dotale a mio parere era la cosa più incivile fatta a una donna .
L'amministrazione e i proventi della dote spettavano al marito.Egli doveva rendicontarla ma a chi?....
La dote come capitale era di proprietà della moglie che non poteva alienarla ne disporne liberamente perché doveva essere conservata interamente per i figli.
In pratica la sposa non aveva più ne capitale ne interessi.Passava dalla giurisdizione del padre a quella del marito.
Unico pregio il capitale era obbligatoriamente preservato per i figli.
Del resto la donna non poteva votare fino al 1946, non aveva la patria potestà sui figli ed era punibile penalmente in caso di rapporti extraconiugali che invece per il marito erano solo punibili a livello civile.
Aveva l'obbligo di seguire il marito e mantenere la sua residenza.
Sarà per questo che sentire ragazze trepidanti in attesa della fatidica frase mi fa effetto.
Per inciso il programma mostrava un atelier milanese di Monte Napoleone e ragazze italianissime.


[ Questo Messaggio è stato Modificato da: didi45 il 17-02-2014 23:46 ]


0 
 Profilo
Annas
| CV STAFF

Registrato dal: 20-02-2009
| Messaggi : 14347
  Post Inserito 18-02-2014 alle ore 00:10   
Sì, anche a me fa effetto. Questo non vuol dire che non si apprezzi la poesia di un momento romantico, ma che mi infastidisca la finzione


0 
 Profilo
mari10
| CV STAFF

Registrato dal: 10-09-2010
| Messaggi : 1945
  Post Inserito 18-02-2014 alle ore 09:06   


17-02-2014 alle ore 23:41, didi45 wrote:
La dote come capitale era di proprietà della moglie che non poteva alienarla ne disporne liberamente perché doveva essere conservata interamente per i figli.
In pratica la sposa non aveva più ne capitale ne interessi.Passava dalla giurisdizione del padre a quella del marito.
Unico pregio il capitale era obbligatoriamente preservato per i figli.
[ Questo Messaggio è stato Modificato da: didi45 il 17-02-2014 23:46 ]


non proprio didi, la dote restava a garanzia della sposa e tornava a lei dopo la morte del marito:
dote
ovviamente concordo sul fatto che oggi appaia inquietante......


0 
 Profilo
titomimilola

Registrato dal: 11-09-2010
| Messaggi : 1189
  Post Inserito 18-02-2014 alle ore 09:56   
anglosassoni o no alla domanda "mi vuoi sposare" una cade dal pero o fa finta di cadere...mah!! o forse xchè si vuole copiare un evento mediatico


0 
 Profilo
<<<  Indietro  ( | 2 | 3 | 4 ) Avanti  >>> 


Generazione pagina: 1.093 Secondi