Dolce e Salato , rubrica culinaria di Sara e Barbara


Pubblicato in: Varie

Per partecipare a questa discussione clicca qui

Forum disponibile alla sola consultazione : ISCRIVITI al NUOVO FORUM !



bracchetto

ciao a tutte e benvenute nella nuova rubrica di cucina dolce e salata.
parlo al femminile perchè non prevedo la presenza di maschi da queste parti, casomai per loro faremo uno spazio a parte (l'uovo sodo: teoria e pratica dal frigo al piatto)
alcune di voi sono appassionate di cucina, e una mano ovviamente sarà più che gradita; altre immagino siano poco più su del livello maschile medio.... è principalemnte a ,loro che ci rivolgiamo
perciò, partiamo da zero: cosa serve per cucinare dignitosamente prima di mettere mano ai fornelli?

punto primo: lo spazio
entrate nella vostra cucina e guardatevi attorno.
bene, la prima cosa da fare è liberare le superficie orizzontali, togliendo il gatto, i giochi dei bimbi e le ciotole del cane. a questo punto, che lo spazio sia tanto o poco, l'essenziale è che sia LIBERO (wow!). non si può certo impastare sul gatto...

punto secondo: il tempo
nota dolente, vero? per me lo è quasi sempre, dato che davvero con tutti gli impegni me ne resta poco, pochissimo. la soluzione, ovviamente, è essere organizzate, sapere cosa si può preparare il giorno prima e cosa è necessario fare all'ultimo momento. la cucina ha quasi sempre un sacco di tempi morti: è vero che per un arrosto servono tre ore, ma mica per star lì a fissare la lucetta del forno!

punto terzo: gli strumenti
mia madre ha tutto, ma proprio tutto quello che serve ad un ristorante cinque stelle, e fa solo il sugo di pomodoro; il mio coinquilino (naaaaaaaaaa, non testo! quell'altro!) condivide con me la pietosa cucina del clan (descrivibile solo come "antro muscoso") eppure.... insomma, diciamo che ci si arrangia, via!
gli strumenti non sono tutto, però servono. alcuni, soprattutto (quanto ci mettete a trovare nel cassetto l'unico coltello tagliente? che poi non è mai quello giusto?)
personalmente, non sono un'appassionata di elettrodomestici, ad esclusione del mixer: trovo che l'impastatrice rallenti il lavoro e il robot da cucina è ancora da mia madre (nemmeno lei lo usa, ma nella sua enorme cucina ci sta....). però ho qualche buona pentola, un coltello davvero affilato, la mezzaluna e la macchina di mia nonna per tirare la sfoglia.

quindi, che si fa, ci si mette ai fornelli?
questo è il nostro spazio per scambiarci trucchi, ricette, consigli dolci e salati.... inizia il viaggio


[ Questo Messaggio è stato Modificato da: marcel il 10-11-2008 15:40 ]


Irene88

Mi piace questa sezione
Io, pur avendo 20 anni, me la cavo in cucina e adoro cucinare.
Non posso mettermi al livello di mia madre e mio padre (si anche lui è bravo), ma prometto bene
Io so fare abbastanza bene il pollo al forno, pasta col tonno, riso tonno e limone, riso con la zucca, pizza (l'impasto) ecc...
Mio Padre sa fare benissimo la pizza, carne alla pizzaiola e altre godurie.
Mia Mamma è la n° 1 per Lasagne, riso al forno, pasta al forno, pasta alla norma, parmigiana ecc... ma soprattutto i dolci, oltre a essere ottimi sono bellissimi, ecco un piccolo esempio:
Visualizza immagine

Cmq mi raccomando mettete belle ricette, che a me piace tanto provare nuove cose


Andromacha

Inizio io con la ricetta del salame di tonno.

Ingredienti
- 360 g di tonno in olio d'oliva o al naturale (quello con l'olio è meglio ma poi dipende dai gusti)
- 1 uovo
- pan grattato q.b
- sale q.b.
- prezzemolo a piacere
- succo di mezzo limone
- una bella manciata di parmigiano grattugiato
- olio q.b.

Esecuzione
1. Mettere il tonno in una ciotola e unirgli l'uovo, il pan grattato, il sale e il parmigiano. Mescolare molto bene l'impasto finchè non assume una consistenza omogenea. Non passare il tonno al mixer, ma tritarlo con la forchetta. L'uovo è meglio sbatterlo prima di aggiungerlo all'impasto. L'impasto ottenuto non deve essere troppo molle, ma nemmeno troppo secco. Una via di mezzo. Regolarsi quindi per il parmigiano e il pan grattato.
2. Quando l'impasto è omogeneo disporlo su un foglio di carta stagnola e dargli la forma del salame, quindi una specie di cilindro. Chiudere molto bene la carta stagnola e volendo, per maggior sicurezza, avvolgerla ulteriormente in uno strato di pellicola trasparente. Questa operazione è di importanza fondamentale per la cottura.
3. Quando il "pacchetto" è ben chiuso metterlo a cuocere in una pentola di acqua. Deve essere messo giù a FREDDO. Ripeto: fare attenzione che il pacchetto sia ben chiuso o l'acqua penetrerà nell'impasto e farete un macello. Fare in modo che l'acqua ricopra interamente il salame. Lasciarlo cuocere a fuoco medio-alto per una quarantina di minuti, scoperchiato.
4. Finita la cottura, tiratelo fuori dall'acqua e lasciatelo raffreddare. Questa operazione deve essere fatta mantenendo il salame nell'involucro. Volendo se il tempo a disposizione è poco, potete passarlo sotto l'acqua fredda, sempre facendo attenzione a non lacerare l'involucro.
5. Nel frattempo spremere il succo di mezzo limone (o più a piacere) e sbatterlo insieme ad un cucchiaio di olio... farne una bella emulsione. Lavare il prezzemolo e asciugarlo bene. Tritarlo al mixer lasciandolo però grossolano.
6. Quando il salame è freddo (va servito freddo che è più buono) tagliarlo a fette e disporle sul piatto da portata. Condirlo con l'emulsione di olio e limone fatta precedentemente e aggiungere il prezzemolo tritato. Come ho detto, servire freddo, ma non da frigo. A temperatura ambiente durante i mesi più freddi, un po' più fresco (avendo quindi l'accortezza di tirarlo fuori dal frigo dieci minuti prima) durante i mesi estivi.


bracchetto

parto con la cena che ho preparato sabato sera per il compleanno del mio coinquilino. lascio però a sara la ricetta della torta, dato che è lei la fonte...

il menù è stato il seguente:
primo piatto: tagliatelle panna e funghi
secondo piatto: stinco di vitello
contorno: tortino di patate e funghi

avevo a disposizione due mezze giornate: il venerdì sera e il sabato pomeriggio, perciò il venerdì ho preparato in anticipo l'impasto per le tagliatelle e il sugo di porcini, senza ovviamente la panna, e i tortini di patate; il sabato ho fatto il resto mentre lo stinco cuoceva in forno.
le dosi sono per otto persone, anche se poi eravamo meno... abbiamo fatto anche il pranzo della domenica!

TAGLIATELLE:
800 gr di farina
6 uova
sale, 2 prese

fare una montagnola di farina sul tavolo e buttarci su il sale e le uova. impastare energicamente per almeno tre quarti d'ora, o finchè i muscoli delle braccia fanno davvero malissimo. appallottolare la pasta e riporla per un'oretta dentro a un panno. per conservarla fino al giorno dopo, avvolgerla nella pellicola per alimenti e riporla in frigo (andrà nuovamente lavorata quando la tirerete fuori).
a questo punto, se come me avete la vecchia tirasfoglie imperia della nonna,
Visualizza immagine
preparare le tagliatelle è un gioco da ragazzi: si tira la sfoglia con il rullo, poi la si taglia con il cilindro apposito.
se invece l'oggetto del desiderio non è in vostro possesso, il procedimento è un po' più laborioso: si tira a mattarello la sfoglia, avendo cura di infarinare BENISSIMO il tavolo (la sfoglia deve venire sottilissima!). si cosparge la sfoglia di farina anche sulla faccia in alto, e la si arrotola delicatamente su se stessa, poi la si taglia ad intervalli regolari. sconsiglio di fare come i veri cuochi e sovrapporre le sfoglie per fare prima: il risultato potrebbe essere catastrofico!
tagliata che sia a mano o a macchina, la pasta deve poi essere abbondantemente infarinata e stesa in monostrato su un'asse o un vassoio per un paio d'ore, in modo che asciughi un poco prima della cottura.
per cuocerla: mettete a bollire una GROSSA pentola d'acqua salata, aggiungete nell'acqua un cucchiaio d'olio. quando bolle, buttate la pasta e scolatela dopo due o tre minuti.

salsa panna e porcini

600 gr di porcini freschi
prezzemolo
1 spicchio d'aglio
olio
1/2 dado
1 confezione di panna da cucina

far soffriggere l'aglio pelato in abbondante olio d'oliva, poi toglierlo.
aggiungere i porcini puliti e affettati, abbassare la fiamma al minimo e coprire la padella. appena i funghi iniziano a buttare acqua, aggiungere il mezzo dado, se possibile vegetale. e cuocere per circa 25 minuti, sempre a fiamma bassa.
solo alla fine e a fiamma spenta aggiungere la panna e mescolare accuratamente.
se gradite, ci sta benissimo una bustina di zafferano.

le tagliatelle vanno servite ben mescolate al condimento e con sopra una spruzzata di prezzemolo. il sapore è mediamente delicato, se gli ospiti gradiscono formaggio sulla pasta consiglio di mettere in tavola grana o parmigiano, non pecorino.

bracchetto

stinco di vitello al forno:
è un piatto che necessita di tanto tempo, ma è di sicuro successo ed è difficilissimo che venga cattivo. unica accortezza: stare attenti che non bruci!
servono:
uno stinco di vitello (calcolate che uno da 2 kg è sufficiente per 5 persone circa)
rosmarino, 1 rametto
salvia, 4-5 foglie
pepe, una spolverata
olio, 5 cucchiai
farina
sale, 2 prese (comunque ne serve POCO)

infarinare lo stinco e soffriggerlo in padella con olio, rosmarino e salvia. se gradite potete spruzzalo appena con vino rosso o bianco secco.
salarlo poco e infornarlo a 180° per 4 ore circa, fino a quando la carne venga via facilmente dall'osso. ogni mezz'ora circa va girato e va aggiunta poca acqua calda perchè non attacchi. in questo caso sconsiglio l'uso della carta da forno, perchè con una cottura lunga e un elevato tenore di umidità rischia di disfarsi e restare attaccata alla carne.
negli ultimi 45 minuti di cottura si può decidere di laccarlo raccogliendo ogni 2 minuti il sugo dal fondo e rovesciandolo sulla carne: alla fine del procedimento l'arrosto sarà lucido e si presenterà molto bene. chiaramente è una rottura di scatole, perciò evitate se pensate di servirlo già affettato.
attenzione! lo stinco si taglia in direzione parallela all'osso, e soprattutto L'OSSO VA BUTTATO SUBITO, PRIMA CHE IL CANE SE LO FREGHI!
al momento di metterlo in tavola, cospargere con il sughetto e spolverare appena di pepe.
è una carne saporita con la quale si accompagna bene un buon rosso fermo tannico e ad alta gradazione. consigliatissimi i vini spagnoli o quelli del sud italia.




bracchetto

tortino di patate e funghi.
facilissimo, rapido e di buona presentazione, specialmente se in porzioni singole.

otto patate grandine
funghi misti congelati, circa 500 gr
1 uovo
poco formaggio grattuggiato
sale
burro
pane grattato

lessare le patate, pelarle, schiacciarle con la forchetta, in modo che restino un po' irregolari, con qualche pezzetto più grosso. aggiungere sale e il formagio grattuggiato.
far soffriggere i funghi in padella con un po' d'olio e mezzo dado vegetale, quindi portarli a cottura a fuoco lento. mescolarli alle patate in modo che il composto sia abbastanza uniforme.
quando il tutto è tiepido, aggiungere 1 uovo intero e amalgamare il tutto.
mettete il composto in vaschette usa e getta di alluminio monodose precedentemente imburrate e infarinate, spolverate di pane grattato e metteteci su una noce di burro.
infornare a 180-200° per circa un quarto d'ora, dando all'ultimo un colpetto di grill.
servire caldissimo ribaltando sul piatto.




Sasholina

TORTA ALLA NUTELLA....

3 uova
3 cucchiai grandi di cacao amaro
150g di farina
150g di zucchero
75g di olio di semi
1 bustina di lievito
nutella q.b.
panna da montare

impastare insieme gli ingredienti, e se l'impasto risulta troppoduro, aggiungere un po di latte. Infornare a 180° per 45 minuti. Tagliare la torta a metà e farcirla con nutella e panna montata!

Testoster1

TORTA ALLA GNOCCA

Dose per 1 -4 persone (ampliabile in caso di gang bang)

Burro
Crema pasticcera
Nutella
Fragole
Panna montata
Ciliege
Ciccioli di maiale

Prendete una procace fanciulla priva di inibizioni, stendetela sul tavolo imburrato e spoglaitela
Guarnite i capezzoli con crema pasticcera e panna montata (prima della ragazza). Disegnate simpatici falli e priapi con la nutella sul entre della fanciulla. GIratela e disegnate sempre con la nutella una grossa freccia che parta dalla nuca e finisca poco sopra la linea che unisce le anche della fanciulla. Divertente aggiungere scritte come IN e OUT e FREE ENTRY tutto attorno. Ponete le ciliege come simpatica sorpresa DENTRO la ragazza, sigillate con panna montata e ponete le fragole sopra la panna. Buttate ciccioli tutto intorno a guarnizione e per dare energia (se più di 3 commensali soprattutto alla ragazza). Simpatica alternativa (se la ragazza è usa alla pratica) usate il melone al posto delle ciliege.

JtTont

pan dei morti

100 gr di amaretti
100 gr di savoiardi
50 gr di farina 00
un bicchiere di vin santo

pinoli.fichi secchi e datteri oppure uvetta ad occhio ma in totale calcolatene tra i 150 e 200 gr.

un idea di lievito per dolci

3 cucchiai cacao amaro,due cucciaini di cannella in polvere, una presa di sale.

pestate amaretti savoiardi in una ciotola,al limite frullateli nel mixer l'impasto sarà regolare.
tagliuzzate a pezzetti fichi e datteri .
unite pinoli ,farina e cacao.
amalgamate con il vin santo.
deve risultare unimpasto consistente fate una conca e spruzzate sale lievito e cannella,lavorate bene con entrambe le mani come se fosse pasta frolla.

ora potete sendere un velo d'olio d'oliva in una teglia antiaderente abbastanza frande e stendervi il composto che non dev essere alto più di due cm.
scaldare il forno a 180 gr. e infornare x 20 minuti.

oppure stendere della carta forno sulla piasta fare delle pallottoline da stebdere con forma più o meno regolare in piccoli rettangoli cottura come sopra ma x 15 minuti.



@testo non si preoccupi le fanciulle non conoscono le abitufini culinarie del sol levante lei ci ha tutta la mia comprensione.

revolution_luna

Stasera ho gente, visto che non sono andata in scuderia perchè piove e non sto bene, ho preprato un dolcino. La ricetta è presa da altro forum, con qualche aggiunta.

Ingredienti per la frolla:
500 gr di farina
200 gri di zucchero semolato
1 uovo
350 gr di burro a temperatura ambiente
essenza di vaniglia

per la crema:
250 di mascarpone
40 gr di zucchero a velo
1 cucchiaino di caffè in polvere
2 tuorli
70 gr di zucchero semolato
2 cucchiai di brandy
cannella
100 ml di panna da montare

nutella
caffè freddo quanto basta
savoiardi



Preparare la frolla, mescolando tutti gli ingrdienti e lavorando con le mani, poi mettere l'impasto ottenuto in una tortiera da crostata, mettere al centro carta da forno e riempire con legumi secchi (fanno da peso ed evitano che la frolla al centro si gonfi)

Visualizza immagine

Infornare a 180° per 15/20 minuti, poi togliere la carta e i legumi e continuare la cottura alzando a 200° il forno, fino a doratura. Poi togliere dal forno e lasciar raffreddare benissimo.

Preparare la crema, in una ciotola mescolare bene il mascarpone con lo zucchero a velo. In una'ltra ciotola sbattere i tuorli con lo zucchero semolato, aggiunge il cucchiaino di caffè e la cannella, poi mescolare un pò alla volta il mascarpone sempre sbattendo con la frusta, poi mettere il brandy. Montare la panna con un cucchiaio di zucchero e incorporare un pò alla volta alla crema di mascarpone.

Prendere la frolla e coprire il fondo di nutella (serve ad isolare la frolla dai biscotti imbevuti)

Visualizza immagine


Bagnare i savoiardi nel caffè e coprire tutta la superficie

Visualizza immagine


Coprire tutto con crema, livellare e decorare a piacere, io ho decorato come l'ho vista, con cacao amaro sul contorno e pezzettini di savoiardo. Mettere in frigo almeno un paio d'ore prima di gustare..

Visualizza immagine

PINZULA

visto che questo e' il periodo vi do' una ricettina facile e veloce per fare i funghi

funghi in parmigiana
funghi preferibilmente porcini circa 400 gr
prosciutto cotto
formaggio
burro
sale

si puliscono i 400 gr di funghi si tagliano a fettine sottili
si mette poi in una pirofila uno strato di fette di prosciutto
e su queste uno strato di funghi
si condiscono con sale e qualche fiocchetto di burro
si ricoprono con fette di formaggio dolce
e si inforna a fuoco moderato per circa mezz'ora

JtTont

una ricetta che faceva la cuoca da mio nonno per noi bambini e per gli adulti quando tornavano dal lavoro.

farina integrale 250
farina bianca 250
lievito madre
acqua e un po' di olio d'oliva

fare l'impasto che deve risultare molto elastico ed asciutto,lasciar lievirare 30-45 minuti-

tagliare a rondelle sottili la mozzarella(allora era di vera bufala di norma avanzata dal giorno prima).

stendere la pasta sottile e tagliare dei dischetti appena più grandi delle rondelle di mozzarella -
pasta-mozzarella-pasta sigillare bene i bordi e metterle a friggere in olio bollente asgiugare e mangiare calde.

una versione d'antan dei sofficini ma più buona.




bracchetto

pomodori ripieni (al riso)

Ingredienti per 4 porzioni

8 pomodori grandi e sodi
6 cucchiai di riso
1 mozzarella
formaggio grattugiato
1 spicchio aglio
basilico e prezzemolo
olio
sale e pepe


Tagliare la calotta ai pomodori e svuotarli.
Frullare la polpa.
In una ciotola mescolare il riso, l'aglio tritato, il basilico ed il prezzemolo tritato, la mozzarella a cubetti, una manciata di formaggio grattugiato e aggiungere la polpa frullata.
Il composto sarà liquido ed è giusto così.
Aggiustare di sale e pepe.
Salare l'interno dei pomodori e riempirli a 3/4 con il composto di riso.
Porre i pomodori in una teglia oliata, fare un giro di olio sui pomodori e porre sui pomodori le calotte.
Infornare a 180° per circa 40 minuti.



calzinimaya

variante golosa alla ricetta di brac, se gli metti intorno delle patate tagliate sottili che diventano belle croccanti....

Andromacha

Quote:

13-11-2008 alle ore 17:21, sofiaeginny wrote:
Quote:

13-11-2008 alle ore 17:12, revolution_luna wrote:
Dimmi Mary, ripieni con cosa?

Riso? Carne? Tonno?


la carne nun me gusta ma il tonno, quello sì, damme un po' la ricettina che magari la fo un altro giorno



Io ti do la nostra versione dei pomodori ripieni al tonno.

Occorrente:
- pomodori possibilmente cuore di bue o di forma tondeggiante
- tonno sgocciolato
- 1 o 2 spicchi di aglio
- prezzemolo
- sale
- tuorlo di un uovo
- olio, aceto e un po' di succo di limone.

Esecuzione:
1) tagliare i pomodori a metà in orizzontale, svuotarli della polpa, avendo però cura di lasciare le divisioni interne... praticamente togliere solo le parti con i semini. Salarli leggermente, e porli a testa ingiù su un piatto con un foglio di scottex sopra. In questo modo, il sale favorisce la disidratazione del pomodoro che quindi non rimarrà troppo umido.
2) Preparare il prezzemolo: lavarlo e asciugarlo accuratamente. Tritare al mixer 1 o 2 spicchi di aglio (a piacere) insieme al prezzemolo. Farne un bel trito fine. Il tonno può o essere passato al mixer ma lasciato tritato grossolanamente (per fare più veloce), altrimenti i tradizionalisti (e.g. mia madre che se può evitare di usare apparecchi meccanici elettronici lo fa) lo sminuzzano con la forchetta.
3) Aggiungere il trito di prezzemolo e aglio al tonno.
4) Preparare la maionese. Un tuorlo d'uovo, due gocce di olio e una goccia di aceto; sale q.b. Iniziare a lavorare il tuorlo e aggiungere man mano l'olio mentre la maionese sale. Per una perfetta esecuzione, l'uovo dev'essere freschissimo e possibilmente appena preso dal frigo. L'utilizzo di una scodella e un cucchiaio di legno facilita l'operazione.
5) Aggiungere la maionese al tonno, prezzemolo e aglio e mescolare bene.
6) Riempire i pomodori generosamente con il trito ottenuto e per guarnizione, mettere un ciuffo di maionese sul pomodoro ultimato.

Questa ricetta è veramente un sogno!! E' il mio piatto estivo preferito.

gatitadenoche

una ricetta facile facile....
una tarta salata di patate e carne macinata

Fatte un piccolo sofritto di cipolle, salate, pepate e mettete la carne macinata (fatte tutto a occhio, io cucino per due quindi non so le quantità).
fatte sfumare con il vino rosso e mettete anche pomodori secchi (2) fatte a pezzetti.
quando il tutto e cotto, togliere dal fuoco, preparate un pure di patate (di quelli già pronti seguite le istruzione di una busta e ne fatte due) o di patate fresche.
Io faccio cosi, lavo e pelo le patate a toccheti piccini (mettono di meno a cuocere), quando sono pronte le schiaccio (se non avete il passatutto usate la frusta elettrica) e incormporate poco alla volta il latte, salate e mettete un poco di burro u olio...(io uso burro)...quando è pronto adaggiate la carne in una pirofila che possa sopportare il caldo del forno, e nella parte di sopra mettete il pure come copertura....
a fine procedimento passateli un poco di zucchero che servirà per dare quel colore di caramello....e infornate fino a che non diventa di colore marrone chiaro.
servite accompagnato di insalta verde o pomodori freschi.
Io ieri sera l'ho fatto con carne di soia....stupendo...(al meno a me piace)

GattoTiti

Per la gioia di Dany69

Nocci “atterrati”

1 kg di mandorle
900 gr di zucchero
6 albumi d’uovo


Scottate le mandorle in acqua bollente e spellatele. Fatele tostare leggermente in forno a 100°. Appena diventano dorate, toglietele dal forno. Nel frattempo sbattete bene gli albumi d’uovo e aggiungete lo zucchero rigirando ben bene l’amalgama. Tuffatevi le mandorle e con l’aiuto di una forchetta, prendetene delle piccole porzioni deponendole su un pianale di marmo o su un piatto di ceramica. Nel giro di qualche ora il composto indurisce ed è pronto per essere gustato.

Sasholina

PASTICCINI ALLA NOCE DI COCCO

Ingredienti

-300g di polpa di cocco fresca grattugiata
-300g di zucchero in polvere
-6 albumi d'uovo
-un pizzico di sale
-olio per la placca

In una terrina unite lo zucchero con gli albumi non battuti e un pizzico di sale;mettete la terrina a bagnomaria in un capace recipiente contenente acqua calda e ponetelo su fuoco moderato. Rigirate spesso con un cucchiaio di legno, gli ingedienti finchè lo zucchero si sarà sciolto completamente. Aggiungete allora la polpa di noce di cocco e mescolate il tutto delicatamente in modo da amalgamare bene.
Ungete abbondantemente la placca da forno con l'olio, e con un cucchiaio prelevate delle piccole quantità di composto che allineerete sulla placca ben distanziate. Fate cuocere a forno moderato (180°C) fino a doratura. Estraete i dolci dal forno e lasciateli raffreddare prima di toglierli dalla placca.

Sasholina

facile facile buono buono!!

PATATE AL FORNO ALLA LUCANA

Ingredienti

-400g di patate sbucciate e tagliate a fette
-400g di pomodori pelati e tagliati a fette
-400g di cipolle tagliate ad anelli
-4 cucchiai di olio
-3 cucchiai di pane grattugiato
-1/2 cucchiaiodi pecorino grattugiato
-un pizzico di origano
-sale

Ungete una pirofila con poco olio e disponetevi le verdure a strati alternati spolverizzando leggermente di sale e pecorino ogni strato. Terminate con uno strato di pomodori sui quali distribuirete il pane grattugiato e un pizzico di origano. Versate su tutta la superfice l'olio e mettete in forno già caldo (160°) per circa un'ora a calore moderato.Servite caldo.

Freedom

Olive all'ascolana

procurarsi delle olive ascolane (sono verdi e grandi), snocciolarle con l'apposito attrezzo e farcirle con un composto fatto con: carne macinata, salsiccia, mortatella tritata, uovo, parmigiano, sale e noce moscata; una volta terminata la farcitura, passare le olive in un uovo battuto e poi nel pane grattato.
friggere in olio ben caldo e servire


dany69

LA "PAPPETTA" all'uovo


Invenzione goduriosa (di mia mamma) per "scarpettari" incalliti (non per niente... semo romani).


Fate una bella pentolona di sugo di pomodoro semplice semplice con gli aromi che preferite.
Una volta pronto, mentre ancora bolle, ci tuffate dentro due uova per ogni "scarpettaro" e una bella mozzarellona tritata al passaverdure.
Mescolate velocemente e servite caldissimo e filantissimo in scodelle un po' alte con tanti tanti crostini o pane fresco a seconda delle preferenze.

Un po' particolare... ma vi assicuro che c'è da leccarsi i baffi!!!

emynin

chi vuole ricette col radicchio alzi la mano!

comunque vi propongo una pasta con i fagioli pavese:

Pasta co e fasoi rustit (ahahahah si dice così ma non so come si scriva!!)

Pasta da preparare a parte normalmente.
Possibilmente ditali grossi, pipette o comunque abbastanza capiente da contenere un fagiolo.

Per il condimento:

bollire i fagioli; scolarli bene; farli saltare in padella dove si è preparato un soffritto di cipolla e mezzo dado, aggiungendo un pò di concentrato di pomodoro poco diluito.

Infine far saltare pasta e condimento.

VIENE UNA GODURIA MAI VISTA!!

*emy*

emynin

ok:
pranzo o cena a base di radicchio!

1. antipasto di crostini di pane e radicchio arrostito condito con olio, aceto balsamico e peperoncino/pepe.

(il radicchio basta saltarlo in padella con un pò di olio e spruzzata di vino rosso)

2. pennette al radicchio.

ingredienti:
radicchio
pennette
cipolla
burro
panna
grana
vino rosso
(consiglio: conservare un pò di acqua di pasta per diluire un poco la panna una volta che pasta e condimento saranno mescolati insieme)

tritare grossolanamente il radicchio.
a parte preparare un soffritto di cipolla con il burro e un cucchiaio d'acqua.
unire il radicchio al soffritto e far appassire facendo sfumare con un pò di vino rosso.
aggiungere un cucchiaio di panna a fine cottura facendo andare a fuoco lento.
unire le pennette precedentemente messe a bollire con il condimento.
Aggiungere una buona quantità di grana.
Infine amalgamare con la panna.
Spruzzare di pepe.

3. sfoglie ripiena di radicchio e stracchino

molto semplice: avete presente le sfoglie del banco frigo?
basta prender quelle e farne dei cerchi.
bisogna fare cosi:
1 cerchio
1 foglia di radicchio
1 cucchiaio di stracchino
1 altra foglia di radicchio
1 cerchio a chiudere.


basta fare andare pochi minuti al forno (sulla carta da forno) per far dorare la sfoglia spennellata di uovo e grana.
servire tiepido.

TO BE CONTINUED...


*emy*


[ Questo Messaggio è stato Modificato da: emynin il 18-11-2008 10:11 ]

GattoTiti

Le virtù

Le Virtù sono un piatto della cucina teramana, caratteristico del primo di maggio.
« Al primo di maggio noi usiamo di cucinare insieme ogni sorta di legumi, fave, fagiuoli, ceci, lenti, ecc. con verdure ed ossa salate, orecchi e piedi pure salati di maiali; e questa minestra chiamiamo Virtù ... »
(Giuseppe Savini, Lessico del dialetto teramano)

Piatto dalla storia controversa di cui molti paesi rivendicano la primogenitura ma le cui origini romane sembrano incontestabili e riconosciute dallo stesso Giuseppe Savini, primo a studiare in modo sistematico le tradizioni e il folklore della provincia di Teramo.

Savini infatti, cita Poggio Bracciolini (1380-1459) che riferisce come questo piatto ai suoi tempi fosse molto noto a Roma, dove si consumava proprio alla data del 1º maggio ed era chiamato con lo stesso nome di Virtù, oggi usato in Teramo.

Ingredienti [modifica]

La scelta degli ingredienti può subire variazioni notevoli, sia nelle quantita' che nella tipologia degli ingredienti. Senza entrare qui nel merito della ricetta, delle quantità, delle proporzioni o della preparazione che richiede una procedura lunga e complessa, si elencano qui gli ingredienti base, in modo da dare un'idea concreta della varietà di elementi che concorrono alla realizzazione di questo piatto:

* Legumi secchi: fagioli di varie qualità, ceci e le lenticchie (da prepararsi separatamente e in modo diverso);

* Legumi freschi: piselli e fave in primo luogo;

* Verdure: zucchine, carote, patate, carciofi, bietole, indivia, scarola, lattuga, verza. cavolfiore, cicoria, spinaci, finocchio, rape

* Odori: aglio, cipolla, maggiorana, salvia, timo, sedano, prezzemolo, aneto, noce moscata, chiodi di garofano, pepe o peperoncino, pipirella, menta selvatica, borragine, finocchietto selvatico, basilico;

* Carni: prosciutto crudo, cotiche di maiale, carne macinata di manzo, lardo, lonza, piedi e orecchie di maiale, pancetta, guanciale, polpettine (o pallottine) di manzo;

* Tipi di pasta: pasta di grano duro corta, pasta fresca all'uovo di varie forme e dimensioni, qualche tortellino e qualche raviolo di carne, con il tempo si sono aggiunte paste all'uovo anche colorate;

* Altri ingredienti: olio d'oliva, sale, pepe, polpa di pomodoro.


Ecco la ricetta esposta in modo tradizionale


Ingredienti:
fagioli di più qualità, ceci, lenticchie, fave, piselli, bietole,
spinaci, indivia, misericordia, carciofi, zucchine, rapacciole,
tarassaco, scrippigni(crespigno), cicorietta, viticchi (vitalba),
borragine, finocchietto selvatico, sedano, finocchio,
prezzemolo, maggiorana, aneto, pipirella (timo serpillo),
basilico, peperone, aglio, cipolla, carote, pomodoro, mentuccia,
sale, pepe, noce moscata, peperoncino, cotenne, prosciutto,
lonza, piedi e orecchie di maiale, pancetta, guanciale,
polpettine di manzo, olio, pasta di semola di diverse forme,
pasta fatta in casa di diverse forme e colori.
ESECUZIONE

Pulire accuratamente le cotenne, il piede e l'orecchio di maiale, liberare dalla parte rancida il prosciutto e l'osso che va vuotato del midollo, spellare la lonza.
Tenere gli ingredienti in ammollo per 12 ore, poi farli bollire buttando la prima acqua (il brodo deve bollire almeno 4 o 5 ore e va sgrassato). Tutti gli ingredienti del brodo, (cotenne, piede, orecchio di maiale, prosciutto, lonza) vanno tagliati in piccolissimi pezzi, il brodo colato e piano piano aggiunto ai legumi durante la cottura. I legumi vengono cotti separatamente, le verdure lessate, tagliate e ripassate in padella con aglio e olio.
Le spezie e gli odori tritati vanno tutti insieme messi in una pentola, lessati e conservati con il loro brodo.
Fare un buon sugo con guanciale e pancetta di maiale, olio, cipolla, peperone, pomodoro, basilico, pepe, peperoncino, sale e noce moscata.
Unire le diverse qualità di legumi cotti, le verdure ripassate in padella, i profumi e le spezie lessate con il brodo, le polpettine, i carciofini e le zucchine fritte, il sugo, in modo armonico sia quantitativamente sia qualitativamente.
Lessare la pasta rispettando i diversi tempi di cottura, alla fine unirla al tutto per completare la preparazione delle virtù.
I singoli passaggi della preparazione della ricetta devono essere osservati scrupolosamente.
Proprio per i numerosi ingredienti richiesti non è facile dare le dosi giuste.

Dosi indicative per una decina di porzioni:
legumi misti 7 etti, verdure 1 chilo, profumi e spezie 3 etti,
pasta fatta in casa 6 etti, sale e pepe quanto basta.


Sasholina

INVOLTINI DI VERZA

-500ml di brodo
-1 cucchiaio di olio
-1cipolla
-2 spicchi di aglio
-1 peperone rosso
-250g di funghi
-110g di riso arborio
-60g di formaggio magro grattugiato
-15g di basilico
-6 foglie diverza
-800g di pomodori pelati
-1 cucchiaio di aceto balsamico
-1 cucchiaio di zucchero di canna

-Scalda il brodo e mantienilo al bollore. Ungi d'olio una grande padella, aggiungi cipolla ed aglio, e cuoci finchè non sono teneri.Aggiungi il peperone, i funghi ed il riso, e mescola bene. aggiungi gradualmente 125 ml di brodo, mescolando finchè il liquido non è assorbito. Continua ad aggiungere un pò per volta il brodo finchè il riso non è cotto (circa 20 minuti). Togli dal fuoco, aggiungi il formaggio e il basilico, regola bene di sale e pepe.
-togli i gambi dalla verza, lessa le foglie, una alla volta, in una pentola di acqua bollente per 30 secondi. Asciuga su un canovaccio. Togli tutte le nervature dure delle foglie con un coltello affilato, ma senza dividere in due la foglia. Se necessario sovrapponi un po' i due lembi per avere una superficie compatta. Metti un cucchiaio di ripieno nella foglia e arrotola. Lega con spago da cucina.
-Metti il pomodoro, l'aceto balsamico e lo zucchero di canna in una padella antiaderente e mescola bene. Aggiungi gli involtini, copri, e cuoci per 10 minuti. Togli lo spago e servi con il pomodoro.

una porzione ha solo 175 kalorie
7mg di colesterolo
20g di carboidrati
6 g di grassi........................BUONA E IPOCALORICA!!! CONVIENE NO?!!!

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Sasholina il 22-11-2008 14:22 ]

egibea

PICI CON SALSICCIA E CIME DI RAPA
( pici = pasta senese fatta con farina ed acqua SENZA uovo)
se non la trovate al super ( esselunga ce l'ha) vi daro' la ricetta
qualora abbiate tempo potete prendere le cime di rapa da far bollire- visto che io la sera torno tardi ed ho bisogno di un piatto di pasta uso quelli congelati
Chiaramente i pici possono essere sostituiti da spaghetti, tagliatelle - pasta lunga comunque
Mettere l'acqua a bollire ( nel caso usiate i pici abbondante) ed unite i broccoli che avete tolto dal surgelatore. Teneteli per circa dieci minuti in modo tale che l'acqua della pasta abbia gia' in se' il sapore delle cime di rapa - passati i 10 minuti togliete le cime di rapa e mettetele su un piatto .
In un tegame separato mettete un po' di olio e unite 2 salsicce . Una volta cotte, subito su un piatto per farle raffreddare, e nell'olio di cottura delle salsicce unite un po' di peperoncino, una piccolissima parte di pasta d'acciuga ( POCHISSIMA!!!) e due specce ( si dira' cosi' in italiano bohhh? ) d'aglio vestito. una volta che la pasta d'acciughe ha preso colore rimuovete l'aglio, metteteci le cime di rape sminuzzate, le salsicce che avrete provveduto a spellare e sminuzzare anch'esse e girate. Nel contempo buttate giu' la pasta, una volta cotta unitela al sughetto, spengete il fuoco ed aggiungete una bella manciata di pecorino stagionato e due foglie di basilico
BUON APPETITO

anonimo

Ieri ho fatto questi biscotti:

Biscotti al papavero e mirtilli rossi (io ci ho messo la marmellata di lamponi, non avevo mirtilli in casa :P)

150 g di marzapane
200 g di farina bianca
75 g di zucchero
1 pizzico di sale
1 uovo
100 g di burro freddo
50 g di papavero macinato
200 g di mirtilli rossi in scatola

Sminuzzate il marzapane. Accendete il forno a 180° e coprite di carta da forno due placche.

Impastate la farina, lo zucchero, il sale, l'uovo, il burro e il papavero fino ad ottenere un composto omogeneo. Incorporate il marzapane e lavorate la pasta per qualche minuto, quindi formate dei rotoli di 3 cm di diametro. tagliate i rotoli a fette alte 2 cm e ponetele sulle placche. Schiacciate con il dito la pasta al centro dei biscotti e versate nella cavità un pochino di mirtilli. Cuocete i biscotti sul ripiano centrale del forno per 12 minuti e fateli raffreddare.

Non sono venuti malaccio, ma nel forno si sono un po' 'liquefatti'. Forse la temperatura era troppo alta, non lo so... Il mio forno è vecchio e a gas, e le temperatura non sono indicate.

revolution_luna

Come promesso, ecco la ricettina..


TRECCIA SALATA

Ingredienti:
lievitino

100 gr di acqua
100 gr di farina 0
1 lievito di birra


impasto

400 gr di farina 0
100 gr di acqua
50 gr di latte
1 bicchiere di olio di semi (quello bianco di plastica)
1 cucchiaino di sale

ripieno

125 gr di mozzarella
150 gr di certosa o stracchino
100 gr di prosciutto cotto



lievitino:

Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida e impastare rapidamente con la farina (è molto liquido), lasciar lievitare mezz'ora.

Passata la mezz'ora riprendere il lievitino e mettere dentro l'acqua, il latte, la farina, l'olio e il sale.
Impastare (il composto è molto morbido se lo ritenete aggiungete la farina ma non troppa) e lasciare lievitare 1 ora.
Poi metterlo sulla spianatoia (non aggiungere farina è meglio)lavorarlo velocemente, formare un cilindro e dividerlo in tre parti uguali e ricavatene altri 3 cilindri.
Con un coltello incideteli per la lunghezza, allargandoli un po per mettere il ripieno.
Negli ingredienti c'è questo tipo di ripieno, ma si può sostituire con qualuque cosa, ad esempio come ho fatto io speck e certosino
Chiudere i cilindri (è molto semlice, l'impasto è morbido e oleoso, si chiude molto velocemente) e intrecciarli tra loro prorpio a formare una treccia. Spennellare con uova e lasciar lievitare per 30 minuti sulla placca del forno.
Infornare a 180° per circa 35 minuti..

Questo il risultato..

Visualizza immagine

E l'interno..

Visualizza immagine



Una prelibatezza per il palato..





(la ricetta è presa da altro forum)

bani

io di quella treccia, presa dallo stesso forum, faccio la versione dolce, ripiena di nutella e ricotta (ma variabile a piacere come per la versione salata: marmellata, crema, frutta... )

Visualizza immagine

bracchetto

e stasera....

Brasato al Barolo

Ingredienti per 6 porzioni
1 pezzo di manzo di 1,5 kg
70 gr di burro
1 bottiglia di Barolo
1 cipolla
1 carota
1 gambo di sedano
1 spicchio d'aglio
2 foglie di alloro
3 cucchiai di farina bianca
pepe in grani
sale


Preparazione
Legate la carne con spago da cucina e sistematela in una casseruola a bordi alti. Unite le verdure a tocchetti, lo spicchio d'aglio schiacciato, le foglie di alloro, il sale e 6 grani di pepe pestati. Aggiungete vino sufficiente per coprire la carne e lasciate marinare a temperatura ambiente per almeno 12 ore, meglio 24 (in tal caso, ovviamente, in frigo).
Al termine della marinatura, scolate la carne e infarinatela, tenendo da parte il liquido della marinata.
Ponete sul fuoco una pentola per stufati, mettetevi il burro e lasciatelo rosolare. Aggiungete la carne e proseguite la rosolatura, rigirando di tanto in tanto.
Dopo 15 minuti irrorate la carne con la marinata filtrata, coprite e lasciate cuocere a fuoco basso per almeno 4 ore, a seconda della durezza della carne. A cottura ultimata accomodate la carne su un piatto e tenetela in caldo.
Filtrate l'intingolo rimasto nella casseruola, versandolo in un secondo recipiente . Affettate la carne, sistematela sul piatto da portata, irroratela con l'intingolo e servite.

in tavola servite con lo stesso vino usato per cuocere la carne.
se non avete il barolo, che costa un bel po', scegliete un rosso secco a media gradazione, di sapore legnoso e non troppo fruttato. va bene anche un chianti di media qualità. chiaramente il saporte non è lo stesso.
per il brasato, che è un piatto lungo ma molto sempplice, la cosa essenziale è scegliere un buon vino. se lo fate con un vinaccio scadente, la carne sarà acida. mi raccomando!



bracchetto

l'ovvia morte del brasato è la polenta.... stasera farò quella liscia, di farina gialla, ma... c'è di meglio!
(ricetta non adatta a chi ha le coronarie toppe)

Polenta Uncia

Ingredienti per 6 porzioni
450 grammi di farina per polenta taragna (farina di grano saraceno)
500 grammi di formaggi valtellinesi (bitto, casera, Valtellina)
200 grammi di burro
10 foglie di salvia
4 spicchi di aglio
sale grosso
2 litri di acqua


Preparazione
In un paiolo di rame versare l'acqua, il sale grosso e la farina della polenta e cuocere per circa un'ora mescolando spesso.
Nel frattempo tagliate i formaggi a cubetti.
Quando la polenta è cotta, in un pentolino sciogliete il burro con l'aglio e la salvia, facendolo insaporire senza friggere finché l'aglio non si sarà dorato e le foglie di salvia risulteranno croccanti.
Versare il burro fuso e i formaggi nella polenta e girare velocemente in modo che i formaggi, scaldandosi, si fondano ma che rimangano a pezzi.



Sasholina

Quote:

28-11-2008 alle ore 20:20, Freedom wrote:
ma una tipa a caso che per caso e dico per caso ha ipertensione e diabete, che dovrebbe fare leggendo ste ricettine?





se la tipa in questione sei tu...questo dolce è solo per te!

prima un po di valori, così vedi se vanno bene!!!!

grassi 3,5g
carboidrati 55g
fibre 1g
colesterolo 7mg
per porzione...

COPPINE DI RISO

dosi per 4

110g di riso
1 litro di latte
60g di zucchero
un cucchiaino di scorza di limone
un cucchiaino di scorza di arancia
un cucchiaino di essenza di vaniglia
20g di nocciole
un cucchiaio di zucchero di canna

1_Lava il riso sotto acqua corrente poi lascia scolare. Mescola il latte e lo zucchero, fai cuocere a fuoco basso in un pentolino antiaderente finchè lo zucchero non sarà completamente sciolto. Aggiungi il riso e mescola. Porta a bollore e fai cuocere a fiamma bassa per un'ora. Il riso deve essere tenero e la consistenza cremosa. Aggiungi l'essenza di vaniglia.

2_Mentre il riso cuoce, fai tostare le nocciole in una teglia in forno a 180° per 5minuti. Strofina le nocciole calde con un canovaccio per spellarle. Lasciale raffreddare e poi tritale con un mixer. Riscalda il grill al massimo.

3_Dividi il riso in 4 pirottine da circa 185ml. Mescola lo zucchero e le nocciole e spargere sopra il riso. Mettere sotto il grill finchè lo zucchero non si è indurito e le nocciole non sono annerite. servi immediatamente.

anonimo

Poco fa ho fatto questa:

Torta ubriaca
Ingredienti:
- 250 gr burro
- 250 gr farina
- 250 gr zucchero
- 4 uova
- 100 gr di cioccolato fondente
- 125 ml di vino rosso
- 1 cucchiaino di cacao amaro
- 1 bustina di lievito in polvere per dolci

Far sciogliere il burro, poi lasciarlo da parte a raffreddare.

Mettere il cioccolato fondente nel vino

e farlo sciogliere mescolando spesso.
Lasciare anche questo da parte a raffreddare.

Sbattere le uova con lo zucchero, poi aggiungere, amalgamando bene ogni ingrediente:
il cacao, il burro raffreddato e il cioccolato fuso nel vino.

Aggiungere la farina poco alla volta, per non far formare grumi, infine aggiungere il lievito.

Mettere in uno stampo imburrato e infarinato e cuocere in forno a 180° per 40/50 minuti.

Come vino io ho usato il sangue di giuda.

Approfittando del forno caldo ho fatto anche dei biscotti con le mandorle... ma non sono nulla di che ^^

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Ribes_Babyluv il 01-12-2008 00:58 ]

calzinimaya

prendo un angolino per scrivere la ricetta dei ravioli di crema, ieri li ho fatti con la mia mamma e la sorella del mio nonnino, che non c'è più da marzo ma che ieri era li con noi....
sono un po' particolari ma a chi piace il dolce-salato...

-PASTA
.2 kg di farina
.3 uova
.acqua fredda q.b. per impastare e ottenere un impasto bello omogeneo ed elastico

-RIPIENO
.3 confezioni di amaretti
.1/2 pacchetto di oro saiwa
.1 pacchetto di uva sultanina.
.300 g grana grattuggiato
.250g pan grattato
.2/3 uova (dipende dalla grandezza)
.50 g cedro candito
.10 mentoni (le caramelle di menta quelle bianche di zucchero )
.1/2litro di acqua e 2 dadi


mettere a bollire l'acqua e farci sciogliere i dadi, poi versare il brodo caldo sugli amaretti e gli oro saiwa sbriciolati, aggiungere le uvette e lasciare ammollare fichè il tutto è tiepido.
poi aggiungere il pan grattato, il grana, i mentoni tritati, il cedro a pezzettini e le uova intere.
mescolare bene fino a ottenere un impasto bello morbido.
stendere la pasta e fare dei tortelli (le dimensioni sono a scelta)
condire con burro fuso noisette e grana..

ciao nonnino..


Freedom

una volta l'anno faccio il panettone e devo dire che riesce bene.
accendere il forno a 200 gradi
sciogliere in una tazza di latte appena tiepido cinque cubetti di lievito di birra e versare il composto in un contenitore grande. Aggiungere cinque uova intere,, cinque cucchiai di zucchero, cinque cucchiai di miele. 250 gr. di burro fuso la scorza di un limone grattuggiata, una fialetta di aroma per dolci all'arancia, una alla mandorla amara e una al rumh, un pizico di sale, aggiungere farina a pioggia, ce ne vuole un chilo e mezzo circa e un bicchiere e mezzo di acqua frizzante (sostituisce il bicarbonato che servr a rendere morbidi i dolci),una bistina di lievito in plovere .
quando il composto sarà sufficientemente denso, rovesciare il tutto sul tavolo da lavoro infarinato e manipolarlo a lungo aggiungendo farina se occorre, fino ad ottenere un impasto morbido ma che non sia appiccicoso al tatto, infine incorporare , canditi tagliati a pezzetti e uva sultanina rinvenuta in acqua tiepida e rumh .e se volete gocce di cioccolato per dolci
dividere il composto ottenuto in due parti uguali e metterle in due stampi dal bordo aldo e liscio imburrati ed infarinati, guarnirli con granella di zucchero e mandorle o nocciole .
spegnere il forno che nel frattempo avrà raggiunto la temperatura di 200 gradi e inserire i panettoni a lievitare per per 45 minuti, trascorso questo tempo riaccendere a 180 gradi per altri 45 min, il tutto senza mai aprire il forno.


lasciare raffreddare per un po' negli stampi, quindi rovesciare a testa in giù

questo è lo stampo che più o meno uso io






[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Freedom il 08-12-2008 22:21 ]

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Freedom il 11-12-2008 18:05 ]

revolution_luna


Questa crostata è velocissima da fare, ed è strabuona (chiedete alle milanesine che l'hanno provata ). Resta bella morbidina, non friabile come la crostata.

La ricetta è presa da altro forum, revisionata leggermente.

crostata morbida

200 gr. di farina
180 gr di zucchero
120 gr. di burro morbido
80 gr. di yogurt
2 uova + un tuorlo
un cucchiaino di essenza di vaniglia (o bustina di vanillina)
un cucchiaino abbondante di lievito vanigliato
cannella


Mescolare insieme tutti gli ingredienti soliti in una ciotola e quelli liquidi in un'altra, unire i due impasti e mescolare bene.
Mettere in uno stampo da crostata, livellare un pò e mettere della marmellata a cucchiaiate sulla superficie (mescolate pure i gusti, se ne avete da finire, è più buona ancora, in questa foto marmellata di pesca e prugna) in questo modo:


Visualizza immagine


Infornare in forno caldo e 180° per 35/40 minuti.

Lievitando l'impasto si alzerà, racchiudendo la marmellata, mi raccomando abbondare..


Il risultato è questo:


Visualizza immagine





Si può fare con la nutella..
Con crema pasticcera e mele..
Con marmellata e fettina di mela:

Prima della messa in forno

Visualizza immagine

Dopo la cottura:

Visualizza immagine

L'interno:

Visualizza immagine



Ieri l'ho fatta nello stampo del plumcake, mettere metà dell'impasto nello stampo, mettere la marmellata, coprire con restante impasto e mettere marmellata sulla superficie. (albicocca e mirtilli)


Prima della cottura:

Visualizza immagine


L'interno:

Visualizza immagine



Buon appetito

Uova al tegamino

Ingredienti:

- 2 Uova
- Sale
- Pepe
- 1/2 Cucchiaio di olio extravergine di oliva


Preparazione:

Scegliere con accuratezza un tegamino con fondo antiaderente abbastanza grande per contenere agevolmente entrambe le uova.

Oliarlo con cura (volendo si potrebbe inburrare anche con un pennellino) prima di accendere il fuoco.

Far andare in temperatura l'olio e poi rompere delicatamente le uova.

Salate la solo l'albume e non il tuorlo... un pizzico di pepe...

E VIA!!!



Vista la complessità della ricetta, voglio dare una mano ad eventuali problematiche che si potrebbero presentare ai meno esperti!

1. Qualora mettendo le uova nel tegame ci si accorgesse che il tegamino è troppo piccolo per due uova, potreste trasformare la ricetta in uova strapazzate, cominciando a mescolare a fuoco lento per qualche minuto...

2. Se non riuscite a romperle al 5° tentativo, consiglio vivamente di usare la fiamma su un pentolino di acqua bollente... gettarvi le uova (senza romperle!!!)... et voilà!

3. Qualora vi cadessero le uova prima ancora di metterle nel tegame, avrete fatto semplicemente una frittata!!!



axwolf

il mio regno per quanto sotto ...
potessi sedermi a tavola e, soprattutto, trovar pronto
niente, m'è presa la gola:

Tagliolini al profumo d'arancia
Ingredienti
2 arance non trattate
1/2 cartoncino di panna liquida
50 gr. di burro
2 tuorli
1 pizzico di coriandolo
sale e pepe

Preparazione
Fondete il burro ed aggiungete la scorza grattugiata di un'arancia. Ricavate dei piccoli filamenti di scorza dall'altro frutto (l'ideale sarebbe il rigalimoni, ma ve la caverete anche con un coltellino affilato e molta pazienza) e metteteli da parte. In una ciotola, battere i tuorli con il succo di un solo frutto e la panna intiepidita, quindi profumate con il coriandolo, salate e pepate a piacere. Cuocete al dente i tagliolini e conditeli con il burro e la salsa, mescolando rapidamente. Servite subito, dopo aver guarnito con i fili di scorza.

dunque ... mai fatti e mai mangiati, ma credo l'ora sia vicina ... aggiungerei magari dei gamberetti o delle capesante, con un vino bianco profumato, magari un Inzolia siculo
ciao, ora vado a polenta e gorgonzola


Visualizza immagine

Sasholina

ier sera ho fatto ciò....:

STRUDEL DI SPINACI (BONO!)

Ingredienti per 4 persone

per la pasta
-250g di farina bianca
-2 uova
-1pizzico di sale.
per il ripieno
-1kg di spinaci
-2 cucchiai di parmigiano grattugiato
-1 pizzico di noce moscata
-sale
per condire
-30g di burro fuso
-4 foglie di salvia
-3 cucchiai di parmigiano grattugiato
-1spicchio di aglio

_pulite e lavate gli spinaci, metteteli in una pentola,salateli e fateli cuocere per circa 5 minuti. Passateli subito sotto l'acqua fredda, strizzateli, tritateli, metteteli nella terrina, aggiungete ricotta formaggio, noce moscatae mescolate con un cucchiaio di legno.

_Preparate la pasta disponendo a fontatna 200g di farina con un pizzico di sale e le uova al centro ed impastate il tutto. Con il mattarello stendete la pasta formando una sfoglia sottile di forma ovoidale. Disponetevi il ripieno e avvolgete la pasta formando un rotolo. Sigillate le due estremità.

_Mettete sul fuoco la pentola con acqua salata, portate ad ebollizione, mettetevi lo strudel, incoperchiate e fate cuocere a fuoco medio per circa venti minuti. Fate intanto dorare il burro in un padellino con salvia e aglio.

_Scolate e lasciate riposare lo strudel per tre minuti, quindi fatelo scivolare sul piatto di portatata. Tagliate a fette, spolverizzate col formaggio, cospargete con il burro caldo e servite subito.


ALF

carissime...ho bisogno di voi!! vorrei dilettarmi nel fare la "marmellata" di peperoncino e quella di cipolle...sapete darmi qualche dritta.in verità quella di peperoncino sono riuscita a captarla in tv, mi mancano però i tempi, cioè li ricordo vagamente, e non essendo pratica non so se sono cose che si possono fare ad occhio.
Ecco quella che ho:
1kg di peperoncino
400gr di zucchero
lasciare riposare per X minuti, il peperoncino rilascerà acqua
cuocere per 40 minuti

dite che posso fare ad occhio? l'avete mai fatta? e con le cipolle?
sono favolose! vicino a casa mia c'è un azienda che produce peperoncini e che fa anche queste prelibatezze...ma sai in un momento di follia mi è venuta voglia di lanciarmi in questa impresa!
grassssieee!

revolution_luna


Marmellata di cipolla

1 kg di cipolle di Tropea (peso netto dopo mondate)
2 dl di aceto di mele o di vino (che sia buono e di sapore deciso)
4 foglie di alloro
500 g di zucchero
2 cucchiaini colmi di sale

Tagliate le cipolle a fettine sottilissime e non troppo lunghe. Mettetele in una pentola d’acciaio o altro materiale ma non di alluminio. Unite alloro, aceto e sale, mescolate bene e coprire, lasciate macerare per almeno 3 ore. Poi aggiungere lo zucchero, mescolare e lasciare altre 4-5 ore. A questo punto mettere la pentola sulla fiamma, portate a bolloree far cuocere, per 35-40 minuti, mescolando ogni tanto a fiamma abbastanza sostenuta. Versare bollentissima nei barattoli riempiendoli fino a 1 cm dal bordo, chiudeteli bene e rovesciarli a testa in giù fino a che saranno solo tiepidi. Rimetteterli dritti e riporli.


Marmellata di peperoncini

Ingredienti:
1 Kg. Peperoncini rossi tondi
1 Kg. Zucchero
1 Limone (succo)


Lavare i peperoncini, privarli dei semi e metterli in una pentola.(usare dei guanti per fare questa operazione) con lo zucchero e il succo del limone. Lasciar cuocere 20 minuti circa mescolando di tanto in tanto.
Frullare il tutto con un frullatore ad immersione e proseguire la cottura (a fuoco basso e con spargifiamma) per circa 2 ore.
Raggiunta la giusta densità (fare la prova piattino), invasare a caldo, idem come sopra.



Queste marmellate sono consigliate abbinate a formaggi, arrosti, pollo, bollito di carne ma anche per i crostini, come antipasto o aperitivo.. Buon appetito

CiUcHiNo

vi faccio una domanda difficilissima, se sapete rispondere assumerete il ruolo ufficiale di Vergara nel mio immaginario
Allora avete presente la salsa definita "cacciatora" per cucinare le carni, soprattutto selvatiche? ora a parte le varianti sugli ingredienti quello che a me preme sapere è questo:

- l'esatta quantità di TIMO espresso in peso o N° di foglie (con relativa misura standard in millimetri delle stesse) per KG di carne (da specificare se comprensiva d'ossa o meno) da tritare nell'impasto del sugo E anche la quantità da inserire nella vasca con vino e spezie ove la carne deve riposare prima della cottura, quantità precisa affinchè il sugo e la carne a preparazione ultimata non risultino avere un sapore troppo accentuato della spezia in oggetto, che l'è molto forte e molto bastarda.

Irene88

Ecco una ricetta gustosa
Le dosi non ci sono ma io mi sono regolata per 4 persone

PASTA CON ZUCCHINE E GAMBERETTI

Ingredienti
Circa 500 gr di gamberetti
4 o 5 zucchine
Visualizza immagine
1 pomodoro
Cipolla

Sgusciate i gamberetti, lavateli e metteteli da parte.
Nel frattempo spellate le zucchine e tagliatele a dadini.
Fate rosolare olio e cipolla (io uso la cipollina fresca), appena quest'ultima è dorata gettarvi le zucchine e il pomodoro tagliato sempre a dadini.
Ora fate cucinare, mettendo ogni tanto un pò d'acqua, finchè le zucchine saranno ben cotte, e con un cucchiaio di legno schiacciatele, dovrebbe venir fuori tipo una crema.
Una volta cotto il sughetto, mettete dentro i gamberetti e fateli cuocere per circa 10 min.
Una volta pronto il sughetto potete condire la pasta

A me piace tantissimo

Irene88

Altra ricetta

RISO CON ZUCCA E PANCETTA

Ingredienti 4 persone:

Zucca rossa (circa 300/500gr)
Pancetta dolce o affumicata (circa 150/200 gr)
Cipolla o cipollina
Vino bianco (circa 50 gr)
Brodo vegetale
Riso (300 o 350 gr)

Pulite la zucca e tagliatela in piccoli dadini.
Fate rosolare la cipolla nell'olio e una volta dorata gettate prima la pancetta e poi la zucca.
Fate cuocere, e ogni tanto aggiungete un pò di acqua.
Quando la zucca sarà bella cotta, schiacciatela col cucchiaio di legno (non fa niente se ne resta qualche pezzettino intero).
Ora aggiungete il riso, fate insaporire e dopo un pò fate sfumare con il vino bianco.
Una volta che il vino è sfumato del tutto, aggiungete del brodo vegetale e quando notate che il riso è asciutto aggiungetene dell'altro finchè il riso è pronto.

Fine

Ottima ricetta

GattoTiti

A propo della pasta zucchine e gamberetti.
Io la preparo come Andromacha, ma ho fatto recentemente una scoperta: i gamberetti son buonissimi se cotti con un velo di birra rossa.
La stessa ricetta è altrettanto eccellente con i peperoni verdi.

Cappio

buona, deliziosa sublime...mhh per dire quella originale, buona, quella con la base di biscotto e il mix di "formaggi" sopra e infine la gelatina di frutta o la marmellata...su internet ho trovato anche ricette di cheese cake fatte a mo' di panettone ma non sono la versione originale
credo che la difficoltà stia nel trovare il giusto mix e la giusta quantità di formaggi..filadelfia?ricotta?mascarpone?panna?cosa?quanto?

ps: dalle 21 in poi ho degli sporadici attacchi di dislessia, per cui sono poco comprensibile...

revolution_luna


Si devono rispettare gli ingredienti richiesti.
Il dolce deve passare una notte in frigorifero, è compattandosi, che si sente la famosa " texture ".
La salsa alla fragola è un optional, può essere sostituita con mirtilli, albiccoche gratinate, a scelta.

Questo sarebbe il tradizionale per intenderci.
Ingredienti Massa 1 :
450 grammi di Philadelphia cream cheese
2 uova intere
150 grammi di zucchero
2 cucchiai di succo di limone.


Ingredienti Massa 2
125 grammi di biscotti Digestive Mc Vities
2 cucchiai di zucchero
60 grammi di burro sciolto
cannella a piacere


Ingredienti Massa 3:
1 vasetto di Sour cream, o panna acida ( 200 grammi)
2 cucchiai di zucchero
1 cucchiao di estratto di Vaniglia pura o 2 buste di vaniglina.


Ridurre i biscotti in farina e mettere il burro, lo zucchero e la cannella. Mescolare il tutto e versarlo nello stampo a cerniera, premendo il composto con il dorso di un cucchiaio da minestra.
Stendere bene e mettere lo stampo in frigorifero per 1/2 ora, in modo che il burro si rassodi.


Preparare la massa 1, mettendo tutti gli ingredienti nel robot, mixer, frullatore..
Far girare il tutto per dieci minuti, verrà un composto abbastanza liquido, è tutto normale.
Versare questo composto sul fondo di biscotto tirato fuori dal frigo.

Il dolce è pronto a andare in forno, preriscaldato per 20 minuti a 150 gradi e dall'inizio coperto da una foglio di alluminio in quanto deve rimanere color avorio .
Quando il dolce è cotto lasciar raffredare per 30 minuti in forno spento e poi lo tirarlo fuori per metter il composto 3.


Mescolare la massa 3, 200 grammi di panna acida, con 2 cucchiai di zucchero e 1/2 cucchiao di estratto puro di vaniglia , o 2 buste di vanillina.

Versare la massa 3 sul dolce cotto, stendere bene e rimettere il dolce in forno per 30 minuti.
Poi lasciar raffreddare e mettere tutta la notte in frigo. (se si aspetta un giorno intero o meglio il giorno dopo è migliore)

Il dolce è pronto.



La salsa alle fragole:

Per la salsa alle fragole

750 grammi di fragole, peso netto, già lavate, asciugate e peduncolo rimosso
180 grammi di zucchero
70 grammi di acqua
1 pizzico di sale
1 cucchiaio e mezzo da minestra di maizena
2 cucchiai da thé di burro
1 cucchiaio da thé di succo fresco di limone


Tenere qualche fragole da parte, le piu belle. Se sono piccole si lasciano cosi, se sono grandi, affettarle in modo di averne 200 grammi.
Mettere le restanti fragole in una pentola e schiacciarle. Aggiungere zucchero, acqua, sale e maizena. Mescolare bene con la spatola e portare a bollore su un fuoco medio, mescolando sempre. Ridurre la fiamma e continuare a cuocere mescolando sempre, finchè la salsa si addensi leggermente. Togliere dal fuoco, aggiungere il burro, il succo di limone e le fragole messe da parte. Far raffredare a temperatura ambiente e mettere in frigo. Questa salsa puo essere fatta il giorno prima.



Ps: a vera base del cheese cake è la seguente:

Per uno stampo da 22 centimetri

55 grammi di zucchero
Scorza gratuggiata fine di mezzo limone
2 cucchiai da minestra di burro freddo non salato tagliato a pezzi ( 30 grammi)
1 tuorlo piccolo
mezzo cucchiaio da minestra d'acqua
mezzo cucchiaio da thé di estratto puro di vaniglia
120 grammi di farina normale


Mettere lo zucchero e scorza di limone nel robot per 5 secondi, aggiungere il burro, il tuorlo, la vaniglia e far andare finchè il miscuglio si presenta granuloso, il burro dovrebbe essere in pezzetti di 1 cm. Aggiungere la farina e far andare a grande velocità finchè la pasta diventa liscia e omogenea e forma una palla, fermarsi ogni tanto per pulire i bordi del mixer! Mettere la pasta ottenuta nella pellicola e premere affinchè si ottiene un panetto di 2 cm, in frigo per un'ora. Si cuoe in forno a 200 gradi.


Di solito si usa la simile base coi digestive perchè più veloce..


PPS: Io odio il cheese cake




La ricette sono prese dai fondi segreti di Rev (altro forum )

Fammi sapere Cappio..

Andromacha

Boston Cream Pie:
(vi do le istruzioni con le misure americane e di sotto riporto la tabella di equivalenza). Servirà una semplice crema alla vaniglia come riempimento della torta (se serve la mia ricetta, chiedetemela che vi posto pure quella)

Occorrente:
- burro ammorbidito 1/2 CUP
- zucchero 1 CUP
- uova 3
- farina 00 2 CUPS
- lievito q.b. (circa due cucchiaini miscelati con un po' di farina)
- latte 1/2 CUP

Esecuzione:
Combinare il burro e lo zucchero finchè non risulta un composto liscio e omogeneo; unire le uova una alla volta; unire la farina e il latte e per ultimo il lievito.
Cuocere a circa 180° per una mezzora, finchè non supera la prova stuzzicadenti (quello che io faccio è tenere la temperatura sui 150-160 finchè non vedo che inizia a lievitare, dall'inizio della lievitazione lascio passare dieci minuti e poi aumento la temperatura).

Lasciare raffreddare bene possibilmente su una gratella così non si inumidisce. Quando è ben raffreddata, tagliare a metà in senso latitudinale. Distribuire la crema alla vaniglia e richiudere la torta. Coprire i lati e la parte superiore della torta con la glassa al cacao.

Per la glassa. Occorrente:
2 cucchiai di burro
1 oncia cioccolato fondente in tavoletta - io preferisco quello al latte
1 CUP zucchero a velo
2 cucchiai di acqua bollente.

Esecuzione:
In un pentolino mettere a sciogliere il cioccolato insieme al burro a fiamma medio-basso in modo che non si bruci, avendo cura di mescolare sempre. Aggiungere poi lo zucchero a velo piano piano mescolando sempre. Nel frattempo mettere dell'acqua a bollire in un altro pentolino - no al microonde perchè ci vuol proprio l'acqua che fa le bolle e il microonde spesso la riscalda oltre la temperatura di ebollizione. Aggiungere sempre mescolando i due cucchiai di acqua bollente al composto. Dovrebbe risultare un composto piuttosto denso, ma scorrevole. Appena pronto va immediatamente versato a copertura della torta perchè raffreddando si indurisce.

CONVERSIONI:

1 CUP --> 140 grammi
1 cucchiaio --> 15 ml
1 oncia --> 30 grammi


Foto:


[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Andromacha il 07-01-2009 16:20 ]

revolution_luna

Se vi avanza del pane e divnta raffermo, non buttatelo! potete fare o bel pancotto oppure.. Una bella torta!


Torta di pane appena fatta

ingredienti:

250 gr di pane raffermo
750/800 gr di latte
170 gr di zucchero
30 gr di brandy o rum o liquore a piacere
3 mele (o pere)
70 gr di uvetta
la scorza di un limone
1 uovo
cannella
gocce di cioccolato (a piacere)
frutta secca (a piacere, noci, nocciole, mandorle)

Tagliare a pezzi il pane e metterci tutto il latte (la quantità è un pò variable, metterne il minimo e aspettare, dopo alcune ore rilascia), intanto mettere a mollo l'uvetta.
Quando il pane sarà molliccio tagliare le mele a pezzetteni piccoli, aggiungere tutti gli ingredienti direttamente, tranne l'uovo che aggiungerete all'ultimo leggermente sbattuto.

Otterrete un impasto simile:

Visualizza immagine


Imburrare ed infarinare una tortiera, cospargere di zucchero e infornare a 180 gradi per circa un ora e mezza (dipende dal forno, quando sarà bella colorata spegnete, no meno di un'ora di sicuro)

Visualizza immagine


Cotta

Visualizza immagine


Buon appetito!

Visualizza immagine


La frutta secca e le gocce di cioccolato possono non essere messe se non vi piacciono.

La ricetta è presa da altro forum e revisionata da me


PS: un piccolo suggerimento.. Servitela accompagnata da crema pasticcera magari calda..








[ Questo Messaggio è stato Modificato da: revolution_luna il 08-01-2009 16:42 ]

Irene88

Come fate la mollica per le cotolette?
Io uso pangrattato fatto da me con il pane raffermo, basilico, spezie e uno spicchio di aglio.
Poi quando devo impanare carne o pollo (che prima metto a bagno in olio, limone e sale) aggiungo parmigiano e pecorino.
Voi avete altre idee da darmi?

Prossime risposte




Home page - Chi siamo - Contatti - Pubblicit�