home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Varie  >>  Ti fa schifo il cane? - Discussione n 82000 - PermaLink
   Ti fa schifo il cane?

( 1 | 2 ) Avanti  >>> 
Autore
Inizio discussione    ( Risposte ricevute: 17 )
Margherituccia

Registrato dal: 14-03-2007
| Messaggi : 4853
  Post Inserito 28-07-2013 alle ore 09:21   
I cani ti fanno schifo? Ecco i dieci comandamenti per te
Valeria Rossi | 5 dicembre 2011 | 246 Commenti | Stampa articolo
Sì, lo so, i lettori abituali di “Ti presento il cane” forse rimarranno un po’ sorpresi da questo articolo: che – ovviamente – non è diretto a loro. Però… provate a stamparlo e a tenerne in tasca una decina di copie da distribuire a coloro che vi sembreranno adatti a riceverne una. Scommetto che nel giro di una settimana dovrete provvedere alla ristampa.

1 – Se hai paura dei cani, quando ne incontri uno per strada, al guinzaglio, puoi anche cambiare marciapiede. O strada, negozio, bar.
Non è obbligatorio che tu stia proprio lì: non hai le rotaie sotto né sei legato a fili aerei come i tram. Anche se ti sembra incredibile, ti puoi sposta’!
Se resti sullo stesso marciapiede ma ti spiaccichi al muro come se stessero per fucilarti, e quando il cane ti passa vicino fai: “AHHHHHHHHHHHHHHHHH!!! LOTENGAAAAAAAAAAAA!!!!”, il cane si interesserà forzatamente a te.
Qualsiasi essere vivente al mondo si volta curioso verso chi strilla come un’aquila, a meno che non sia completamente sordo. E i cani, quasi sempre, sordi non sono: anzi, hanno un udito della madonna.
Se non vuoi che il cane ti guardi o tiri verso di te con l’intenzione di darti un’amichevole sniffatina (pensiero del cane: “Cosa sarà mai questo strano oggetto caciarone? Fa un po’ annusa’…”), spostati PRIMA. E senza far casino.

2 – Se hai paura dei cani, evita anche di partire a trecento all’ora ululando come una sirena se un cane libero ti si avvicina: perché scappare e strillare è ciò che fanno le prede.
E siccome il cane discende dal lupo, che è un predatore, l’impulso di rincorrere chi scappa ce l’ha.
Poi magari è un cane socializzatissimo che vorrebbe solo giocare…ma tu ti caghi sotto lo stesso. E allora, santiddio, NON CORRERE. Allontanati con calma, lentamente, senza gesticolare né strillare.
Perché correre via urlacchiando quando si ha paura dei cani è come aver paura di Tyson e andargli a dire “Ehilà, imbecille! Come stai?”
Che se Tyson poi ti molla un c***otto, non è che sia proprio tutta colpa sua.

3 – Se ti fa schifo che un cane ti lecchi la faccia o ti baci in bocca, evita di piantargli la suddetta faccia a portata di lingua.
Saranno millemila volte che mi succede o che lo vedo succedere: la Sciuramaria incontra per strada il canepiccolo (del quale non ha paura, perché è appunto piccolo) e allora, pur essendo sostanzialmente un po’ cinofoba, fa la figa e va a strufugnargli il naso con il suo.
Dopodiché parte lo SLAP, e la Sciuramaria fa la faccia schifatissima e urlacchia: “Oddioooo!!! Mi ha leccatooooo! Che schifooooo!”.
Mo’, io capisco che tu possa inorridire se incontri un boxer che ti vede per la prima volta in vita sua, decide che ti ama alla follia, salta su e ti pianta du’ metri di inaspettatissima lingua in bocca: ma se sei TU a mettergli la faccia a portata di lingua, devi star zitta.
Evita dunque le scenate isteriche, che fanno malissimo al morale dell’umano canemunito, e vatti a lavare la faccia in privato, se proprio ci tieni: rammentando comunque che il cane ti avrà passato sempre MENO bacilli, batteri e affini di quelli che ti ha rifilato ieri la zia Gina, quando vi siete scambiate due bacetti sulla guancia.

4 – Se pesti una merda di cane, sappi che non è che tutti i cani del vicinato abbiano seguito e monitorato le tue mosse per poi andare a scagazzare esattamente sul tuo percorso.
La cacca l’ha fatta un incolpevole, singolo cane, il cui singolo proprietario (colpevolissimo, invece) non l’ha tirata su.
Però non è che per questo tu puoi odiare tutta la specie canina e tutta la categoria dei proprietari.
Prenditela con l’incivile che è uscito senza paletta, e ricorda che il 90% dei proprietari di cani condivide il tuo pensiero, è d’accordo con il cartellino della foto a sinistra e vorrebbe che questi incivili fossero multati in modo tanto severo da andare storti almeno per una settimana.
Però vedersi additati e/o guardati con puro odio solo perché hai un cane, del quale hai sempre e solo raccolto tutte le deiezioni, arrivando talora a raccattare pure quelle altrui, è quantomeno seccante. Ed è profondamente ingiusto.

5 – Se il giorno dopo pesti di nuovo una merda di cane, vale quanto detto sopra, con l’aggiunta di un piccolo consiglio: ma guarda anche un po’ dove metti i piedi!
Sia chiaro, non trovo e non troverò MAI nessuna scusante a chi non raccoglie le cacche… però certa gente ha una media di pestate di merda che potrei capire solo se si trattasse di Stevie Wonder. Sembra che se le vadano proprio a cercare col lanternino, per piantarci il piedino sopra e poi attaccare la filippica (contro i cani e gli umani sbagliati).

6 – Se tuo figlio ha “toccato un cane” (NOOOO!!!), o è stato leccato da un cane (UHHHHH!), o ha scambiato il suo giocattolo con quello del cane (ARGHHHHH!!!), non è il caso di correre al pronto soccorso.
Ma non è neanche il caso di tuffarlo a pesce nel lavandino più vicino.
La convivenza e la confidenza con gli animali (comprensive di scambi di baci, abbracci, coccole e saliva) sono caldamente consigliate da tutti i pediatri del mondo, perché aumentano e migliorano le difese immunitarie del pupo.
Forse il cane potrà essere (in alcuni casi, non certo in tutti…) più sporco dei compagnucci di asilo, ma ha all’incirca lo 0,001% di probabilità di attaccare qualche malattia a tuo figlio, rispetto a loro. Di sicuro il pupo NON prenderà mai da un cane i pidocchi, né il raffreddore, né la varicella o gli orecchioni.

7 – Se tuo figlio non ha paura dei cani e tu invece sì, evita di fare “sollevamento pupi” ogni volta che ne incrociate uno. Prendere il bambino in braccio è il modo migliore per invogliare il cane a saltarti addosso per vedere cos’è che gli hai tolto da sotto il naso (un po’ come per il punto 1, insomma: se fai tutto il possibile per attirare l’attenzione, ci riuscirai).
Se il cane, a questo punto, ti salta addosso per annusare il pupo, è facile che graffi te o lui: così il pupo si spaventa sul serio e diventa cinofobo come te. Bello, eh? Saresti pure capace di esserne contento, lo so… ma ricordati che i bambini cinofobi sono quelli a più alto rischio di essere inseguiti (perché scappano, vedi punto 2) e magari morsicati.

8 – Se un cane ti ha fatto le feste e ti ha inzaccherato il vestito nuovo, credimi: sopravviverai.
E’ giusto e civile che il proprietario del cane si offra di pagarti la tintoria, mentre è un po’ eccessivo pretenderne la carcerazione o la fustigazione sulla pubblica piazza. Anche perché vale sempre la stessa regoletta: se non vuoi che un cane ti salti addosso, stai du’ metri più in là. Non è che quando/dove passi tu debba per forza aprirsi il Mar Rosso in due.

9 – Se i cani ti fanno schifo o paura, non puoi pretendere che siano gli altri a rivoluzionare la propria vita per la bella faccia tua.
Entrare in casa della figlia cane-munita dicendo per prima cosa “Chiudi il cane che ho paura”, e per seconda cosa “Guarda quanti peli, che schifo”, è profondamente scorretto: il cane è in casa sua, tu no.
Se proprio non resisti alla vista di una cosa pelosa e con la coda, invita tua figlia a casa tua ed evita di andare a rompere le palle a lei: il vostro rapporto se ne avvanteggerà moltissimo.

10 – Se i cani ti fanno schifo o paura, se tu ad avere un problema: non i cani, né i loro proprietari.
Regolati di conseguenza ed evita di imporre il tuo punto di vista con arroganza: al massimo, chiedi gentilmente (e, quasi sempre, gentilmente ti si verrà incontro).
Se poi la tua è proprio una fobia, fatti curare: e non sto scherzando né facendo del pesante sarcasmo. Le fobie sono una malattia, non un diritto civile. E come tali vanno trattate.

Valeria Rossi


3 
 Profilo
Kymia

Registrato dal: 26-09-2012
| Messaggi : 293
  Post Inserito 28-07-2013 alle ore 10:37   



0 
 Profilo
Max265

Registrato dal: 21-08-2011
| Messaggi : 1984
  Post Inserito 28-07-2013 alle ore 11:50   
Questo va bene solo per quanto riguarda i randagi, purtroppo. Anche se applicherei alla lettera quanto scritto!

Se vado al bar dove la Kamila è benvenuta, ma quando mi siedo il tizio del tavolo in parte, già seduto lì da prima, mi dice che gli da fastidio allora sono io a dovermene andare, per educazione!!

Se il mio cane è libero e corre incontro ad una persona che si spaventa ed inizia a correre urlando e il mio cane la insegue pensando che sia una preda ho sbagliato io!!


Se il mio cane salta addosso alla mamma che ha preso in braccio il bambino con la paura che il cane se lo mangi è di nuovo colpa mia!!!


Se il mio cane salta addosso a qualcuno e gli sporca il vestito questo qualcuno ha tutte le ragioni di inc***arsi a morte. Una volta andando a lavoro mi è saltato addosso un cagnone di 50kg, risultato? camicia bianca (divisa di lavoro) inservibile e inevitabile ritardo a lavoro con conseguente perdita economica. Colpa del cane? Certo che no.


Purtroppo nel mondo civile l'animale è un estraneo, ed è normale conseguenza che ci siano molte persone a cui non piacciono.
Tra l'altro non riusciamo ad andare d'accordo tra umani, figuriamoci se tutti possono sopportare la presenza di animali diversi dall'homo sapiens


6 
 Profilo
misssmith
| CV STAFF

Registrato dal: 16-05-2008
| Messaggi : 22544
  Post Inserito 28-07-2013 alle ore 11:54   
Bravo Max, ti sei meritato un cuoricino!


0 
 Profilo
kicca29

Registrato dal: 12-06-2013
| Messaggi : 231
  Post Inserito 28-07-2013 alle ore 14:58   


28-07-2013 alle ore 11:50, Max265 wrote:
Questo va bene solo per quanto riguarda i randagi, purtroppo. Anche se applicherei alla lettera quanto scritto!

Se vado al bar dove la Kamila è benvenuta, ma quando mi siedo il tizio del tavolo in parte, già seduto lì da prima, mi dice che gli da fastidio allora sono io a dovermene andare, per educazione!!

Se il mio cane è libero e corre incontro ad una persona che si spaventa ed inizia a correre urlando e il mio cane la insegue pensando che sia una preda ho sbagliato io!!


Se il mio cane salta addosso alla mamma che ha preso in braccio il bambino con la paura che il cane se lo mangi è di nuovo colpa mia!!!


Se il mio cane salta addosso a qualcuno e gli sporca il vestito questo qualcuno ha tutte le ragioni di inc***arsi a morte. Una volta andando a lavoro mi è saltato addosso un cagnone di 50kg, risultato? camicia bianca (divisa di lavoro) inservibile e inevitabile ritardo a lavoro con conseguente perdita economica. Colpa del cane? Certo che no.


Purtroppo nel mondo civile l'animale è un estraneo, ed è normale conseguenza che ci siano molte persone a cui non piacciono.
Tra l'altro non riusciamo ad andare d'accordo tra umani, figuriamoci se tutti possono sopportare la presenza di animali diversi dall'homo sapiens

due cuoricini
Anche perchè io adoro gli animali, mi faccio leccare in faccia da cani, gatti, conigli e tutti quelli muniti di linguetta bavosa ma ho il terrore dei cagnoni grossi e agressivi. La mia paura però non subentra se il suddetto è tenuto al guinzaglio da un padrone che sa che quello che porta in giro è comunque un potenziale pericolo da saper gestire. Quando avevo il rotweiler mangiavamo lo stesso grissino io da una parte e lui dall'altra ma questo non significa che se avevo gente a pranzo lasciavo che il cane si avvicinasse al piatto degli altri. Credo che il punto principale sia che i padroni devono essere responsabili e devono capire che la loro libertà (e quello del loro peloso) finisce dove inizia quella degli altri.



0 
 Profilo
lillina
| CV STAFF

Registrato dal: 15-04-2006
| Messaggi : 51796
  Post Inserito 28-07-2013 alle ore 19:24   



Grande



0 
 Profilo
Alexa87

Registrato dal: 17-01-2013
| Messaggi : 123
  Post Inserito 28-07-2013 alle ore 21:02   
Stra concordo con Max..... Sul punto 1 per esempio...capita spesso di vedere cani con il guinzaglio estendibile che occupano 5 metri di marciapiede... Praticamente ci sono solo loro..sia che siano piccini sia che siano grandi...il risultato é che chi ha paura magari cammina in mezzo alla strada... Non é giusto.. Il guinzaglio deve essere lungo 1,80 mi sembra..non 5 metri.... Se Tizio ha paura, non deve ritrovarsi ad essere investito dalle macchine perché il cane + padrone hanno preso possesso del marciapiede...Anche nei bar... ok, é giusto che il cane possa entrare... MA mi metto anche nei panni di chi ha fastidio a vedere un San Bernardo che sbava per terra o vicino al tavolo dove il suddetto tizio sta mangiando... La morale per me è: ormai i cani fanno parte del nostro tessuto sociale..ma bisogna anche che il singolo padrone non imponga la presenza del cane a tutti o che quanto meno faccia un distinguo delle situazioni... Hai una razza di cane che sbava tanto? Ok, al bar seduto a leggere il giornale mentre il cane sbava... Non ci stai, il cane resta fuori


1 
 Profilo
didi45

Registrato dal: 25-09-2011
| Messaggi : 5461
  Post Inserito 28-07-2013 alle ore 23:42   
Sono i padroni maleducati che rendono difficile la vita agli animali.
Io adoro gli animali,ma non apprezzo che il cane del vicino mi lasci l'ascensore padronale sbavato.
Che prenda quello di servizio evitando zampate bagnate e se il cane sbava sulle pareti,prima di scendere le ripulisca.
Risulta poi difficile anche a me difendere il cane nelle riunioni.


3 
 Profilo
misssmith
| CV STAFF

Registrato dal: 16-05-2008
| Messaggi : 22544
  Post Inserito 29-07-2013 alle ore 00:46   
Il guinzaglio dev'essere lungo max di m. 1,5 e all'altro capo si auspica ci siano proprietari con un quoziente intellettivo superiore a quello di una barbabietola
Ma tant'é...eppure basterebbe così poco per una convivenza civile



2 
 Profilo
aion

Registrato dal: 10-04-2012
| Messaggi : 1599
  Post Inserito 29-07-2013 alle ore 08:35   
concordo pienamente con tutti, si dovrebbe avere massimo rispetto per chi non ama i cnai o le loro manifestazioni.
pero' ci sono eccezioni al vostro discorso, i cani guida, i cani da lavoro..
devo pero' aggiungere che moltissimi sono i prepotenti che pretendono di fare legge.
faccio un esempio, il mio malin ,puo' andare ovunque libero, parchi nazionali, centri commerciali, funivie ececc.......e devo dire che mai ho avuto problemi con nessuno tranne una volta in cui dei turisti romani, durante, un simulato, cane imbracato, io idem e mi hanno intimato di legare il cane.
è chiaro che io mi regolo, che se vi sono 50 bimbi in funivia lui è a terra dietro di me ma se tu hai una fobia devi curartela in quanto non puoi condizionare la mia vita con le tue paranoie.
vorra' dire che prenderai la successiva.
ci sono cani e padroni ai quali , per il loro lavoro, non puoi assolutamnete dire cosa fare o non fare perchè è evidente che stanno gia' facendo il prorpio dovere.
per non parlare poi della mitica frase"se mi morde ti rovino".....secondo voi se avessi un cane mordace potrebbe mai essere un buon cane da lavoro???e se mordesse lo mollerei ???poi è chiaro che ognuno si assume la responsabilita' delle proprie azioni.
ci è capitato di incontrare un cane guida e cambiare strada noi perchè temevo che il labrador si incuriosisse e magari facesse cadere il signore.
per il punto delle mamme che tirano su i bimbi.........cosa dire.........


0 
 Profilo
( | 2 ) Avanti  >>> 


Generazione pagina: 1.111 Secondi