Morte gatta e tormento esistenziale…

Forum La salute del gatto Morte gatta e tormento esistenziale…

Questo argomento contiene 15 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da SteffyBond SteffyBond 2 mesi, 2 settimane fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 16 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #957
    SteffyBond
    SteffyBond
    Partecipante

    Salve a tutti, scusate se ho aperto questo topic che riprende, sviluppandolo, un tema accennato in ‘Ipertiroidismo e apatia gatto’.

    Come ho gia’ scritto, la mia Certosina e’ volata sul ponte e io non mi do’ pace, ma questo e’ noto, scontato,  e tutti voi avete sperimentato questo dolore infinito.

    Quello che , oltre al dolore in se’, mi tormenta, e’ il senso di colpa per non averla fatta vivere di piu’. Dico questo perche’ molte persone, appresa la notizia, mi hanno risposto ‘aveva solo 15 anni??La mia mori’ a 20′, oppure ‘La mia ha 17 anni ed e’ sanissima’. Insomma, un trionfo di indelicatezza sicuramente involontaria, ma che acuisce il dolore per questa perdita al punto da farmi letteralmente macerare dal senso di colpa.

    Ho parlato con la mia vet e mi ha detto che , esattamente come le persone, c’e’ chi vive fino a 90 e chi muore a 25, fermo restando che 15 anni di un gatto sono quasi 80 anni di un umano, dunque siamo in piena vecchiaia gia’ da un po’. Ha aggiunto che i reni di Certosina, solo un lieve e trascurabile valore di azotemia, erano in condizioni molto buone. A questo punto le ho chiesto ‘Ho dato il miglior cibo per anni spendendoci di tutto, Renal, Obesity, J/d per le articolazioni, acqua Fiuggi mentre io mi bevevo la Guizza…:), perche’ se ne e’ andata con questo tumore maledetto?’ e la vet mi ha risposto che molto probabilmente se non avesse avuto i reni cosi’ buoni se ne sarebbe andata prima e siccome piu’ un gatto campa piu’ nel cammino sviluppa malattie, ha scampato la IRC ma ha incrociato il tumore. Insomma, mi ha rassicurata dicendo che il tumore non perdona , era una gatta monitorata quanto ad analisi del sangue, sempre portata a controllare, ma nn si puo’ controllare proprio tutto. Era inoperabile.

    Le parole della vet mi hanno in parte rassicurata, ma vi assicuro che messaggi del tipo ‘La mia ha 21 anni’ mi fioccano spesso a ricordarmi che….non l’ho fatta vivere di piu’.

    Volevo chiedervi se potete confermarmi le parole della vet, se la vostra esperienza mi da’ conforto o meno. Sono abbastanza distrutta, mi manca terribilmente la mia grigetta tutta d’oro. Piango ogni giorno, non dormo piu’.

    Scusatemi, grazie di tutto.

     

    #958

    titti22
    Partecipante

    Ciao , comprendo il tuo dolore l’ho sperimentato parecchie volte  e ci vuol tempo.  la tua veterinaria ha perfettamente ragione, non devi sentirti in colpa,  con i mostri così li chiamo io ,  siamo impotenti,   è già una fortuna  quando se ne vanno così velocemente.    tu le sei stat vicina, non ha avuto   stress,   si è addormentata vicino a te. non ti tormrntare più,     gli altri gatti sentono il tuo dolore e la tua angoscia ,     e Grigetta ,       lei è sempre vicino a te. forza e un grande abbraccio.

     

     

    #960
    lillina
    lillina
    Moderatore

    non ti torturare ,non soffre piu’

    la tua vet ha piena ragione

     

    è stata amatissima

    ci vuole tempo

    non si dimentica ,ma passa il tormento

    #964
    SteffyBond
    SteffyBond
    Partecipante

    Care Titti22 e Lillina, ringrazio entrambe per le parole di conforto. In giorni in cui non so dove sbattere la testa e quando chi ti sta intorno mostra assai poca sensibilita’, mi siete state di grande aiuto.

    Grazie di cuore

    #970
    didi45
    didi45
    Moderatore

    Sai in questo forum io ho ricevuto tanto aiuto quando morì il mio ultimo gatto, aveva 10 anni ed ero disperata. É per questo che pur non avendo più animali io frequento ancora il forum , per poter aiutare come io sono stata aiutata.

    Ha ragione la tua veterinaria, un gatto vive o muore come capita nelle persone, c’è chi arriva ai 100 anni e più e chi si ammala da giovane. Perché? Ognuno ha il suo percorso e non possiamo sapere quanto durerà.

    ti posso dare l’esempio delle mie due gatte gemelle. Vissute in casa sempre con me, stesso cibo, stesse abitudini. Figlie di un gatto orientale e di una siamese.Una nera ebano e l’altra siamese.

    Devil la nera a 8 anni ha sviluppato un tumore alla mammella, operata é sopravvissuta bene fino si 13 anni , poi un fibrosarcoma da iniezione , pur  se operato l’ha portata alla morte a 14 anni e mezzo .

    Astrid la siamese cioccolato nel medesimo periodo in cui Devil stava lottando col Sarcoma ha avuto problemi renali risolti per il rotto della cuffia perché li avevo sottovalutati essendo  io impegnata con la sorella. Fortunatamente il suo istinto l’aveva portata a compensare bevendo. Rimessa in careggiata  con qualche flebo, ha continuato a bere acqua Fiuggi in dose massiccia, 1 l.a settimana ed ha raggiunto la veneranda età di 20 anni e mezzo stando bene fino a una settimana dalla  fine.

    Perché due gatte cresciute insieme seguite nello stesso modo hanno avuto così tanta differenza di vita? Predisposizione dalla nascita ? Destino? Non si sa e non si potrà mai sapere. Non farti dunque venire scrupoli assurdi, ognuno di noi ha il suo orologio in questo mondo e quando l’ora scade, si deve partire.

    Differente é per quei gatti che vengono trascurati e non curati, ma quando come te hai fatto tutto il possibile non c’é che rassegnarsi e non aver rimorsi.

    Per rallegrarti un poco ti dico che mi hai fatto sorridere con l’acqua Fiuggi. Anche io contrariamente alla gatta bevo  la Guizza che costa meno

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    #971
    SteffyBond
    SteffyBond
    Partecipante

    Ciao, Didi45, grazie anche a te per il conforto, davvero. Interessante la storia delle due gemelle…davvero due storie,due diversi destini, e comunque due gatte longeve. Ho letto che nel tuo avatar hai una delle tue gatte di diversi anni fa, giusto?

    Certosina manca tanto, manca quel suo rincorrersi la coda e i suoi gridolini di gioia che emetteva divertendosi, il suo dormire insieme a me. Semplicemente fa male non vederla piu’.

    Anche tu la Fiuggi..:)…solo chi ama i gatti lo sa….

    La cultura che abbiamo in Italia in merito al lutto per la perdita degli animali e’ ancora primitiva e addirittura trascurata, a differenza di quanto avviene in altri paesi e questo rende il mio dolore difficilmente comprensibile agli altri se non addirittura banalizzato..quando non ridicolizzato! Per questo vi ringrazio di avermi risposto e dato conforto.

    Continuo a seguirvi sperando di dare un contributo con la mia esperienza di gatti e veterinari.

    Grazie ancora, Didi45.

    #976

    hardhu
    Partecipante

    Ciao, figurati come mi sto sentendo io, la mia Susy a nemmeno sei anni mi sta per lasciare per un tumore aggressivo senza aver mai avuto nessuna malattia in precedenza, fiv e felv negativa, recuperata dalla strada a tre mesi ma poi ha sempre vissuto in casa, vaccinata senza esagerare con la frequenza dei richiami seguendo le linee guida per i gatti domestici, nutrita sempre con cibo di prima qualità, portata sempre in vacanza con noi per non lasciarla sola e rinunciando anzi in questi anni a concederci viaggi di qualsiasi altro tipo che non le permettessero di accompagnarci…

     

     

    #980
    SteffyBond
    SteffyBond
    Partecipante

    So come ti senti, mi dispiace e non sai quanto. Ti confesso che quando presi la mia prima gatta, Certosina che mi ha lasciata una settimana fa, ignoravo le tante malattie che potevano colpire i gatti, davvero non pensavo che i tumori fossero cosi’ frequenti nei felini. Ero un po’ ignorante in materia, poi i veterinari, i tanti ( sono diversi gli studi medici a cui mi rivolgo, in base anche alle specializzazioni)che anche oggi seguono i miei mici, mi hanno detto che l’oncologia veterinaria e’ molto piu’ indietro rispetto a quella umana. Sara’ per una questione di fondi alla ricerca, non so.

    So solo che le malattie dei miei gatti oltre a sfibrare loro, hanno sfibrato me. Troppo dolore, troppe lacrime. In quindici anni ho modellato la mia vita per loro, rinunciando a vacanze,a tutto. Mi sono dedicata anima e corpo. La sofferenza per la loro perdita non riesco a gestirla, per me, dopo questi 4 rimasti, considero definitivamente chiusa la mia esperienza con gli animali. Non voglio neanche un pesce rosso vinto per sbaglio alla fiera di paese.

    #987
    lillina
    lillina
    Moderatore

    ognuno decide come vuole ,ma per mia esperienza nonostante tutto il dolore patito ,solo un altro animalino in casa risolleva il cuore

     

    Non ti sfogare quando sei giu’ con chi non ha animali o con chi non capisce , parli al vento ,anzi in genere si è pure sbeffaggiati come se fosse sciocco patire per la perdita del ns animale

    noi siamo qui

     

    #988
    SteffyBond
    SteffyBond
    Partecipante

    Si’, infatti sto evitando. Domenica scorsa, prima di portare il corpicino di Certosina alla Pubblica Assistenza, sono entrata in Chiesa col trasportino per una benedizione e la gente mi ha guardata in modo strano. Ho acceso una candela per la mia piccolina e poi via per la cremazione. Oggi e’ una settimana che mi ha lasciata. E’ tutto molto difficile. Questo e’ il mio amore qualche anno fa.Ti adoro, piccola grigetta della mamma.

    Grazie per il conforto.

    #997
    lillina
    lillina
    Moderatore

    bellissima

    con te per sempre

    #998
    SteffyBond
    SteffyBond
    Partecipante

    Grazie di cuore, Lillina

    #1003

    hardhu
    Partecipante

    Anch’io sto vivendo una sensazione di solitudine simile, nessuno dei miei amici o parenti riesce a capire il dramma che sto vivendo, per loro un gatto è solo un gatto…mi suggeriscono di farla smettere di soffrire, come se fosse facile deciderlo anche quando verrà il momento…nemmeno io so se avrò voglia in futuro di ripetere l’esperienza, troppi mici andati sul ponte prematuramente nel mio passato.

    #1009
    SteffyBond
    SteffyBond
    Partecipante

    Ti capisco, Hardhu, oltre al dolore c’e’ la solitudine e lo sconforto di non essere capiti, di vedere che nessuno comprende la portata di tanta sofferenza. Chi non ha avuto animali non ha mai sperimentato il legame con loro, l’affetto profondo che lega animale e uomo, la comunicazione specialissima che si crea. E’ un po’ come pretendere da un non vedente di capire i colori della primavera, con la differenza che questo ha altri sensi per comprendere ogni cosa in modo altrettanto speciale.

    Invece queste persone neanche si sforzano, ti guardano con quella faccia tra il patetico e il divertito, da prendere a schiaffi ripetutamente.

    Io sono vicina al tuo dolore, so cosa e’, sto ancora soffrendo per la mia Certosina che manca terribilmente, come mancano gli altri 6 mici che hanno accompagnato tanti anni della mia vita. E’ un dolore a cui non ci si abitua ma che si cerca di tollerare per continuare a vivere. O impazzisci, o vai avanti.

    Un abbraccio e..continuo a sperare per Susy.

     

    #1024
    Andromacha
    Andromacha
    Moderatore

    Coraggio, fatti coraggio. Ascolta la tua veterinaria; quello che ti ha detto è la pura e semplice verità… non ti ha indorato alcuna pillola. Mia zia aveva una simil-certosina che ci ha lasciati lo scorso anno a quasi 18 anni. Era semplicemente arrivata alla fine dei suoi giorni e si è consumata. Ogni gatto è a sè. Dare loro buon cibo e stare attenti in tutto e per tutto alla loro salute sicuramente li aiuta a vivere più a lungo. Ma alla fine, in parte, magari in grossa parte, è sfiga, destino, predisposizione… chiamalo come vuoi, ma il punto è che tu non hai nulla da rimproverarti.

    Un abbraccio forte a te e alla tua piccola che è diventata ora la tua stella.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 16 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.