Gatto diagnosi linfoadenite eosinofilica

Forum La salute del gatto Gatto diagnosi linfoadenite eosinofilica

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  jjj 1 settimana, 5 giorni fa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #19710

    kalimona
    Partecipante

    Salve a tutti. La storia con il mio gatto di 9 anni è iniziata circa 1 mese e mezzo fa. Il primo episodio strano l’ha avuto quando ha iniziato a perdere del muco trasparente dal sedere. Il veterinario all’epoca mi disse che erano le ghiandole perinali ingrossate così antibiotico ed è stato subito meglio. A seguito di questo problema il gatto non mi mangiava più le crocchette di sempre così ho provato vari tipi di umido e crocchette più appetitose per farlo mangiare. Dopo un 1 mese circa il gatto ha riiniziato a stare male, diarrea con muco e sangue rosso vivo e letargia ed è diventato molto capriccioso con il cibo, così lo porto dal veterinario che fa delle analisi del sangue. Dopo aver riscontrato eosinofili molto alti 9.867 su un massimo di 1700 e globuli bianchi alti 25.300 su un massimo di 20.000, si pensava ad un linfoma del tratto gastrointestinale così per maggiori certezze facciamo un’ecografia. Dall’ecografia risulta una massa di 5 cm separata dagli organi, così il veterinario fa la diagnosi definitiva di linfoma gastrointestinale e mi prescrive 5mg di prednicortone e flagyl 1/4 mattina 1/4 sera finchè va avanti. Con la terapia il gatto sembra da subito riprendersi e reagire molto bene così per scrupolo decidiamo di portarlo ad una clinica veterinaria specializzata per malattie oncologiche. I risultati della TAC ci mostrano che la massa era sparita ma i linfonodi di 3 cm abbastanza ingrossati. Prelevano campione dal linfonodo per esame citologico e anche quest’ultimo risulta negativo a neoplasia con diagnosi: “Preparati indicativi di linfoadenite eosinofilica”. Il veterinario dice che gli steroidi hanno funzionato e aumentiamo la dose di cortisone a 10mg / giorno poi mi dice di cambiargli alimentazione che l’infezione intestinale potrebbe essere causata da un’allergia alimentare e di dargli o carne fresca cotta a vapore oppure crocchette ipoallergeniche. Da quando sto seguendo la terapia non c’è stata più presenza sostanziale di muco e sangue nelle feci ma continuano ad essere molli. Il gatto in linea di massima sembra stare bene anche se qualche giorno fa aveva un po’ di febbre e le feci di nuovo con un po’ muco e un po’ sangue il veterinario dice che poteva dipendere dal fatto che era riuscito ad uscire e quindi il freddo e le difese immunitarie basse gli hanno causato questa reazione. Così puntura di cortisone per la durata di 3 giorni + antibiotico + Tachipirina. Attualmente il gatto sta bene dopo l’ultima bomba di cortisone in puntura ma è in terapia cortisonica ormai dal 17 Dicembre, siamo partiti da un 5 mg al giorno e poi a 10mg al giorno. Lui pesa 4kg. Nonostante il cortisone abbia migliorato la salute generale e anche la dieta ipoallergenica, non abbiamo risolto il problema nè con la diarrea nè con la flautulenza. Inoltre, un altro veterinario dice che per escludere linfoma al 100% occorre Esame istologico. Noi non ci stiamo capendo nulla. Ringrazio chiunque mi potrà dare un parere.

    #19711

    titti22
    Partecipante

    Ciao è un grosso casino. io so solo che la tachipirina al gatto non l’ho mai sentita. il cortisone a lungo andare bene non fa . io consulterei un oncologo serio, ma nella clinica oncologica non ti avevano dato la terapia ????

    se vuoi sentire alla clinica veterinaria di grugliasco https://www.veterinaria.unito.it/persone/paolo.buracco
    che risponde anche alle mail. mi pare che utenti del forum si erano rivolte a lui.

    #19713

    kalimona
    Partecipante

    Ciao grazie per avermi risposto. Alla clinica mi ha mandato il veterinario e quindi la terapia era seguita da lui e abbiamo continuato con quella e poi loro hanno escluso il problema oncologico e quindi non era più una questione riguardante loro mi hanno detto. Questa clinica da te segnalata posso provare a contattarla anche se è molto lontana da dove vivo io. Speriamo che se gli scrivo risponderà. Grazie.

    #19721

    jjj
    Partecipante

    Mi sembra un bel grattacapo, sembra quasi che l’ecografia e la tac si contraddicano. Finché non avrai una diagnosi certa, non è possibile impostare una terapia efficace e misurata alla esigenze cliniche, col rischio di perdere tempo prezioso. Somministrare alte dosi di cortisone naturalmente non può auspicabilmente essere una soluzione che temporanea.

    Quali esami del sangue avete effettuato?

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.