paresi zampe posteriori in seguito a caduta


Pubblicato in: Gatto

Per partecipare a questa discussione clicca qui

Forum disponibile alla sola consultazione : ISCRIVITI al NUOVO FORUM !



fjodor

Salve a tutti. Siamo nuovi del forum.Due sere fa il nostro micio, di circa due anni, è caduto dal tetto per circa 10 metri di altezza. L'abbiamo recuperato e notato da subito l'impossibilità a muovere le zampine posteriori. Il veterinario ha effettuato una prima radiografia ed escluso traumi ossei. Ha prescritto una cura di 4 giorni con iniezioni di cortisone e 20 giorni di Stimulfos (vitamine gruppo b) per via orale. La diagnosi è che il micio non si muova per via di un momentaneo trauma nervoso e dovrebbe rimettersi a breve.
Tuttavia il piccolo continua a non poter muovere minimamente le zampine se non di riflesso a pressione dolorosa. Controlla lo stimolo ad urinare (si dirige a stento verso la lettiera) ma sembra non riuscire a defecare. Sembra costipato e avverte da stamattina dolore al basso ventre. Che fare? Ci hanno lasciato senza alcuna risposta e con una certa noncuranza. Vorremmo fare il possibile per assistere il nostro cucciolo. Grazie

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: fjodor il 14-05-2011 15:16 ]

liglog82

Ciao!
Se fossi in te chiederei comunque un secondo parere veterinario....anche per la costipazione.
Non attendere troppo.
In bocca al lupo!

anonimo

Orte dove si trova? Posso guardare nella nostra lista privata se abbiamo qualcuno da consigliarti. Non vorrei dire un'idiozia, ma hai pensato di sentire un neurologo?

fjodor

Orte è in provincia di Viterbo...qui in paese ci sono solo due veterinari.. quindi si tratterebbe di trasportare il micio in condizioni un pò precarie. se conosci qualche buon veterinario in zona, neurologo magari, tanto meglio. Grazie

anonimo

Ti ho inviato un messaggio privato (box in alto a sinistra).

fjodor

Abbiamo contattato la veterina che ci hai consigliato ed è stata molto disponibile. Per questi primi giorni ci ha consigliato del Lavolac per risolvere la costipazione e un omeopatico da aggiungere al cortisone per lenire l'infiammazione. Passata questa prima fase, se non vi sranno miglioramenti, dobbiamo decidere se recarci a Roma sud per una risonanza o consultare prima un veterinario neurologo in zona. Grazie in ogni caso.