home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie | _Riservata         

Forum disponibile alla sola consultazione :

ISCRIVITI al NUOVO FORUM

  >>  Il comportamento del cane  >>  Cani di indole pericolosa (statistica) - Discussione n 68044 - PermaLink
   Cani di indole pericolosa (statistica)

( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 ) Avanti  >>> 
Autore
Inizio discussione    ( Risposte ricevute: 46 )
Testoster1

Registrato dal: 17-07-2008
| Messaggi : 2845
  Post Inserito 08-07-2011 alle ore 22:13   
Allora

Spesso è volentieri mi ritrovo di fronte ad una dicotomia. Da una parte la Bracca che mi parla delle sue difficoltà con i cani ed in particolare con alcune razza, dall'altra i giornali con le loro notizie che danno alcune razze di animali come più pericolose di altre e infine i fan di una determinata razza che dicono immancabilmente "ma è buonissimo sono tutte seghe mentali".

Mi son messo a cercare statistiche che mi potessero rispondere ad una determinata domanda ovvero "ci sono razze più mordaci di altre".

Il motivo della domanda è semplice cioè "ci sono razze che non dovrebbero essere gestite da persone normali?".

La statistiche che ho trovato mi da una risposta: Si

A questo punto sorge spontanea una domanda ovvero "quanti propietari di cani conoscono abbastanza bene il propio cane da poter avere in mano un cane altamente pericoloso?"

Risposta dalle statistiche "non abbastanza da poterlo permettere".

La ricerca che ho trovato (in realtà ne ho trovate 3 una per il 2007 una per il 2008 e una per il 2009.. che si rispecchiano) riguarda i casi di aggressione o segnalazione di comportamento aggressivo in svizzera nel corso di un anno. Da loro ogni casi deve essere segnalato e questo permette di avere una casisitica molto ampia. Unito questo alla legislazione Svizzera che obbliga realmente i propietari a registrare i cani e la razza di questi abbiamo uno spaccato abbastanza realistico della situazione. Nonostante le incertezze di questo tipo di ricerca non permettano di avere risultati certi (per ammisisone deglis tessi ricercatori) non si possono avere dubbi quando intervengono grosse differenze tra razze. Per esempio se l'incidenza di aggressioni di un golden è 0,35 e quella del jack russel 0,36 lo scarto è troppo basso per poter dire "il carlino è meno pericoloso del labrador. Se invece paragoniamo lo 0.35 del golden con l'1,66 del cane corso possiamo dire senza dubbio che un cane corso è più pericoloso di un golden.

Limiti statistici:

1) La ricerca è presa da ospedali e da veterinari che hanno dovuto curare per lo meno un morso. Inoltre sono stati coinvolti nella cosa addestratori, uffici doganali e rifugi per animali. Tutti questi devono notificare ogni morso, ferita o comportamento aggressivo agli uffici cantonali della Svizzera, per legge. Conseguentemente la maggior parte dei morsi di cani che NON hanno provocato ferite NON sono segnalati. Questo potrebbe spiegare come mai alcune razza riportino incidenza molto basse. Si tratta di cani troppo piccoli per fare del male. Di contro ai fini della ricerca non importa se il 100% dei carlini morde. Se non fanno danno non sono pericolosi. Punto.

2) La parte relativa alle segnalazioni di comportamento aggressivo è totalmente inaffidabile. Non credo che ci sia molta gente che sporga denuncia solo per un ringhio.

Note utili: La popolazione svizzera nel 2009 era di circa 7.800.000
Le notifiche utili sono state 5.011 su 5.090.
Il numero di cani in Svizzera nel 2009 era di circa 468.526

La prima domanda che ci poniamo è: Tutti quelli che dicono di conoscere il propio cane.... lo conoscono veramente?

Il numero di cani sconosciuti all'aggredito è solo del 36%.
Il numero di cani di propietà dell'aggredito è dell'11%
Il numero di cani conosciuto dall'aggredito è del 53%

In pratica nel 64% dei casi l'aggredito aveva un rapporto con il cane.

Inoltre

Nel 58% dei casi l'incidente è avvenuto in un luogo aperto al pubblico e solo il 37% nel territorio del cane.

Il fatto che la maggior parte avvenga in luogo pubblico denota a mio parere un'eccessiva fiducia nella propia conoscenza del cane.

Quindi checchè se ne dica chi ha un cane PRESUME di conoscerlo ma non lo conosce veramente e tende qa dargli troppa fiducia.


Ora veniamo alla parte più interessante. La distribuzione per tipologia di cane. La tabella qui sotto evidenzia in rosso giallo e verde gli animali più aggressori per le 3 categorie prese in analisi. Ho ordinato per "aggressioni all'uomo".




La tabellla seguente invece riporta le prime 15 razze più aggressive per categoria. Ho evidenziato le celle per ogni categoria e ordinato per aggressioni all'uomo.





Visti questi dati comincio a dubitare di molte leggende metropolitane che girano. per esempio il pittbull è considerato un animale da un lato parecchio aggressivo ma da sedicenti comportamentalisti buono con le persone. Eppure il dato accorpato (tutti i tipi di pitbull) lo mostra la primo posto anche nelle aggressioni verso l'uomo e se separato nei tre tronconi principali lo si vede nelle prime 15 razze con tutti e tre i tronconi. Che poi sia ESTREMAMENTE aggressivo con gli altri cani NON ne riduce la pericolosità nei confronti dell'uomo.

Questa statistica inoltre fa notare come sembra che la selezione tenda a preservare l'aggressività di questi animali al posto che diminuirla. Per esempio il Rhodesian Ridgeback che penso nessuno usi più per dare la caccia a leopardi e leoni risulta tra i più aggressivi. Idem per il Chow chow che nessuno usa più come cane da guerra o da cacca ai lupi. Anzi... a mio personale parere viene preso principalmente perchè sembra un orsacchiottone tanto tenero e dolce.

Un'ultima cosa che mi proccupa di questa statistica è la percezione delle razze. Ovvero alcune razze hanno (e dopo questa statistica ne abbiamo conferma) la nomea di essere cani più pericolosi di altri. Questo fa si che alcuni cani siano più controllati di altri e quindi abbiano meno possibilità di nuocere. Per esempio se da un lato mi stupisce un indice superiore a 2 di animali come il pitbul o di 1,66 del cane corso (che difficilmente viene lasciato libero di scorrazzare tra i bambini e gli altri cani) mi stupisce meno un valore alto del PT (1,14). Infatti il PT nell'immaginario popolare è un cane molto "sicuro" e controllabile e socievole (cosa non vera) e quindi probabilmente molto meno controllato. Sarei curioso di vedere cosa succederebbe se il pitbull fosse lasciato "libero" cone un PT o viceversa se un PT fosse tenuto sotto controllo come un Pit. Secondo me ne vedremmo delle brutte. A mio parere se i PT fossero controllati come Pit scenderebbero in classifica di parecchio.... nel caso del Pit gestito come un PT invece mi sa che avremmo molti più bimbi sfregiati.

Ora sarei interessato a trovare statistiche sui danni causati dalle singole aggressioni e delle razze con relativi danni. Qualcuno ne ha?



0 
 Profilo
Cyb

Registrato dal: 04-12-2010
| Messaggi : 1194
  Post Inserito 08-07-2011 alle ore 23:42   
Vuoi sapere che ne penso? penso che sia ovvio che la genetica centri.... siamo stati noi ad incrociarli per avere delle macchine da guerra.... una volta ho letto che i cani sono molto più aggressivi dei lupi e tendenti alla rissa.... e questo tutto per le nostre belle pensate.

Però è anche vero che la cosa veramente bella del cane è che con il giusto addestramento riesca ad andare contro alla sua natura.... e non è giusto fare di tutta l'erba un fascio.... Insomma io un giorno mi sono presa un morso da un maltese, probabilmente se fosse stato un pitt bull l'effetto sarebbe stato diverso.

anche per quanto riguarda il fatto che la maggior parte dei cani conosce l'aggredito, non mi stupisce. La gente sottovaluta tanti piccoli problemi del cane.... insomma non ci credo che diventino aggressivi da un momento all'altro, sicuramente hanno mandato segnali di disagio ma invece di chiedersi dove sbagliavano hanno dato la colpa alla razza, hanno minimizzato e arginato il problema.

Non dico che siano tutti così, però ne ho visti un sacco con un sacco di problemi però di chiamare qualcuno non se ne parla.

Spesso questi cani sono soprattutto frustrati, non riescono a scaricare l'energia e vanno fuori di testa... e questo vale soprattutto per i cani da pastore. Insomma non puoi prendere un cane da lavoro e portarlo a fare una passeggiatina di mezz'ora al giorno e pensare che sia equilibrato.

d'altra parte manca tanta informazione e la maggior parte delle aggressioni sono provocate.

Quando siamo stati in Danimarca, sono rimasta assolutamente stupita dai bambini, tutti educatamente mi chiedevano se potevano toccarlo, si facevano annusare e poi lo accarezzavano delicatamente senza urlare o fare casino. Era chiaro che qualcuno aveva spiegato loro come comportarsi. A scuola invece di parlare tanto di animali che non vedranno mai dovrebbero spiegare come comportarsi con i cani. QUando ero piccola i miei mi avevano insegnato la posizione dell'"albero" .

Come in tutte le cose l'educazione può fare la differenza.

Ovviamente lo stesso vale per i padroni, se fosse per me ci vorrebbero proprio dei corsi obbligatori per chi vuole prendere un cane....



0 
 Profilo
madaboutdanny

Registrato dal: 27-04-2011
| Messaggi : 1368
  Post Inserito 09-07-2011 alle ore 00:51   
Io ho trovato questa di statistica, il pastore tedesco la fà da padrone e dice che la razza non è una discriminante ma che ovviamente cane grosso danno peggiore.

statistiche attacchi mortali


0 
 Profilo
madaboutdanny

Registrato dal: 27-04-2011
| Messaggi : 1368
  Post Inserito 09-07-2011 alle ore 03:14   
Ecco un'altra statistica, è del 2010 ed è di una città, Omaha, negli Stati Uniti, dove si dice che non è il pit bull in testa alla classifica dei morsi.
http://www.examiner.com/dogs-in-national/what-dog-topped-the-bite-list-omaha-2010


0 
 Profilo
gazzella

Registrato dal: 22-12-2010
| Messaggi : 10
  Post Inserito 09-07-2011 alle ore 04:42   
Questo topic nn mi piace. Credo che le statistiche contino poco quando ventenni immaturi o persone che nn hanno mai avuto alcuna esperienza con animali decidono di COMPRARE cuccioli di molossi la cui vera forza sta nel carattere e nn nei muscoli. Detto questo x esperienza personale ho avuto rott ed ad oggi ho rott. L'ultimo l'ho preso al canile adulto ed è un cane dal carattere fantastico(nn sono io a dirlo ma tutti coloro che lo conoscono), da quando è con me, al "cane da guerra tedesco" è già capitato + di una volta che al parco sia stato attaccato da cani "d'indole pacifica"... beh la sua risposta a questi attacchi è stata guardare l'aggressore e subito dopo allontanarsi. Adesso io mi chiedo se avesse risposto all'aggressione procurando dei danni sarebbe rientrato in questa statistica? Tutto questo x dire che il cane nn nasce ne cattivo ne aggressivo, certo in alcune razze(tipo rott) c'è una base di aggrssività maggiore che in altre, ma se nn viene stimolata rimane li latente x tutta la vita, quando i cani sono in mani capaci, competenti e mature sono TUTTI agnellini. Concludo che tanti problemi si risolverebbero con l'inserimento del tanto contestato patentino, che tra l'altro avrebbe una funzione polivalente: da una parte istruirebbe i veri amanti; e dall'altra scoraggerebbe coloro che si approcciano a queste razze nn x amore ma x futili motivi.
ps invito gli scettici a farsi un giro in canili seri e ben strutturati, così da conoscere molossi abbandonati sui quali lavorano gli educatori x recuperarli e renderli adottabili, vedrete...


0 
 Profilo
madaboutdanny

Registrato dal: 27-04-2011
| Messaggi : 1368
  Post Inserito 09-07-2011 alle ore 10:36   
D'accordissimo con te, il mio bull terrier si comporta alla stessa maniera, ma se osasse rispondere ad uno di quei cagnolini che gli danno fastidio succederebbe il finimondo dato che lui è un bull terrier e l'altro "solo" un cagnolino...senza tener conto che spesso i cani pioccoli o generalmente ritenuti buoni sono tenuti liberi. Ho postato quella statistica solo per far capire che i cani che mordono sono di svariati tipi, e non solo quelli che la stampa ha deciso di prendere di mira al momento, logicamente se ti morde un cane grosso ti fà più danni, praticamente però NESSUN cane dovrebbe mordere.
Ci tengo a riprecisare che io sono dalla parte dei cani, di tutti, per me il colpevole è prima di tutto l'uomo. Io ne sono l'esempio, se avessi saputo prima le cure, i sold spesi per la sua salutei, la pazienza che ci sarebbero volute per il mio bull terrier probabilmente non lo avrei preso. Ma ora che ce l'ho ucciderei chiunque me lo toccasse.


0 
 Profilo
rananera

Registrato dal: 23-08-2010
| Messaggi : 5988
  Post Inserito 09-07-2011 alle ore 15:25   
questo thread mi interessa.
mi sembra anche molto plausibile...
unico fattore molto probabilmente non considerato eppure decisamente fondamentale nel conteggio generale:
aggressioni non denunciate.
vuoi perchè da un lato effettivamente al morso non è seguita la tragedia dell'arto staccato...vuoi perchè a parte un male cane e una paura comunque non minima a denunciare il morso di microcane c'è ancora un certo pudore (leggasi pure vergogna).
ovviamente ho letto tutta la casistica con gli occhi da proprietaria di un pinscher nano sicuramente mordace...
quindi...
ci son razze più pericolose di altre?
sì certo.
questo è determinato soprattutto dalla stazza oltre che dalla genetica.
oltre alla stazza la differenza la fa anche la gestione umana.
molti umani, anche buonissimi e dalle ottime intenzioni, sia chiaro, ma molti di questi umani son già un pericolo con al guinzaglio un microcane, figuriamoci un colosso.
troppi umani invece delgenere dichiaratamente pessimo...di quelli che per capirci aizzano il proprio cane contro chicchessia e scelgono il cane non tanto in base alle caratteristiche di razza o di estetica ma proprio in relazione alla sua effettiva pericolosità, vera presunta o percepita, troppo di questi umani, sempre percentualmente parlando, scelgono cani grossi e dall'aria massiccia tipo i pittbull e affini.
e son queste le persone più pericolose.
più pericolose dei loro cani stessi, più pericolosi per le statistiche stesse e anche più pericolosi per chi queste razze le ama, le seleziona davvero con serietà e le sa realmente gestire.
(per la cronaca: la mia libraria ha un rottwiler di 45kg che dice essere buonissimo...ma lei al mio piranha non si avvicna, lo ha ammesso senza vergogna: asdru le mette puro terrore!)
a volte quindi...non è solo questione di stazza ma di razza e, ahimè, di proprietario...


0 
 Profilo
Cyb

Registrato dal: 04-12-2010
| Messaggi : 1194
  Post Inserito 10-07-2011 alle ore 13:03   
Ho trovato un lavoro scientifico di Ben Hart, veterinario e docente di comportamento animale dell'università della California. è su cartaceo e non ho intenzione di ricopiarlo tutto, ma c'è una cosa curiosa. Usando un metodo statistico chiamato del fattore, ha diviso delle caratteristiche in quattro predisposizioni della mente del cane:

reattività (eccitabilità, attività generale, morsi ai bambini, latrato eccessivo e richiesta di affetto)
aggressività (difesa del territorio, latrato di sorveglianza, aggressività verso altri cani e predominio sul padrone)
addestrabilità (addestramento all'obbedienza e facilità di socializzazione)
Indagine (tendenza alla distruzione e giocosità)

Insomma per farla breve divide le varie razze per gruppi.

Indovinate chi c'è in Altissima aggressività, alta reattività e media addestrabilità? IL CHIHUAHUA. (della serie aggressivo, fastidioso e poco addestrabile!)

Mentre il pastore tedesco, il doberman e il rottweiler sono in alta aggressività, ma altissima addestrabilità e bassissima reattività.

.... non parla di pitbull...

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Cyb il 10-07-2011 13:05 ]


0 
 Profilo
aleeeeeeshane

Registrato dal: 04-08-2010
| Messaggi : 335
  Post Inserito 10-07-2011 alle ore 16:07   
io posso dire di aver conosciuto diversi pit bull e incroci pit bull in canile, tutti adulti e tutti portati dai proprietari perchè non riuscivano a gestirli bene dato che non sapevano cosa avevano preso... il risultato di una scorretta gestione è stato quello di cani assolutamente incompatibili con i loro simili, e spesso anche con i gatti, ma più che mai buoni e docili con le persone. e parlo in una situazione di stress quale può essere la gabbia, con uscite spesso non quotidiane e molti cani vicini che abbaiano.. è vero anche che sono cani facilmente eccitabili e il gioco potrebbe diventare pesante in un attimo, ma è anche vero che se chi lo gestisce sa come trattarlo questo non accade quasi mai. tutti i pit transitati sono andati in adozione, ci è voluto del tempo ma solo perchè la gente sice "pit??? nooooo sono cani cattivi!"
per dovere di cronaca, molti pastori tedeschi problematici e morsicatori..


0 
 Profilo
calzinimaya
| MEDICO VETERINARIO
| CV STAFF

Registrato dal: 16-07-2008
| Messaggi : 19885
  Post Inserito 11-07-2011 alle ore 14:42   
Quote:

09-07-2011 alle ore 04:42, gazzella wrote:
Questo topic nn mi piace. Credo che le statistiche contino poco quando ventenni immaturi o persone che nn hanno mai avuto alcuna esperienza con animali decidono di COMPRARE cuccioli di molossi la cui vera forza sta nel carattere e nn nei muscoli. Detto questo x esperienza personale ho avuto rott ed ad oggi ho rott. L'ultimo l'ho preso al canile adulto ed è un cane dal carattere fantastico(nn sono io a dirlo ma tutti coloro che lo conoscono), da quando è con me, al "cane da guerra tedesco" è già capitato + di una volta che al parco sia stato attaccato da cani "d'indole pacifica"... beh la sua risposta a questi attacchi è stata guardare l'aggressore e subito dopo allontanarsi. Adesso io mi chiedo se avesse risposto all'aggressione procurando dei danni sarebbe rientrato in questa statistica? Tutto questo x dire che il cane nn nasce ne cattivo ne aggressivo, certo in alcune razze(tipo rott) c'è una base di aggrssività maggiore che in altre, ma se nn viene stimolata rimane li latente x tutta la vita, quando i cani sono in mani capaci, competenti e mature sono TUTTI agnellini. Concludo che tanti problemi si risolverebbero con l'inserimento del tanto contestato patentino, che tra l'altro avrebbe una funzione polivalente: da una parte istruirebbe i veri amanti; e dall'altra scoraggerebbe coloro che si approcciano a queste razze nn x amore ma x futili motivi.
ps invito gli scettici a farsi un giro in canili seri e ben strutturati, così da conoscere molossi abbandonati sui quali lavorano gli educatori x recuperarli e renderli adottabili, vedrete...



a me fa specie che quasi tutti i proprietari di cani aggressivi non lo ammettano nemmeno sotto tortura.
se il cane si gira o ringhia è perchè ha paura, perchè si è spaventato, perchè non è nel suo ambiente e via una sequela di stupidate.
e se un proprietario non ammette a se stesso che il suo cane è aggressivo ne viene fuori sempre una sequela di guai...


0 
 Profilo
( | 2 | 3 | 4 | 5 ) Avanti  >>> 
Chi siamo - Contatti - Area amministrazione - Regolamento
ClinicaVeterinaria.org utilizza cookies come previsto dai termini, condizioni di utilizzo


Generazione pagina: 1.099 Secondi