home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Varie  >>  il senso dell'amore verso il proprio animale ( e non solo il proprio) ciao Grigrì.. - Discussione n 97097 - PermaLink
   il senso dell'amore verso il proprio animale ( e non solo il proprio) ciao Grigrì..

( 1 | 2 | 3 | 4 ) Avanti  >>> 
Autore
Inizio discussione    ( Risposte ricevute: 34 )
Anna49
| CV STAFF

Registrato dal: 14-05-2012
| Messaggi : 8053
  Post Inserito 10-01-2017 alle ore 22:52   
Amare gli animali, siano essi cani, gatti, conigli, uccelli, pesci etc.., non vuol dire condividere la loro vita quando sono in buona salute ma prendersi cura di loro specialmente quando sono malati o in situazioni critiche per la loro vita.
Mi indigna leggere o sentire dire che un animale che si trova in situazioni del genere non è curato prontamente, non è portato dall'unica persona professionale, il veterinario, che può migliorare la sua situazione o addirittura salvarlo da un'ipotetica morte per mancato intervento.
La scelta di avere accanto a sé un animale DEVE essere consapevole, questo vuol dire che bisogna mettere in conto che la sua salute, per cause naturali o accidentali, può compromettersi e allora si deve intervenire, non si può stare a guardarlo soffrire o aspettare la manna dal cielo.
Se già dal primo giorno in cui entra in famiglia un animale non si hanno sufficienti disponibilità economiche si mette in conto un salvadanaio, poco al mese, solo per lui, così all'occorrenza si potrà curare.
Chi ama un animale non lo trascura, non urla spaventato dello stato pietoso in cui si trova quando è già troppo tardi per salvarlo, non servirà a lavare la coscienza, sarebbe stato meglio non averlo mai avuto.
Il senso dell'amore verso il proprio compagno animale si vede soprattutto nel momento del bisogno, quando ci sacrifichiamo per lui, nel tempo e nel denaro, nella cura e nelle carezze, altrimenti meglio comprare un peluche.



3 
 Profilo
misssmith
| CV STAFF

Registrato dal: 16-05-2008
| Messaggi : 22544
  Post Inserito 11-01-2017 alle ore 16:51   
Assolutamente d'accordo con te, Anna, e lo sai...
Personalmente, come moderatore faccio fatica a trattenermi quando leggo certe post qui sul forum, a volte mi trattengo perché temo che all'animale possa capitare anche di peggio, e mi tengo gli insulti in gola.

Quello che non ho mai capito è perché certa gente prende animali, non è una cosa obbligatoria, non te l'ha ordinato il medico. Perché prenderlo se non lo curi, se lo tieni fuori, magari a catena, se gli dai da mangiare scarti (quando ti ricordi)?

E' vero, magari non tutti sono ricchi e capisco la difficoltà nell'affrontare una malattia importante (mi viene in mente l'ernia del disco perché mi è capitato)..ma una visita!!! Negare una visita che può salvare la vita??? Ma stiamo scherzando???
Una utente del forum mi disse una volta che aveva una postepay dedicata dove depositava qualcosina ogni tanto per non trovarsi in difficoltà nei momenti del bisogno. Basta anche solo un salvadanaio...
E' che non c'è volontà, la verità è questa! E chi scrive che non ha i soldi per portare l'animale a visita, non ce lo porterebbe nemmeno se fosse milionario...! Dopo anni di lettura dei post, io la penso così...


4 
 Profilo
danimici15

Registrato dal: 10-04-2012
| Messaggi : 1690
  Post Inserito 12-01-2017 alle ore 00:42   
Sono d'accordo con quanto scritto, ma qui si apre un mondo... I Veterinari sono professionisti che per il loro lavoro difficile perchè l'animale non parla, spesso ti danno la possibilità di pagare un pò per volta fino a completo pagamento. I genitori dei figli che a tutti i costi chiedono un animale in regalo, pur sapendo che in casa ci sono difficoltà economiche che a mala pena arrivano alla fine del mese, dovrebbero spiegare bene ai bambini del perchè non si può prendere un animale in modo da renderli responsabili anche in futuro. C'è poi la mancata cultura che come porti tuo figlio dal dentista, anche il tuo gatto può avere bisogno di un'estrazione, di una pulizia ogni tanto da evitare di intervenire dopo in urgenza e spendendo più soldi. Poi ci sono le gattare... che raccattano tanti animali in difficoltà e qui è difficile avere nel salvadanaio soldi abbastanza per tutti, perchè certe Istituzioni proprio non ci sono al momento del bisogno. Quindi si paga poco alla volta sperando che per un bel pò nessun animale abbia urgente bisogno di essere portato dal Medico, invece non sempre è così. Manca poi l'educazione alla gestione del proprio animale in casa, se poi sono gatti è ancora peggio perchè anche oggi che siamo nel 2017 si pensa ancora che il gatto abbia sette vite quando ne ha una sola come l'abbiamo noi e che può morire da un momento all'altro senza assistenza proprio come può capitare a noi. Poi ci sono quelli che proprio prendono animali e se ne fregano se possono mangiare o no perchè hanno dolore alla masticazione, perchè sono anziani quindi la loro vita "l'hanno fatta " e tanti saluti, magari basta poco per farli vivere ancora qualche anno in più. C'è differenza.


3 
 Profilo
Kiki86

Registrato dal: 17-07-2013
| Messaggi : 422
  Post Inserito 13-01-2017 alle ore 20:33   
Sono perfettamente d'accordo con tutte voi e capisco la fatica di missmith nel trattenersi dall'inveire contro certi utenti che chiedono consigli qui sul forum, quando è evidente che l'unica cosa furba e urgente da fare sarebbe correre da un veterinario (non mi collego spesso ma ho provato più volte la stessa sensazione!).
E credetemi se vi dico che anche io metto molto impegno nel non esprimere il mio disprezzo quando, nei miei contatti quotidiani con il pubblico in ambito lavorativo, sento certi discorsi agghiaccianti (e non lavoro in ambito veterinario!).
Ovviamente ci sono i depravati sociopatici che fanno di proposito male agli animali, ma su questi non spenderei parole.
Poi ci sono le persone sostanzialmente buone e affezionate al loro animale, ma che hanno poca o nessuna cultura/esperienza in materia e che commettono pertanto errori e sottovalutano i problemi di salute del loro animale. Qui il ruolo del veterinario che vede il cucciolo per i primi vaccini è secondo me fondamentale per dare le giuste dritte ai padroni (almeno a quelli disposti a recepirli).
Poi ci sono le persone con poca disponibilità economica, ai quali consiglierei di riflettere mooolto prima di prendere un animale in famiglia, perché, sebbene sia un'esperienza meravigliosa a cui tutti (non proprio tutti, diciamo molti!) avrebbero diritto, è anche una responsabilità che comporta notevoli costi (specie veterinari, che purtroppo non sono a carico del ssn!).
E poi ci sono gli ignoranti/arroganti/insensibili/tirchi/trogloditi, che pur potendosi permettere le spese veterinarie, ritengono che 'sono solo animali, mica bambini!' (che poi io non vorrei nemmeno essere la figlia di certi soggetti!) e che 'non meritano di buttare tutti quei soldi', specie se l'animale in questione è anzianotto e 'ha già fatto la sua vita'. Ma questi qui, che se lo prendono a fare un cane o un gatto? Per la guardia e per cacciare i topi??
Un giorno ho provato molta rabbia sentendo una mia cliente che diceva: 'ora che mio figlio e la ragazza si sono lasciati e lui è tornato a vivere da noi, la cagnolina penso andrà in canile, perché la ragazza non vuole tenerla e io un cane in casa non lo posso sopportare. Mi spiace perché è di razza e l'hanno pagata un bel po'!' Certe persone proprio non ci arrivano, non capiscono che il costo del cane è l'ultimo dei problemi e che quello che conta è che sono esseri sensibili e senzienti e che il loro dolore fisico e mentale vale ESATTAMENTE come il nostro.
I miei primi ricordi risalgono a un cane di cascina di mia nonna tenuto a catena, che non aveva mai visto un veterinario, e gatti che castrazione e vaccini non sapevano manco cosa fossero. Poi sono arrivati i cani voluti da me, una bimba da sempre molto attratta da questi esseri dolcissimi, e con loro la cultura in materia veterinaria mia e della mia famiglia è pian piano cresciuta. Ma la serenità maggiore l'ho raggiunta ora, con la mia Narghile, alla quale provo ad offrire il meglio (compatibilmente con le mie conoscenze e possibilità), e alle cui spese posso provvedere direttamente, senza più dipendere dalle finanze dei miei genitori. L'ho desiderata e, potendomelo permettere grazie al lavoro, mai e poi mai mi sognerei di farla soffrire soltanto per risparmiare. L'amore che ricevo da lei non me lo consentirebbe!


[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Kiki86 il 13-01-2017 20:42 ]


4 
 Profilo
danimici15

Registrato dal: 10-04-2012
| Messaggi : 1690
  Post Inserito 13-01-2017 alle ore 22:20   
Ciao, simpatica la cliente della canina che dovrà andare in Canile, neppure io vorrei essere la figlia di certe persone, credo come dici che ci sia tanta ma tanta ignoranza e menefreghismo quando si tratta di far curare un animale. Una "signora" che abita in alto al paese una mattina mi chiama e mi dice che uno dei suoi 10 gatti sta male e se per favore lo porto dal Vet. Lei non guida ed è anziana. Ok gatto dal Vet visita esami e rx addome costo 190 euro. Risultato lei non voleva pagare perchè dice non si spendono così tanti soldi per un gatto. Pago il Vet e per riavere i soldi ci ho impiegato un mese. Lei sta benissimo con una pensione alle stelle e tre case in affitto. Mai più.

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: danimici15 il 13-01-2017 22:29 ]


0 
 Profilo
Kiki86

Registrato dal: 17-07-2013
| Messaggi : 422
  Post Inserito 14-01-2017 alle ore 11:51   
Si vede che la signora che ti aveva affidato il gatto si aspettava che con una ventina di euro glielo riportavi come nuovo, grazie al magico potere diagnostico-guaritore di un veterinario-santone!!!
I veterinari devono spesso procedere per tentativi, per accertameti successivi, perchè i nostri animali non sono in grado di comunicare a parole il loro malessere o quello che gli è capitato. E così, a meno che si tratti di cose ordinarie e facilmente diagnosticabili, i costi salgono rapidamente.
I prezzi degli accertamenti veterinari ci fanno particolarmente effetto perchè, nella maggior parte dei casi, ignoriamo il costo degli equivalenti accertamenti umani, in quanto a carico del ssn. E lo stesso si può dire per i farmaci. Quando si tratta di integratori, invece, possiamo notare come anche il prezzo di quelli umani sia decisamente alto, perchè siamo abituati a pagare anche i nostri.
Non escludo che ci sia anche molta speculazione nel settore (e magari disonestà da parte di qualche professionista), ma chi adotta o compra un animale deve essere informato e preparato ad affrontare i costi ordinari e purtroppo anche quelli imprevisti, non può successivamente appigliarsi a questi argomenti per giustificare l'assenza o la carenza di cure e lavarsi la coscienza. Questo è il mio punto di vista.


1 
 Profilo
didi45

Registrato dal: 25-09-2011
| Messaggi : 5461
  Post Inserito 14-01-2017 alle ore 13:10   
Brava Anna hai aperto una discussione che condivido pienamente, come del resto chi mi ha preceduto nelle risposte .
Ultimamente partecipo poco al forum.
Come sapete non ho bisogno, non ho più in casa animali, una rinuncia fatta pensando alla mia età e al loro possibile futuro, ma sono rimasta nel forum per ricambiare quell'aiuto che qui a suo tempo ho trovato.
Molti utenti non ci sono più , ed ultimamente quando vengo a leggere evito di rispondere per non essere maleducata. Ho spesso l'impressione che si venga qui per avere un aiuto senza pagare. Che si speri nel suggerimento di farmaci per baipassare il veterinario , e tante volte ho l'impressione che si riportino esiti di visite mai avvenute pensando di essere più furbi.
Mi chiedo ma questi utenti hanno mai provato a sentire del male? Come si recano dal medico per avere un sollievo , non pensano che anche il loro animale necessità di cure e di un aiuto per non soffrire?
Poi si passa agli eccessi contrari, di chi pur di non veder morire il proprio animale lo sottopone a calvari inutili per trattenerlo a sé ancora qualche tempo.
Gli animali sentono il dolore come lo sentiamo noi, hanno solo molta più dignità e non si lamentano.
Quindi cerchiamo di rispettare il loro dolore intervenendo con le cure veterinarie al momento giusto e cerchiamo di essere meno egoisti e concedere loro una morte dignitosa quando é necessario.
In questo sono avvantaggiati rispetto a noi.
Quando poi prendiamo un animale ricordiamoci che ci accompagnerà per anni nella nostra vita , se cambieremo casa dovrà seguirci, se decideremo di trasferirci per lavoro dovrà venire con noi, insomma la sua vita sarà la nostra e si spera durerà molti anni.





2 
 Profilo
lillina
| CV STAFF

Registrato dal: 15-04-2006
| Messaggi : 51796
  Post Inserito 14-01-2017 alle ore 18:20   
un cuoricino a tutte
condivido in pieno

chissa' se viene letto da tutti questo topic breve e importantissimo


1 
 Profilo
Anna49
| CV STAFF

Registrato dal: 14-05-2012
| Messaggi : 8053
  Post Inserito 14-01-2017 alle ore 18:44   
come alcuni di voi sanno mia figlia ha una gattina di nome Sissi, amata tantissimo, poi fuori il suo porticato ha tre gatti randagi, lei ha posto delle cucce con copertine, crocchette ed acqua a disposizione, questo per Big, Macchia e Grigia.
Loro ogni giorno si trattengono, la notte ognuno ha scelto il suo posto per dormire, quando si sono rifocillati vanno via sulle rocce e fanno i loro giri, tornando di tanto in tanto.
Sono due giorni che Grigia non si fa vedere, mia figlia aveva notato tornando la sera dal lavoro, proprio l'ultimo giorno in cui c'era, che tossiva e sembrava non stare bene, aveva intenzione il giorno dopo di portarla dal veterinario, purtroppo non ha fatto in tempo.
Ora lei è preoccupata come se fosse la sua micia, ha anche messo su fb una foto per chi l'avesse vista, eppure…è una randagia, una randagia amata.
Questo per giustificare il titolo di questo topic, la coscienza, se ne abbiamo una, dovrebbe insegnarci che quando vediamo una di queste creature in difficoltà, è giusto attivarci, nessuno di loro dovrebbe soffrire, loro sono indifesi e dipendono da noi che possiamo aiutarli, figuriamoci quando si parla del proprio peloso!
Spero che la piccola Grigia ritorni..


[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Anna49 il 14-01-2017 18:55 ]


2 
 Profilo
misssmith
| CV STAFF

Registrato dal: 16-05-2008
| Messaggi : 22544
  Post Inserito 14-01-2017 alle ore 22:07   
Intanto speriamo che Grigina torni presto...


Un altro aspetto da tenere in considerazione che secondo me c'entra col senso dell'amore è l' importanza delle scelte.

Ieri ero dalla mia vet per un controllino veloce e mi ha raccontato di una sua cliente anzianotta a cui i figli, dopo la morte della cagnolina storica, hanno regalato un cucciolo di taglia media che la riempie, tra l'altro, di morsi. La signora non ce la fa più, rischia pure di cadere ecc. Ora, quanto ci vorrà prima che quel cane finisca in canile?
Quando in famiglia (tutti insieme) abbiamo deciso di prendere un altro cane, ho cercato online ma non mi sono fermata alla prima foto vista, ho parlato con le volontarie, ho spiegato com'era la vita familiare e con chi avrebbe vissuto il peloso.
Quando ho 'incrociato' Lisa siamo andati tutti insieme a conoscerla e poi siamo tornati a prenderla.
Insomma, quel che voglio dire è che bisogna riflettere, decidere insieme, parlare e valutare tutto: lato economico, tempo a disposizione, persone che se ne occuperanno.
E soprattutto, non buttarsi subito sul cucciolo. Ci sono tanti cani adulti con un buon carattere, sono da tenere in considerazione anche loro!


2 
 Profilo
( | 2 | 3 | 4 ) Avanti  >>> 


Generazione pagina: 1.097 Secondi