home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Il Veterinario risponde  >>  Cane anziano cardiopatico con calcolo in uretra - Discussione n 96624 - PermaLink
   Cane anziano cardiopatico con calcolo in uretra
Autore
Inizio discussione    ( Nessuna risposta )
LiLiTh23

Registrato dal: 30-10-2016
| Messaggi : 4
  Post Inserito 30-10-2016 alle ore 19:44   
Ciao a tutti e tutte, sono qui per chiedere consiglio per Zico, di cui ho inserito la scheda con tutti i dati, perchè abbiamo un serio problema. Mi rendo conto che è un bel papiro, ma purtroppo è un caso complicato...

Zico ha quasi 14 anni ed ha una cardiopatia dall'età di 8 anni, per l'esattezza dall'anamnesi: endocardiosi mitrale in classe C2 ACVIM (grado grave), prolasso del LAM, dilatazione delle vv.polmonari, settori cardiaci destri normo-distesi. Ciò nonostante è abbastanza compensato e le frequenze respiratorie al minuto a riposo sono intorno ai 15 respiri. Per questo comunque segue una terapia (ace-inibitore benazepril, furosemide e pimobendan alla mattina e sera e in più stiamo finendo 15 giorni di trattamento con cerotti alla nitroglicerina) e fa periodicamente controlli con la specialista. Zico ultimamente ha però iniziato ad avere altri problemi.

Tutto è cominciato quando ho visto la punta del pene sporca di sangue al rientro dalla passeggiata proprio 1 mese fa... il giorno seguente 1/10/16 ho raccolto un campione e portato dal veterinario il cane abbiamo fatto le analisi delle urine; essendo sabato mattina all'ambulatorio non potevano usare l'ecografo dato che non ci stava la dottoressa che se ne occupa, quindi mi dicono di tornare lunedì; vado il lunedì e faccio l'ecografia, da cui vede una prostata colicistica ingrossata e un po' di versamento di liquido, dice di non vedere bene dall'ecografia se anche i reni possono essere interessati dall'infezione e da un ristagno, mi consiglia per valutare meglio la situazione il giorno dopo a digiuno totale di fare un emocromo biochimico.
Dai risultati dice che possiamo escludere il paventato ristagno di liquido nei reni e che possiamo curare con un antibiotico Synulox per 3 settimane, controllando il cane ecograficamente dopo 10 giorni per valutare se c'è miglioramento. Mi spiega anche però che il problema è legato al testosterone e che il cane andrebbe castrato....ma che con un paziente di quest'età e con questo problema cardiologico è meglio evitare e tentare intanto altre strade, valutando anche con la cardiologa l'eventuale utilizzo di Ypozane e interazioni con la sua terapia, dato che dovevo a giorni andare a fare il controllo ecocardio, ma che in ogni caso l'uso di Ypozane andrà valutato bene in un cane così (anche perchè le ho detto che Zico era particolarmente "in ormone" nel periodo all'inizio di questo problema per la presenza di femmine in calore in zona e avevo pensato che questo avesse potuto influire ed accentuare la problematica).
Dopo 10 giorni di antibiotico facciamo un controllo ecografico ed il liquido risulta molto diminuito e nota un miglioramento, così continuo con antibiotico come prescritto e ritorno dopo altri 10 giorni per il controllo, ovvero il 24/10/16, in cui mi conferma che il problema è al momento rientrato e che possiamo smettere con l'antibiotico dato che era l'ultimo giorno. Ha poi aggiunto che il problema prostata ingrossata si poteva sempre ripresentare a breve non avendo sospeso la causa ma che preferiva non aggiungere a Zico anche un altro farmaco cioè Ypozane per il momento. Poi mi dice che vede una piccola calcificazione che le sembra nell'uretra, ma non gli ha dato peso e neanche io.

Pensavo andasse meglio, infatti così è per la prostata, ma dopo solo pochi giorni Zico inizia a metterci molto a fare la pipì, cioè stava parecchio in un punto con la zampa alzata ed era strano, poi ha fatto una volta pipì col sangue, chiamo la veterinaria, mi chiede se il cane riesce a fare pipì e le dico di si, mi dice di vedere come va alla passeggiata dopo e se fa altro sangue ricominciare antibiotico e comunque di andare il lunedì che ci sta la dottoressa che fa anche ecografie che l'ha seguito. Il cane il pomeriggio e la sera fa pipì limpide che mi sembravano normali, solo più lunghe, quindi non rido antibiotico, ma ieri mattina alla prima pipì del mattino vedo che ha più difficoltà a fuoriuscire la pipì, non ha più il getto a schizzo normale di prima...comunque gli faccio fare più pipì possibili e impanicata vado all'ambulatorio, trovo sempre la dottoressa che mi aveva detto di tornare lunedì a cui dico della piccola calcificazione e se poteva essere quello il problema e mi dice che sicuramente sarà quello che poteva provare a infilare un catetre e spingerlo su senza sedarlo...al che chiediamo se non è meglio dare un'occhiata con l'ecografo per capire esattamente se è quella la causa, mi dice che lei non lo può usare e può fare solo questo, allora le diciamo che lo possiamo portare da un'altra parte, così ci congediamo e vado in un altro posto, dove facciamo l'ecografia (notiamo subito la grossa differenza di macchinario, il primo utilizzato sembra antico e con visione differente rispetto a questo di nuova generazione) e la dottoressa zoomma subito su un calcolo di 4 mm di diametro al'interno del lume del uretra peniena che mi spiega lo sta ostruendo, che al 90% le sembra di ossalati ma l'unico modo per saperlo con certezza sarebbe esaminarlo dopo averlo rimosso....mi dice che l'unica sarebbe intervenire chirurgicamente per toglierlo perchè il rischio è che si ostruisca totalmente....ma che comprende la situazione delicata vista l'età e la patologia cardiaca....siamo nello sconforto totale, in più c'è pure il ponte di mezzo.....la dottoressa mi dice che intanto possiamo provare a dargli un'alimentazione specifica e ci consiglia Royal Canin S/O che ho comprato, mi dice poi dell'acqua con basso residuo ma Zico già beve Sant'Anna da più di un anno, da quando mi fu consigliato.. Dice poi di consultare la cardiologa e sentire il suo parere, la cardiologa mi ha detto che se Zico non riesce a urinare l'intervento è l'unica scelta...ma anche che se riesce a svuotare la vescica si può provare con la dieta per sciogliere i cristalli (lei mi ha indicato Royal Canin S/O o Farmina Oxalate) provando e un prodotto a base di erba spaccapietra con cui dice altri suoi clienti si sono trovati molto bene.....ma che tutto dipende dalla sua capacità a urinare normalmente....ho intanto chiesto i dosaggi per questa spaccapietra ma mi ha detto che i suoi pazienti hanno fatto un po' di testa propria. Volevo capire intanto se secondo voi può essere un aiuto, sicuramente proverò, l'ho trovata in capsule, ma in quanto tempo può agire questa spaccapietra? Qualcun'altro ha avuto esperienza con con calcoli in uretra e erba spaccapietra? Sono tanto preoccupata, se potete darmi qualche consiglio per capire cosa è meglio fare per lui ve ne sarei davvero grata. Grazie in ogni caso,

Isabella e Zico



[ Questo Messaggio è stato Modificato da: LiLiTh23 il 30-10-2016 19:51 ]


0 
 Profilo


Generazione pagina: 0.172 Secondi