home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Varie  >>  Attentati in corso a Parigi e ISIS - Discussione n 93582 - PermaLink
   Attentati in corso a Parigi e ISIS

( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 ) Avanti  >>> 
AutorePagina: 7 di 12
Annas
| CV STAFF

Registrato dal: 20-02-2009
| Messaggi : 14347
  Post Inserito 18-11-2015 alle ore 23:34   
L'Italia ha colonizzato poco perchè come al solito siamo arrivati ultimi, gli italiani però un primato l'hanno ottenuto: quello per le maggiori e più gravi violenze commesse verso i popoli locali (uso dei gas, violenza sulle donne e altre amenità).
Bisogna tener sempre presente la storia per capire dove l'odio ha le sue radici.


0 
 Profilo
danimici15

Registrato dal: 10-04-2012
| Messaggi : 1690
  Post Inserito 19-11-2015 alle ore 00:09   
Per ultimo, ti ricordo che noi in certi posti siamo arrivati un bel pò dopo per questioni di soldi mezzi uomini e politica: somalia abissinia libia. Poi però noi ce ne siamo tornati a casa propria. Sarà pur vero che ci sono state violenze sulle donne ecc... come sono esistite per qualunque conquista territoriale e nelle guerre, ma l'italia ha portato anche costruzione di ponti strade aquedotti. Ciao.


0 
 Profilo
lillina
| CV STAFF

Registrato dal: 15-04-2006
| Messaggi : 51796
  Post Inserito 19-11-2015 alle ore 10:51   
rinvangare il passato dalle Crociate in avanti e la colonizzazione dei paesi europei ,Italia compresa ,con tutti i danni e le tragedie procurate è naturale anche giusto

ma non giustifichiamo questo ODIO

" mamma li turchi ",è solo una battuta ??? ne hanno fatte anche loro di stragi e violenze ed erano arrivati ad un battito d'ali per colonizzarci

Noi li ODIAMO al punto di fare stragi e vendette dopo secoli ?
Noi ODIAMO i tedeschi per quanto hanno combinato sotto Hitler ?

Recriminare e tentare di trovare una giustificazione a quest'odio che alimenta l'ISIS
non serve a nulla

l'ODIO non serve a nulla

avete letto la citazione di Mari10 circa quel giovane francese al quale hanno trucidato la moglie che lo ha lasciato solo con un bambino di 17 mesi ??ha scritto su facebook

"......io non vi ODIO .....siete anime morte ....io sono libero ...."

Loro ci odiano per vendetta ,invidia della liberta e fanatismo ,giovani plagiati al punto di credere che uccidendo o diventando martiri ,si guadagneranno il Paradiso
quale Dio dara' loro il Paradiso in premio ?

quanto stanno facendo è aberrante ,uccidono decapitano,crocifiggono, bruciano vivi occidentali ,orientali ed anche mussulmani loro fratelli nella fede

questi sono demoniaci, pazzi anzi razionalmente sadici e malvagi e devono essere spazzati via

Io non li odio ,ho solo una gran pena dentro se penso a " come "vivono e a come uccidono ,esultando
di che cosa ?di aver ucciso

Chi ama la MORTE è morto
anime morte ha scritto quel giovane uomo
francese se ho capito bene













0 
 Profilo
Annas
| CV STAFF

Registrato dal: 20-02-2009
| Messaggi : 14347
  Post Inserito 19-11-2015 alle ore 11:09   
Lillina ricordare e conoscere la storia non è rivangare, ma cercare di capire cosa è successo e cosa sta succedendo.
Le migrazioni, i giovani francesi e belgi che si fanno saltare in aria sono il frutto del colonialismo. Gente che nasce e vive nel nostro mondo da tempo ma che non ne fa parte e sviluppa un odio talmente forte da arrivare a tanto.
La Francia era piena di persone di colore molto prima che queste arrivassero in Italia. Se parli con loro si definiscono francesi, perché lo sono ma poi alcuni decidono di diventare terroristi, perchè?
L'analisi è molto più complessa di un semplicistico "sono cattivi e ci odiano" e credo sia doverosa per cercare di non ripetere altri errori.

Non linko articoli autorevoli sui crimini di guerra italiani o notizie storiche sulla cosiddetta battaglia di Parigi del 1961, dove i poliziotti francesi massacrarono centinaia di algerini che pacificamente dimostravano per la loro indipendenza, non faccio più la fatica perché è evidente che nessuno legge.
Soffermarsi sugli eventi accaduti, purtroppo tutti tragici e violenti non significa voler dare una giustificazione ai terroristi odierni, ma cercare di capire come si è arrivati a questo punto.
La soluzione, che tanti ottusamente vedono in un bombardamento a tappeto, non esiste.


[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Annas il 19-11-2015 12:08 ]


0 
 Profilo
didi45

Registrato dal: 25-09-2011
| Messaggi : 5461
  Post Inserito 19-11-2015 alle ore 15:56   
La prima informazione storica da ricercare é la divisione sciita e sunnita da cui nasce un conflitto mai spento. Quali sono i paesi sunniti e quali gli sciiti, da chi sono appoggiati, come si collocano verso i paesi occidentali e viceversa e poi si può incominciare a ragionare.
Al di là poi delle ragioni storiche della divisione mussulmana, e dal colonialismo, ormai passato , non bisogna dimenticare che la religione mussulmana, anche la più moderata predica una società ben lontana dai nostri usi e costumi. In particolare nel diritto famigliare che é quello che più ci interessa quotidianamente.
Sono due modi di vedere e pensare che non possono andare d'accordo. Ovvio che chi é immigrato e si scontra a dover vivere con la nostra cultura , faccia fatica ad accettare che la propria moglie e la propria figlia goda di certe libertà a cui noi non possiamo più rinunciare. Da qui nei più fragili nascono i conflitti contro la vita che sono obbligati a seguire.
Il differente modo di vivere ho potuto osservarlo personalmente nel corso degli anni in Egitto, Turchia ,
Marocco ,Giordania ,Oman ed Emirati arabi.
Naturalmente non guardando la vita dei villaggi turistici, bensì quella del luogo e parlando con chi ci risiede.
Il paese più europeo era la Turchia. Mi colpì anni fa per come era avanzato, allora era uno stato totalmente laico grazie al grande Kemal Ataturk , padre della paria che aveva bandito la religione dalla politica e il velo dalle scuole.
A Konia centro della religione, giovani studentesse in divisa ,gonna corta scozzese a pieghe e camicetta , andavano ad intervistare i turisti in inglese per imparare la lingua.
Poi la religione é tornata nella politica e la Turchia ha fatto passi all'indietro. Peccato.

Se andate a visitare la grande nuova Dubai , scoprirete spiagge bellissime , dove le turiste fanno il bagno, ma le mussulmane non ci vanno perché non possono mostrarsi in costume.
Non possono neppure andare sole ai giardini coi bimbi se non nel giorno a loro dedicato , quando so chiusi agli uomini.
A me personalmente é capitato a Silifke zona allora poco conosciuta da turisti, di dormire in un bellissimo albergo frequentato quasi esclusivamente dai turchi, dove ci vennero assegnate delle camere con balcone , ma il balcone invece di una ringhiera aveva un muro alto fino a 30cm. dal piano sovrastante. E questo per permettere alle donne di prendere il sole che da lì filtrava, senza essere viste! Per un giorno risi, ma mi sentivo murata viva.
Da turista potei invece fare il bagno in un'acqua splendida.
Quando migrano, mettete insieme un padre o un fratello così abituati , a delle figlie o mogli che volentieri si adeguerebbero alle nostre abitudini, e se sono saldi nei loro principi, che agli uomini fanno molto comodo, vedrete che si sprigionerà incomprensione ed odio.
Ecco il radicalismo della seconda generazione,frustrata di non poter far rispettare nel nuovo paese le proprie tradizioni.
Se poi aggiungiamo che il padre ha la potestà assoluta sui figli , chi di noi accetterebbe in caso di divisione di cederli totalmente al marito?
E loro accettano a fatica il contrario.
E chi ama il proprio marito non accetta più di condividerlo (se é ricco) con altre mogli.
É un'integrazione forzata troppo difficile. Ci si deve scostare dalla religione. Ma nell'islam, anche quello moderato, stato e religione si identificano.
Anche da noi c'é ingerenza religiosa nello stato ma é molto più leggera, siamo avanzati rispetto al Medioevo e la santa inquisizione coi suoi orrori.
L'islam si é fermato.
Sbaglio ho é già esistita una civiltà ove c'era grande mescolanza di razze , lingue e religioni? Se no erro se ne parla nella Bibbia. Babilonia.



1 
 Profilo
ernesto16cleo

Registrato dal: 22-03-2011
| Messaggi : 1646
  Post Inserito 21-11-2015 alle ore 20:09   
Fino adesso ho evitato commenti e quant'altro ovunque, però ci sono alcune cose che mi colpiscono. Ho vissuto la cosa da molto vicino e so che la prima reazione è la rabbia... E quindi via di bombe. Ora, non sono per niente un'esperta di strategie militari, ma ricordo di aver letto un articolo tempo fa che esponeva il problema delle guerre contemporanee, quelle post avvento dell'opinione pubblica per intenderci. L'articolo proponeva il seguente "trilemma": come fare per raggiungere davvero tutti gli obiettivi, militarmente parlando? Ovvero:
- annientare i "cattivi"
- non causare perdite tra i civili
- non causare perdite tra i militari
Gli ultimi due obiettivi sono il risultato dell'effetto dell'opinione pubblica e della mediatizzazione, prima non ci si preoccupava troppo. Dal Vietnam in poi, chi entra in guerra deve farci i conti. Beh, la risposta era: è impossibile. In effetti appare molto arduo pensare di sconfiggere l'ISIS solo con le bombe. Ma nessuno, a parte le persone che l'ISIS se lo trovano in casa, combatte via terra. Perché sono operazioni costose, economicamente e a livello di vite umane. Allo stesso tempo ci vanno cauti con le bombe, perché la storiella delle "bombe chirurgiche" non ce la beviamo più. E il risultato sono ormai due anni di interventi inconcludenti (lasciando perdere il fatto che non si voglia affrontare la questione di Assad).
Quindi, al di là dell'aspetto morale della cosa, secondo me, almeno nel breve periodo, l'unico modo per limitare sul serio il pericolo di attentati è l'intelligence e la collaborazione tra gli stati. Spero che quello che stanno facendo in Belgio riesca a evitare o limitare i danni di un Parigi bis.

Arrivando alla questione Noi-l'Islam-l'ISIS... Sinceramente mi fa paura il fatto che si mescoli tutto. Soprattutto in seguito a un attentato a Parigi, che ha fatto dell'amalgama la sua cifra. E' vero quel che dice Annas. Ci sono sacche di marginalità nelle banlieue che non sono state affrontate, ma il problema non sono i musulmani e neanche quello che la gente pensa dei musulmani. Sono marginalità trasversali alla religione. Tanto che neanche i terroristi han fatto differenza. Certo, non conviene loro ammazzare musulmani in Occidente, perché svelano una ovvietà: la religione non c'entra niente. ma anche se mediaticamente sanno che devono puntare sull'islamofobia, questo non ha impedito loro di compiere un attacco "nel mucchio", nel quale han perso la vita anche musulmani. Nel resto del mondo se ne fregano e come tutti ben sappiamo la maggiorparte delle vittime dell'ISIS è di religione musulmana.

E che si mischi questa tragedia con la questione dell'immigrazione è assurdo: i rifugiati che arrivano in Europa scappano da situazione esattamente uguali a quella che abbiamo appena vissuto a Parigi. Solo che per loro quella è quotidianità.

In tutto questo, per quanto Parigi non sia una città facile in termini di integrazione, chi ci ha passato qualche tempo sa di cosa parlo, io sono fiera di essere parigina di adozione. Oggi ho visto TVtalk che ha riassunto il "dibattito politico", se così lo si può chiamare, che c'è stato in Italia... che vergogna! Che pochezza! Quello che vedo qui, per fortuna, è la paura, sicuramente, ma anche la volontà di continuare, di non farsi intimorire e di essere uniti.
Guardate la bellissima intervista che Diego Bianchi, della trasmissione Gazebo ha fatto ad Awa Li, cantante di origine senegalese, cresciuta a Parigi e attualmente residente in Italia, inizia intorno al minuto 30 del firmato di cui posto il link:

Gazebo 19 Novembre 2015


1 
 Profilo
madaboutdanny

Registrato dal: 27-04-2011
| Messaggi : 1368
  Post Inserito 22-11-2015 alle ore 14:27   
Non credo che i terroristi si preoccupino troppo di colpire nel mucchio e così facendo colpire anche i musulmani, nelle torri gemelle sono morti anche musulmani, una scusa la trovano sempre, o che lavori per il demonio, o che sei ad uno spettacolo indegno e così via...


0 
 Profilo
ernesto16cleo

Registrato dal: 22-03-2011
| Messaggi : 1646
  Post Inserito 22-11-2015 alle ore 16:37   
Sono d'accordo, a parte per l'effetto mediatico. Comunque a maggior ragione è assurdo stabilire una correlazione tra l'essere musulmani ed essere terroristi. Correlazione che si trova, neanche tanto velata nel ritornello:
"non tutti i musulmani sono terroristi, ma tutti i terroristi sono musulmani". Come se l'essere musulmano portasse a una specie di inclinazione al terrorismo.

Non bisogna andare tanto indietro nel tempo per trovare esempi di terrorismo non musulmano e non religioso. Anche a casa nostra. Quelli che il 2 agosto 1980 hanno messo una bomba alla stazione di Bologna cos'erano??

Pensate se, in quel periodo, si fosse diffusa l'idea che "non tutti gli Italiani sono terroristi, ma tutti i terroristi sono Italiani". Non so voi, ma io non avrei apprezzato e non mi sarei sentita in dovere di dissociarmi da quella gente, cui non mi avrebbe potuto legare assolutamente niente.

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: ernesto16cleo il 22-11-2015 16:38 ]


0 
 Profilo
misssmith
| CV STAFF

Registrato dal: 16-05-2008
| Messaggi : 22544
  Post Inserito 22-11-2015 alle ore 16:47   


Questa è una delle ricette per cambiare le cose dal basso, ma il problema è come fare a intervenire sulle decisioni prese nei palazzi del potere.


1 
 Profilo
calzinimaya
| MEDICO VETERINARIO
| CV STAFF

Registrato dal: 16-07-2008
| Messaggi : 19885
  Post Inserito 22-11-2015 alle ore 17:46   
La prevaricazione in nome della conversione all islam è scritta nel loro libro sacro eh ,mica me lo invento io.
Dire che il terrorismo contemporaneo sia prevalentemente di matrice religiosa islamica è un fatto, inutile dire che nel secolo scorso anche noi etc etc.
Comunque, visto che mi piace parlare di ciò che conosco prenderò il corano e poi vi saprò dire


0 
 Profilo
<<<  Indietro  ( | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 ) Avanti  >>> 


Generazione pagina: 1.154 Secondi