home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Il comportamento del gatto  >>  Post-adozione - Dubbi e condizioni d'affido - Discussione n 92816 - PermaLink
   Post-adozione - Dubbi e condizioni d'affido

( 1 | 2 | 3 ) Avanti  >>> 
Autore
Inizio discussione    ( Risposte ricevute: 22 )
Absynth

Registrato dal: 30-07-2014
| Messaggi : 55
  Post Inserito 10-09-2015 alle ore 19:30   
Buonasera,

tempo fa avevo postato su questo sito ed altre pagine la richiesta di adozione per una gattina di 6-7 mesi che avevo trovato abbandonata vicino casa e che avevo fatto adottare lo scorso Luglio da una famiglia con 2 bambini non molto distante da dove abito attualmente.
Nella premessa dell'adozione avevo richiesto solo giardini protetti e/o case con balcone in sicurezza. Alla fine l'avevo data in adozione a loro pure avendo la casa al piano terra e con balcone non messo in sicurezza e giardino condiviso con altre case perché mi erano sembrate brave persone e soprattutto in sintonia con la gattina, oltre a vivere in un posto molto tranquillo.
Ora loro hanno deciso di prendersi cura del cane di un parente e per tale motivo la gattina si sente un pò in disparte e quindi anziché stare fuori quellì1-2 ora/e è sempre fuori, se non quei momenti in cui entra per mangiare e/o dormire in casa (non so quando).

Loro affermano che la gattina è tenuta bene, però attualmente per come la vedo io sembra una gatta di colonia, anche perché in una precedente conversazione non sapeva nemmeno dov'era finita..
Io l'ho affidata a loro per darle una casa e non per vederla sempre fuori in giardino, però sinceramente non so che fare.
Non vorrei toglierla da una famiglia, per poi lasciarla in stallo e farla rimbalzare da un'altra parte. Non se lo meriterebbe dopo quello che ha passato.
Non per buttarla sul lato economico, ma io avevo speso soldi per sterilizzazione-controlli e ben 3 esami, tenendola separata pure dai miei per questioni di sicurezza e per testare al 100 % la sua negatività a certe malattie. Lasciandola sempre fuori invece equivale, almeno per me, ad aver vanificato tutto il lavoro svolto, specialmente i graffi/morsi che mi ero preso tranquillizandola il primo mese che l'avevo portata dentro casa e dopo il quale finalmente ero riuscito a darle serenità e ad abituarla all'ambiente familiare.

Come dovrei comportarmi secondo voi ? Non sono una persona eccessivamente pignola, però secondo me se una persona acconsente di accudire/adottare un gatto deve come minimo sapere dov'è durante la giornata, o comunque tenerlo in casa protetto durante la notte. Oppure mi sbaglio ?
Per come la vedo io a lungo andare rischierebbe di ritrovarsi una gatta pressoché pari ad una di colonia, se non randagia.

Grazie per i consigli !

(Ps): nel caso di errata sezione provvederò a ripostare.

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Absynth il 10-09-2015 19:32 ]

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Absynth il 10-09-2015 19:33 ]

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Absynth il 10-09-2015 19:34 ]


0 
 Profilo
dolomiti1972

Registrato dal: 15-07-2015
| Messaggi : 101
  Post Inserito 10-09-2015 alle ore 21:09   
Ciao,
concordo perfettamente con te. Se decido di adottare un animale devo averne cura come si deve, altrimenti meglio lasciar perdere.
Tu hai modo di vedere la micia? Hai potuto verificare effettivamente se è almeno in buone condizioni?
Non intendo solo se sta bene fisicamente ma anche le condizioni del pelo, se è pulita, ben nutrita ecc...
Perché se è tenuta male hai un ottimo motivo per togliere la micia alla famiglia, mentre se è tenuta bene, la sola motivazione del fatto che sia sempre in giardino e che esca dal recinto, forse è un po' debole.
Mi rendo anche perfettamente conto che non sia affatto facile portargliela via, o almeno non è facile farlo con diplomazia senza rischiare di rovinare i rapporti.
Io proverei a chiedere supporto a qualche associazione tipo ENPA o simili, più che altro perché magari loro sanno come muoversi in questi casi.


0 
 Profilo
Absynth

Registrato dal: 30-07-2014
| Messaggi : 55
  Post Inserito 11-09-2015 alle ore 00:37   


10-09-2015 alle ore 21:11, dolomiti1972 wrote:
Ciao,
concordo perfettamente con te. Se decido di adottare un animale devo averne cura come si deve, altrimenti meglio lasciar perdere.
Tu hai modo di vedere la micia? Hai potuto verificare effettivamente se è almeno in buone condizioni?
Non intendo solo se sta bene fisicamente ma anche le condizioni del pelo, se è pulita, ben nutrita ecc...
Perché se è tenuta male hai un ottimo motivo per togliere la micia alla famiglia, mentre se è tenuta bene, la sola motivazione del fatto che sia sempre in giardino e che esca dal recinto, forse è un po' debole.
Mi rendo anche perfettamente conto che non sia affatto facile portargliela via, o almeno non è facile farlo con diplomazia senza rischiare di rovinare i rapporti.
Io proverei a chiedere supporto a qualche associazione tipo ENPA o simili, più che altro perché magari loro sanno come muoversi in questi casi.



L'avevo vista un pò al primo controllo e mi era sembrata ben integrata ed in salute. Oltretutto la signora durante i mesi aveva tenuto fede all'accordo avvisandomi sugli sviluppi, se la gattina stava bene, se l'avevano portata dal veterinario, ecc..
Nell'ultimo mese invece prima dicendomi che ha le ferie, poi per una cosa o per l'altra mi ha costretto a posticipare il 2° controllo a questo mese, quindi uno di ritardo, dandomi buca qualche giorno fa proprio perché non riusciva a TROVARE la gattina.
Quello che personalmente mi dà molto fastidio è che al primo incontro avevano chiarito subito quali erano le condizioni di adozione (con controlli pre-affido e questionario + modulo) , ovvero che io avrei chiuso un occhio su balcone/giardino/ecc però tenendo fede di tenere lei in casa il quanto più possibile, non tanto per essere troppo protettivi e lasciarla sempre in casa, ma per darle i suoi spazi con moderazione, soprattutto per un animale non ancora di un anno e in un ambiente pressoché nuovo essendoci da quanto..3 mesi circa ?
È anche vero che quando l'avevo trovata io il primo periodo l'avevo dovuta tenere per 1-2 settimane in giardino per problemi, però la andavo a controllare costantemente e se non c'era andavo a chiamarla. A loro invece pare normale non vedere un gatto dalla mattina alla sera, pur affermando di lasciare un spiraglio per farla entrare. A me quello non pare assolutamente prendersi cura di un animale, perché se ti importa un minimo prima di uscire lo vai a cercare, o anche solo a controllare se è in zona. Troppo comodo dire che è tenuta bene e coccolata se poi la vedi un'ora al giorno.

La motivazione certo è un pò debole, però è vero che da quello che si era concordato si è arrivati all'estremizzazione e purtroppo temo, che se non dovesse integrarsi col cane rischierebbe di finire perennemente a stare in giardino perché incapace di ritrovare il suo posto all'interno..
Inoltre rimanendo all'esterno e non controllata potrebbe anche rischiare di contrarre l'aids felina dai gatti che sono in zona (così mi ha detto lei) che come ben sappiamo non ha vaccini/cure.

Ho già chiesto consiglio a varie associazioni della zona, oltre al gruppo di volontarie che mi avevano aiutato a darla in adozione e pure loro concordano prima di vedere la situazione di persona e soprattutto di parlare a quattr'occhi con questa signora per chiarire una volta per tutte. Inoltre mi hanno già dato disponibilità per un eventuale stallo di emergenza, anche se ripeto l'ultima cosa che vorrei fare è quella di sottoporre ad ulteriore stress un animale che ne ha già passate tante, ma dovessi confermare tutti i miei timori non ci penserei un attimo a portarla via da là.


0 
 Profilo
dolomiti1972

Registrato dal: 15-07-2015
| Messaggi : 101
  Post Inserito 11-09-2015 alle ore 09:17   
se ti va, facci sapere gli eventuali sviluppi e come va la micia.


0 
 Profilo
Absynth

Registrato dal: 30-07-2014
| Messaggi : 55
  Post Inserito 11-09-2015 alle ore 10:13   


11-09-2015 alle ore 09:17, dolomiti1972 wrote:
se ti va, facci sapere gli eventuali sviluppi e come va la micia.



Dovrei andare oggi o nei prossimi giorni a fare il controllo. In caso di ulteriore buca all'appuntamento, o dovesse non ri-trovarla un'altra volta procederei immediamente al recupero dell'animale.
Inoltre in una delle conversazioni diceva che le era sembrato di sentirsi fare il 4° grado. Secondo me certa gente non capisce proprio ciò che c'è dietro ad un iter di adozione, al percorso fatto dall'inizio alla fine per mettere in sicurezza e serenità un animale e che certe misure sono fatte non tanto per noi, quanto per verificare le condizioni di vita di un animale dato ad altre persone vincolate a noi da un contratto di adozione.
Altrimenti avrei potuto darle il gatto il giorno stesso senza andare a ricontrollare e fregandomene beatamente.

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Absynth il 11-09-2015 10:14 ]

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Absynth il 11-09-2015 10:14 ]


0 
 Profilo
dolomiti1972

Registrato dal: 15-07-2015
| Messaggi : 101
  Post Inserito 11-09-2015 alle ore 11:16   
Infatti moltissima gente sottovaluta la frase "controlli pre e post affido", pensando che siano detti o scritti così, senza importanza.
Invece, se ami gli animali, dovresti essere ben lieto che le persone che te l'hanno affidato siano così scrupolose da controllarne lo stato, io almeno la penso così.


0 
 Profilo
Absynth

Registrato dal: 30-07-2014
| Messaggi : 55
  Post Inserito 11-09-2015 alle ore 13:56   


11-09-2015 alle ore 11:16, dolomiti1972 wrote:
Infatti moltissima gente sottovaluta la frase "controlli pre e post affido", pensando che siano detti o scritti così, senza importanza.
Invece, se ami gli animali, dovresti essere ben lieto che le persone che te l'hanno affidato siano così scrupolose da controllarne lo stato, io almeno la penso così.



Perfettamente d'accordo.
Io avevo passato molte ore (anche la notte) e rimandato degli impegni anche importanti per prendermi cura di lei, oltre a rinunciare a determinati acquisti per permettermi di sterilizzarla e di testarla per le varie malattie.
Quello su cui vorrei insistere con lei è soprattutto la quantità di ore nelle quali la gatta rimane in casa e soprattutto come ha passato l'ultimo mese, dato che lei e la famiglia erano in vacanza durante tutto Agosto. Lei mi aveva detto che un suo parente andava a darle da mangiare..ok ma dove ? Fuori, in casa ? Perché dubito che qualcuno sia così poco accorto da andare in vacanza e lasciare le finestre aperte per il gatto e per eventuali ladri.

Come detto vedrò nei prossimi giorni e dovessi confermare i miei sospetti provvederei a portarla via durante uno dei giorni a seguire visto che fino a prova contraria io ho tutto il diritto di riprendermi l'animale qualora non siano state rispettate le condizioni poste all'inizio ed antecedenti alla firma.


0 
 Profilo
dolomiti1972

Registrato dal: 15-07-2015
| Messaggi : 101
  Post Inserito 11-09-2015 alle ore 15:41   
In questi casi come avviene il "sequestro" del micio?
Voglio dire, nel momento in cui ci sono tutti gli elementi per poter togliere il gatto agli adottanti, come avviene la procedura?



0 
 Profilo
danimici15
| CV STAFF

Registrato dal: 10-04-2012
| Messaggi : 1690
  Post Inserito 12-09-2015 alle ore 00:06   
Io penso che dovresti riprendere la micia e stop, senza altri controlli, perchè il fatto di avere preso in affidamento una micia che poi di fatto la micia si affida a se stessa con tutti i rischi che si conoscono, significa che ora che c'è il cane della micia non mi frega più un bel niente o molto poco. E' come lasciarla libera ed andare da lei una volta al giorno per darle da mangiare e vedere se è viva. Tanto vale che stia in una colonia dove almeno ha la compagnia degli altri mici.


0 
 Profilo
Absynth

Registrato dal: 30-07-2014
| Messaggi : 55
  Post Inserito 12-09-2015 alle ore 00:35   


12-09-2015 alle ore 00:06, danimici15 wrote:
Io penso che dovresti riprendere la micia e stop, senza altri controlli, perchè il fatto di avere preso in affidamento una micia che poi di fatto la micia si affida a se stessa con tutti i rischi che si conoscono, significa che ora che c'è il cane della micia non mi frega più un bel niente o molto poco. E' come lasciarla libera ed andare da lei una volta al giorno per darle da mangiare e vedere se è viva. Tanto vale che stia in una colonia dove almeno ha la compagnia degli altri mici.



Ahimè non sono pratico di recuperi essendo una delle prime adozioni fatte e soprattutto grazie all'aiuto di tante volontarie, però io da una parte capisco e mi sforzo di capire la volontà di qualcuno di riuscire a far andare d'accordo cane e gatto, però far convivere significa proprio farla stare in casa, altrimenti a lungo andare potrebbe percepire sicuramente di essere "di troppo" e quindi indotta a cambiare "aria".
Inoltre accetto anche il lasciare la libertà all'animale di girare a suo piacimento, MA sempre con le dovute cautele. Io mi sono sempre reso disponibile a dare degli orari, quindi un preavviso (che non sarebbe dovuto), però se arrivando mi ritrovo un sms riguardo il gatto che non si trova allora è normale portarmi a ripensare sull'adozione, specialmente se poi mi dici che non c'è e che devi uscire (quindi esci e te ne freghi di dov'è ?).
Per dire quando l'avevo trovata vicino casa era infreddolita, denutrita e spaventata e non sapendo di chi fosse l'avevo osservata per capire se era abbandonata o scappata. Comunque era sempre rimasta in un angolo per giorni, solo venendomi vicino per mangiare (avidamente da quanto aveva fame).
Può esserci la curiosità del gatto di esplorare, ma l'avevo precisato che io volevo per lei un'adozione da appartamento, eventualmente con uscite mattiniere-pomeridiane, non notturne ed oltre con gatti che non si sa nemmeno da dove vengono fuori, perché ricordiamoci il gatto maschio castrato può andarsene per i fatti suoi, ma una gatta seppur sterilizzata può essere "preda" di gatti in calore, quindi capaci di cercare di accoppiarsi con lei e trasmetterle malattie che sarebbe impossibile far prendere ad un gatto di appartamento/simil-appartamento.
Dovesse prendere l'aids felina sarebbe condannata per il resto dei suoi giorni solo per il principio di libertà che certa gente attribuisce al gatto.

Data la mia diciamo media-esperienza di cani, gatti e convivenza tra specie le avevo anche consigliato qualcosa,insomma per ridurre al minimo lo stress per entrambi gli animali. Lei invece una delle ultime volte mi aveva detto che era impossibile farli stare assieme, però dicendomi che la gatta scappava fuori (per forza se si trova un animale il triplo di taglia e mai visto prima in un ambiente ancora nuovo per lei !) ed il cane dentro.

Ripeto nei prossimi giorni saprò dare un giudizio completo sulla faccenda, anche se per ora è molto più pendente per l'annullamento dell'adozione, seppur a malincuore.

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Absynth il 12-09-2015 00:41 ]


0 
 Profilo
( | 2 | 3 ) Avanti  >>> 


Generazione pagina: 1.092 Secondi