home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Gatto  >>  Gatta diabetica, non so come fare - CHIUSO - Discussione n 88844 - PermaLink
   Gatta diabetica, non so come fare - CHIUSO

( 1 | 2 ) Avanti  >>> 
Autore
Inizio discussione    ( Risposte ricevute: 14 )
cleuccia

Registrato dal: 27-10-2014
| Messaggi : 6
  Post Inserito 27-10-2014 alle ore 22:33   
Ciao a tutti! Leggo sempre questo forum e ho deciso di iscrivermi per chiedere aiuto a voi che so che potete capirmi in questo momento in cui mi sento persa e non so davvero come comportarmi.
Ho una gatta di nove anni, si chiama Cleo ed ho con lei un rapporto che definirei morboso. Un mese fa le è stato diagnosticato il diabete e, inutile dirlo, sono sprofondata nella disperazione.
Provo brevemente a raccontarvi gli ultimi due mesi.
I primi di settembre mi accorgo che beve tanto e fa tanta pipì, oltre ad essere dimagrita e un po' scavata sui fianchi. La porto dal mio veterinario il quale afferma che potrebbe avere un problema ai reni o al fegato. Giustamente decide di esprimersi con più sicurezza solamente dopo ever fatto le analisi del sangue, per fare le quali ha intenzione di sedare Cleo. Le inietta un antibiotico con copertura di 4 gg e mi invita a richiamarlo la settimana successiva per aggiornamenti e per decidere quando fare le analisi. Trascorsi i giorni di copertura dell'antibiotico vedo Cleo peggiorata, smette di giocare, è mogia, svogliata. Chiamo il veterinario che mi dà appuntamento per il prelievo a distanza di cinque giorni e nonstante io manifesti le mie paure nei confronti dell'anestesia, lui si rifiuta di fare il prelievo senza sedarla. Premetto che Cleo è una gattina buonissima e anche se controvoglia si fa fare tutto.
Decido di portarla da un altro veterinario che le fa il prelievo senza sedazione e mi comunica che il mio tesorino ha il diabete. Mi rassicura però dicendomi che il diabete si cura quasi sempre solo con terapia alimentare e mi dà un elenco di alimenti (wd, md, dm, etc) con cui sostituire la sua attuale alimentazione.
Inizio il trattamento con croccantini wd e intanto mi documento sul web, dove scopro un mondo di informazioni. Decido di sostiruire i croccantini con scatolette dm in modo da garantire il minimo livello di carboidrati possibile, in accordo con quanto appreso da vari siti americani sull'alimentazione dei felini e sul diabete nei gatti.
Nel frattempo le condizioni di Cleo precipitano: smette di mangiare, smette di fare cacca, si disidrata sempre più. In tre giorni faccio continuamente su e già dal veterinario che fa diversi clisteri alla gattina per farla evacuare, ma senza risultati. Il veteriario diagnostica fecalomi e forse megacolon e la situazione non si sblocca neanche dopo sedazione e manipolazione. Ormai Cleo non si muove quasi più, non mangia, non beve... Il veterinario mi consiglia di ricoverarla in una clinica, e così faccio. In clinica effettuano tutti gli esami e viene fuori che Cleo ha: pancreatite, colangioepatite e ittero. Me la rimettono più o meno in sesti con terapia di reidratazione, insulina e farmaci vari.
Da allora (15/10) tratto il diabete con 1 IU sid di Lantus e alimentazione a basso contenuto di carboidrati (Purina DM). Purtroppo però a distanza di 12 ore dalla somministrazione di insulina, i valori della glicemia oscillano tra i 300 e i 500. E qui arrivo al problema: secondo me dovrei passare a bid, ma vorrei conferma dal veterinario, il quale però mi è sembrato abbastanza disorientato sull'argomento. Ho letto tante cose sull'argomento e ho provato a condividerle con il mio veterinario. Lui però non sembra (e lo capisco) volersi far dare dritte da me e io non so come comportarmi, perchè non mi trovo d'accordo con le sue idee (voleva cambiare da Lantus a caninsulin, ha parlato pure di diluire la Lantus con fisiologica).
Voi direte: "La soluzione è semplice, cambia veterinario!", ma non saprei di chi fidarmi. Del mio vet mi fido, solo che penso che non abbia avuto molta esperienza con questo tipo di patologia.
Voi che fareste? Cosa mi consigliate?
Scusate se sono stata troppo prolissa.

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: misssmith il 15-02-2015 23:06 ]


0 
 Profilo
titomimilola

Registrato dal: 11-09-2010
| Messaggi : 1189
  Post Inserito 28-10-2014 alle ore 08:54   
assolutamento no cambiare insulina lantus con caninsulin, statisticamente l'insulina x cani non funziona sui gatti
non sono vet ma ho due gatti con diabete una che ne soffre da + di un anno l'altro adottato da pochi mesi x via di un lutto e vengono curati con lantus che x altro non si può diluire con fisiologica
devi aspettare il tempo necessario che il farmaco funzioni, io ho visto che nel 2 gatto lantus ha cominciato a funzionare dopo due mesi
l'insulina viene data ogni 12 ore dopo il pasto, consiglio pollo lesso, lascia sempre a disposizione crocche specifiche nel caso la glicemia si abbassi troppo, x la pancreatite enzimi pancreatici e x il fegato epatoprotettore
le unita di insulina da somministrare variano da gatto a gatto, io ai miei avevano consigliato alla prima, due unità due volte al giorno e dopo un anno siamo arrivati 2 unità al mattino e una e mezza alllasera, x il secondo un unità e mezza al mattino e una abbondante alla sera
quindi se vedi che con un'unità la micia non sta bene aumenta un pò
consiglio comunque di andare da un vet che sappia gestire la situazione


0 
 Profilo
cleuccia

Registrato dal: 27-10-2014
| Messaggi : 6
  Post Inserito 28-10-2014 alle ore 11:16   


28-10-2014 alle ore 08:54, titomimilola wrote:
assolutamento no cambiare insulina lantus con caninsulin, statisticamente l'insulina x cani non funziona sui gatti
non sono vet ma ho due gatti con diabete una che ne soffre da + di un anno l'altro adottato da pochi mesi x via di un lutto e vengono curati con lantus che x altro non si può diluire con fisiologica
devi aspettare il tempo necessario che il farmaco funzioni, io ho visto che nel 2 gatto lantus ha cominciato a funzionare dopo due mesi
l'insulina viene data ogni 12 ore dopo il pasto, consiglio pollo lesso, lascia sempre a disposizione crocche specifiche nel caso la glicemia si abbassi troppo, x la pancreatite enzimi pancreatici e x il fegato epatoprotettore
le unita di insulina da somministrare variano da gatto a gatto, io ai miei avevano consigliato alla prima, due unità due volte al giorno e dopo un anno siamo arrivati 2 unità al mattino e una e mezza alllasera, x il secondo un unità e mezza al mattino e una abbondante alla sera
quindi se vedi che con un'unità la micia non sta bene aumenta un pò
consiglio comunque di andare da un vet che sappia gestire la situazione


Grazie titomimilola, quello che scrivi mi consola e mi fa pensare che sto seguendo la strada giusta. Tu dai da mangiare solo pollo lesso? Lo cucini tu o scatolette? E come integri tutti gli altri nutritivi di cui hanno bisogno (fibre, minerali, etc)?
Secondo te conviene che inizi subito a dare l'insulina due volte al giorno o aspetto ancora un po' che si stabilizzi? Il fatto è che stamattina aveva la glicemia a 458, ma alcune mattine l'ha avuta intorno ai 150.
Scusa se ti faccio tante domande, ma visto che tu hai esperienza a riguardo, il tuo parere mi è davvero utile.
Per quel che riguarda il veterinario, non so davvero a chi rivolgermi. Qualcuno mi sa consigliare un esperto in diabete a Roma?


0 
 Profilo
titomimilola

Registrato dal: 11-09-2010
| Messaggi : 1189
  Post Inserito 28-10-2014 alle ore 11:52   
l'insulina va data ogni 12 ore è un protocollo internazionale, io incomincerei subito
le crocche specifiche wd o md hanno tutti gli elementi nutritivi, il pollo cucinato fresco è amato dal maschio mentre la femmina lo vuole solo in scatoletta, però se la tua micia ama il pesce sia fresco che in scatoletta lo puoi dare benissimo



0 
 Profilo
cleuccia

Registrato dal: 27-10-2014
| Messaggi : 6
  Post Inserito 04-11-2014 alle ore 07:51   
Guarda, avrei già iniziato a darle l'insulina ogni 12 ore se non fosse che sono terrorizzata dal rischio di crisi ipoglicemiche. Purtroppo lavoro tutto il giorno e quindi non potrei intervenire prima di 8-9 ore. Ho letto che con la Lantus si verificano difficilmente crisi ipoglicemiche. Qualcuno me lo conferma?


0 
 Profilo
titomimilola

Registrato dal: 11-09-2010
| Messaggi : 1189
  Post Inserito 04-11-2014 alle ore 08:14   
la largina la uso anch'io da diverso tempo e non mi sono mai capitate crisi..
gli animali hanno un forte istinto di conservazione.. tu al mattino dopo il pasto fai l'insulina e poi lasci a disposizione un'abbondante razione di crocche, se anche dovesse succedere che la micia abbia un calo ipoglicemico sicuramente lo compenserà mangiando le crocche
ti ricosiglio un vet che sappia gestire questa malattia, anche x te x poter interagire con + sicurezza


0 
 Profilo
cleuccia

Registrato dal: 27-10-2014
| Messaggi : 6
  Post Inserito 05-11-2014 alle ore 21:48   
Il problema è che se le lascio una ciotola di croccantini, lei li finisce tutti in una volta.
Sono d'accordo con te sul fatto che ho bisogno di un veterinario in grado di seguirmi e supportarmi, ma non saprei di chi fidarmi. Pensi che qui sul forum qualcuno possa consigli armi a riguardo?
Grazie ancora per tutti i consigli


0 
 Profilo
Cenerevet
| MEDICO VETERINARIO
| CV STAFF

Registrato dal: 26-05-2013
| Messaggi : 1163
  Post Inserito 06-11-2014 alle ore 21:58   
Confermo che gli sbalzi glicemici con la Lantus difficilmente ci sono, cosa che invece potrebbe accadere nel gatto con Canininsulin, quindi non cambiare tipo di insulina.

E'bene iniziare con somministrazione sid per 3-4 settimane, poi si fanno fruttosamine e curve glicemiche e si decide se passare a bid, cosa che spesso accade, ma bisogna ricordare che i primi periodi nel gatto sono più pericolosi perchè ci può essere una capacità panceatica residua fino addirittura alla possibilità di guarigione, quindi bisogna procedere molto gradualmente.

Assolutamente non diluire la Lantus.

E'normale all'inizio sentirsi spaesati contro il diabete, ma pensa che è una patologia che se si riesce a controllare permette un' ottima qualità ed aspettativa di vita, molto peggio sarebbe stato avere problemi renali già a 9 anni.


0 
 Profilo
cleuccia

Registrato dal: 27-10-2014
| Messaggi : 6
  Post Inserito 07-11-2014 alle ore 20:36   
Grazie ad entrambi per i vostri preziosissimi consigli. Cleo prende l'insulina ormai da 3 settimane e ogni giorno le misuro la glicemia mattina e sera a digiuno. La settimana scorsa (2a settimana) ho provato a misurare la glicemia ogni 4 ore per 24 ore. Si fa cosí la curva glicemica? Ogni due ore mi sembrava troppo sia per me sia per lei .
Troppo presto per decidere se passare a bid? Cenerevet mi consigli di rifare la curva tra una settimana insieme alle fruttosamine?


0 
 Profilo
Cenerevet
| MEDICO VETERINARIO
| CV STAFF

Registrato dal: 26-05-2013
| Messaggi : 1163
  Post Inserito 08-11-2014 alle ore 08:24   
Ti consiglio di trovare un veterinario che segua passo passo Cleo, all'inizio hai bisogno di essere condotta per mano, poi con il tempo, imparerai a capire i diversi segnali!

Non ha senso fare la glicemia due volte al giorno, tutti i giorni! Vi stressante entrambe e basta! La curva glicemica va fatta con rilievi ogni 2 ore per 24h se l'insulina è sid, per 12 ore se bid.

Decidi al più presto a quale vet affidare Cleo, sei a Roma e non avrai problemi anche perché il diabete è una patologia così comune nel gatto che non dovresti aver problemi in questo senso. Fagli vedere la pseudo curva fatta ogni 4 ore e le altre glicemie, fate fruttosamine e sarà lui a decidere il da farsi. In sede di prelievo controllerei anche la tiroide.

Stai tranquilla e fatti aiutare da chi ha la competenze.


0 
 Profilo
( | 2 ) Avanti  >>> 


Generazione pagina: 1.117 Secondi