home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Il Veterinario risponde  >>  Cane di 8 anni con ipetrofia prostatica benigna. - Discussione n 84521 - PermaLink
   Cane di 8 anni con ipetrofia prostatica benigna.
Autore
Inizio discussione    ( Risposte ricevute: 2 )
Cloudseth

Registrato dal: 28-01-2014
| Messaggi : 4
  Post Inserito 28-01-2014 alle ore 19:47   
Buonasera, mi chiamo claudio, e ho un cane, seth di 8 anni, al quale, a causa della precedente veterinaria, stata riscontrata ipetrofia prostatica dopo ben 3 anni!
Tutto incominciato perch il cane aveva problemi nel defecare, urlava tantissimo, e spesso camminava male;
Poi si aggiunto del sangue nelle urine e nello sperma.
LA vecchia dottoressa, mi disse che, per il problema nella defecazione era il mangiare, e che di conseguenza allo sforzo, il cane aveva le emorroidi, e per il sangue, era un calcolo al rene.

Visti i continuo problemi ciclici nella defecazione, ho deciso di cambiare veterinario, il quale ha subito pensato o al megacolon o alla prostata;
Da radiografia subito si vista la prostata ingrossata, e da ecografia si accertato il problema, per fortuna senza cisti ne tumore;

Adesso il cane sta facendo un mese di cura con la Finasteride a 5 mg due volte al giorno, pero continua ad urlare quando v di corpo, cos sto dando l'antispasmina colica e il problema si attenuato, anche le dimensioni delle feci ( che solitamente sono come "tagliatelle") aumentato!

Dopo avergli staccato per 3 giorni l'antispasmina colica ( dopo 6 giorni di cura) per, sta ricominciando a gridare e ad avere tenesmo rettale, quindi il veterinario ha consigliato di dargliela fino alla prossima ecografia di controllo giorno 10 febbraio ( un mese dall'inizio della cura).

La mia domanda , qual'ora la cura non avesse funzionato, il dottore ha consigliato la castrazione;
Possono esserci altre opzioni oltre alla castrazione?! se no, quali problemi potrebbero insirgere dovuti alla castrazione?!


0 
 Profilo
Cenerevet
| MEDICO VETERINARIO
| CV STAFF

Registrato dal: 26-05-2013
| Messaggi : 1163
  Post Inserito 29-01-2014 alle ore 09:50   
Assolutamente necessaria la castrazione!

Nessuna controindicazione particolare, certo una chirurgia quindi sempre meglio prima fare esami del sangue ed una ecografia cardiologica.


0 
 Profilo
watta75
| MEDICO VETERINARIO

Registrato dal: 08-05-2012
| Messaggi : 1977
  Post Inserito 29-01-2014 alle ore 15:13   
L'unica via e' la castrazione. E l'unico inconveniente e' il fatto che si tratti proprio di un intervento chirurgico. Nessun intervento e' scevro da rischi, intra e post-operatori, ma se tutto viene fatto per il meglio (anestesista in sede, protocollo anestesiologico riconosciuto, monitoraggi, esami preoperatori) al 99,9% va tutto liscio. In bocca al lupo


0 
 Profilo


Generazione pagina: 0.339 Secondi