home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Varie  >>  Pulire gabbie di agapornis portano malattie a donne in gravidanza? - Discussione n 413 - PermaLink
   Pulire gabbie di agapornis portano malattie a donne in gravidanza?
Autore
Inizio discussione    ( Risposte ricevute: 4 )
catia

Registrato dal: 28-11-2004
| Messaggi : 31
  Post Inserito 28-12-2004 alle ore 22:07   
Salve,
vorrei sapere se una donna in gravidanza che non sia immune alla toxoplasmosi deve usare determinate precauzione nell'accudire degli uccellini (nel mio caso agapornis)?
Se pulire la gabbia ed eventuali feci e pipì del pappagallino possono portare malattie?
Se si come ci si deve comportare?
Scusate se ho le idee un pò confuse ma so che il gatto per esempio è portatore in questo caso di malattie e siccome non ho mai avuto uccellini tranne che da 4 mesi a questa parte non sono molto documentata!
Grazie


0 
 Profilo
Pappagalli
| CV STAFF

Registrato dal: 20-12-2003
| Messaggi : 1933
  Post Inserito 02-01-2005 alle ore 13:57   
Ciao,

enzialmente i pappagalli possono trasmettere varie malattie (psittacosi, salmonellosi, colibacillosi, giardiasi, influenza aviare, pseudopeste, ecc..). E' vero che le possibilità di contagio non sono in genere molto elevate, ma questo discorso vale per esseri umani adulti ed in buona salute. Diverso è il discorso per donne in gravidanza, neonati, bambini, anziani e persone con altre patologie, sicuramente individui più sensibili al contagio.
Per questo motivo è consigliabile far controllare il pappagallo in particolar modo per le suddette malattie.

Riguardo la toxoplasmosi, il gatto è il solo animale che può trasmettere direttamente la toxoplasmosi in quanto solo nell'intestino dei gatti si ha la formazione delle oocisti che vengono poi eliminate con le feci e vanno a contaminare verdure ed altri alimenti che potrebbero infettare l'essere umano che li mangia.
Negli altri animali (uomo compreso) non si ha questo ciclo intestinale, ma si possono formare delle cisti contenenti il parassita nei muscoli ed in alcuni organi.
L'unico modo per acquisire la toxoplasmosi da un pappagallo infetto sarebbe quindi quello di mangiarne le carni crude...


Ciao


0 
 Profilo
duchi

Registrato dal: 14-06-2007
| Messaggi : 48
  Post Inserito 15-06-2007 alle ore 18:56   
volevo fare una domanda a proposito di gravidanze:
se io un domani rimango in cinta non potrei piu' accudire la mia gatta?
oppure basta prendere particolari precauzioni?


0 
 Profilo
SimoX

Registrato dal: 06-09-2005
| Messaggi : 1324
  Post Inserito 15-06-2007 alle ore 19:56   
[QUOTE]
15-06-2007 alle ore 18:56, duchi wrote:
volevo fare una domanda a proposito di gravidanze:
se io un domani rimango in cinta non potrei piu' accudire la mia gatta?
oppure basta prendere particolari precauzioni?
[/QUOTE]

Ciao,

Se hai un gatto in casa ti converrebbe ad esempio evitare di pulire te stessa la lettiera (anche se il contagio avviene per ingestione diretta del parassita...) e magari evitare di farlo uscire di casa, dove potrebbe cibarsi di animali infetti (topi, uccelli, ..); per questo i gatti randagi sarebbero la prima vera "fonte" di Toxo.
In ogni caso potresti far controllare il gatto domestico per gli anticorpi verso il toxoplasma, ci sono dei test
Questa la parte relativa al gatto...
Altra fonte di contagio può essere la terra dell'orto e del giardino che potrebbe essere contaminata da feci infette; meglio evitare i lavori di giardinaggio durante il periodo della gravidanza...

Per te, il consiglio, ma forse già lo sai è quello di evitare di mangiare carne cruda o poso cotta, insaccati.
Lavare benissimo la frutta e la verdura (meglio cotta)
Eventualmente prendere l'abitudine di lavarsi accuratamente e energicamente le mani con acqua e sapone dopo contatti con terreno, gatti, latticini non pastorizzati, carni o vegetali crudi.


Ciao e...auguri!

Simona


0 
 Profilo
omero

Registrato dal: 19-01-2007
| Messaggi : 6576
  Post Inserito 16-06-2007 alle ore 00:31   
ciao Duchi, il problema era stato posto in maniera generale in questo post
http://www.clinicaveterinaria.org/public/modules.php?mop=modload&name=Forums&file=viewtopic&topic=9511&forum=5&start=0
se lo scorri, a un certo punto troverai un elenco di malattie trasmissibili dai gatti all'uomo...e qualche consiglio per evitarlo!


0 
 Profilo


Generazione pagina: 0.552 Secondi