home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Gatto  >>  i gatti, la toxoplasmosi e la gravidanza umana -CHIUSO - Discussione n 17166 - PermaLink
   i gatti, la toxoplasmosi e la gravidanza umana -CHIUSO

( 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 ) Avanti  >>> 
AutorePagina: 4 di 8
alyy
| MEDICO VETERINARIO
| CV STAFF

Registrato dal: 24-12-2007
| Messaggi : 4581
  Post Inserito 30-12-2007 alle ore 13:51   
è sicuramente lo stesso testo che ti ho citato più brevemente in mp... mi trovate pienamente d'accordo sul significato IgG e IgM ma perplessa riguardo all'utilità nel caso proposto da settetopi visto che ho anche trovato che un gatto mentre elimina risulta sieronegativo alle IgM e dopo quasi sicuramente non eliminerà più... cioè questa distinzione mi pare risulti più utile per la salute del gatto che non per quella dell'uomo!


0 
 Profilo
bani

Registrato dal: 26-02-2007
| Messaggi : 3423
  Post Inserito 30-12-2007 alle ore 15:18   
eccomi, ho seguito con interesse questa discussione e sono stata felicissima di vedere uno scambio di opinioni e informazioni riguardo ad un argomento così importante! concordo appieno nel mettere a punto un quadro il più completo possibile e inserirlo poi tra gli articoli

cerco di dare il mio contributo!

dando per assunto che con toxoplasma si entra in contatto (sia gli animali che gli umani) molto più spesso assumendo carne cruda o poco cotta, latte non pastorizzato e verdure contaminate lavate non a dovere, nonchè con giardinaggio e cura degli orti, è sicuramente da prendere in considerazione anche il rapporto con micio o coi mici di casa.

Alla prima infezione il gatto elimina moltissime oocisti nell'arco i 15 giorni e fino a un mese, dopodichè l'eliminazione si arresta e viene riattivata solo in caso di eventi stressanti (come si diceva prima malattie, gravidanze, traslochi, ma anche la gravidanza stessa della mamma visti i cambiamenti in casa che ne conseguono, motivo per cui comunque suggerirei prima delle analisi che la cassettina venga pulita da altri membri della famiglia e tutti i giorni!). Fino qui credo che siamo tutti d'accordo!

La diagnosi nella donna segue i criteri discussi su IgM e IgG: le prime compaiono precocemente e declinano più rapidamente (entro qualche mese), le seconde compaiono dopo 2-3 mesi e declinano lentamente per non scomparire mai del tutto. La rilevazione di sole IgM è un campanello di allarme, ma la contemporanea presenza di IgG indica un contatto che risale ad almeno due mesi prima e quindi la buona probabilità che la madre abbia sviluppato immunocompetenza e il feto non sia più a rischio. Si può procedere a un test definito come "di avidità delle IgG" per datare approssivamente il momento dell'infezione (per queste cose mi sono documentata al volo, credo che settetopi possa confermare!)

La diagnosi nel gatto è più difficile, i sintomi clinici sono raramente riscontrabili e ancor più raramente vengono riferiti e indagati. la ricerca del toxoplasma nelle feci ha significato solo se da esito positivo, cosa effettivamente rara. La diagnosi sierologica è possibile e visto quello che è stato scritto prima ho fatto delle ricerche. Nella maggior parte degli articoli che ho trovato non viene fatta distizione tra IgG e IgM nel gatto, mentre in alcuni (tra cui le citazioni riportate da bracchetto) sì. Ad esempio, sempre in inglese, ho trovato questo:

The antemortem definitive diagnosis of toxoplasmosis can be made if the organism is demonstrated; however, this is uncommon. Bradyzoites or tachyzoites are rarely detected in tissues, effusions, bronchoalveolar lavage fluids, aqueous humor, or CSF. Detection of 10 X 12 µ oocysts in feces in cats with diarrhea suggests toxoplasmosis but is not definitive since Besnoitia and Hammondia infections of cats produce morphologically similar oocysts.

Toxoplasma gondii-specific antibodies (dogs or cats), antigens (cats), immune complexes (cats), and DNA (cats) can be detected in the blood of normal animals, as well as in those with clinical signs of disease, so it is impossible to make an antemortem diagnosis of clinical toxoplasmosis based on these tests alone. Of the serum tests, [b]IgM correlates the best with clinical toxoplasmosis[/b] since this antibody class is rarely detected in serum of healthy animals. The antemortem diagnosis of clinical toxoplasmosis can be tentatively based on the combination of:

- Demonstration of antibodies in serum which documents exposure to T. gondii

- Demonstration of an IgM titer >1:64 or a four-fold or greater increase in IgG titer which Suggests recent or active infection

- Clinical signs of disease referable to toxoplasmosis

- Exclusion of other common causes of the clinical syndrome

- Positive response to appropriate treatment.

Some animals with clinical toxoplasmosis will have reached their maximal IgG titer or will have undergone antibody class shift from IgM to IgG by the time they are serologically evaluated, so the failure to document an increasing IgG titer or a positive IgM titer does not exclude the diagnosis of clinical toxoplasmosis. Since some healthy animals have extremely high serum antibody titers and some clinically ill animals have low serum antibody titers, the magnitude of titer is relatively unimportant in the clinical diagnosis of toxoplasmosis. Because the organism cannot be cleared from the body, most animals will be antibody-positive for life, so there is little use for repeating serum antibody titers after clinical disease has resolved.

una domanda a questo punto mi sorge spontanea (a cui bracchetto, che ha sicuramente più confidenza di me a e alyy con la pratica clinica, potrà forse rispondere): appurato che i test differenziali esistono il fatto che siano poco citati non può voler dire che non sono comunemente praticati dai laboratori? e quindi che sono all'atto pratico inattuabili?


0 
 Profilo
settetopi

Registrato dal: 08-06-2007
| Messaggi : 256
  Post Inserito 30-12-2007 alle ore 17:56   
uhmmm... qui le cose sembrano complicarsi...


0 
 Profilo
GattoTiti

Registrato dal: 20-05-2005
| Messaggi : 9867
  Post Inserito 30-12-2007 alle ore 18:33   
Signore, posso farvi una proposta?
L'argomento è molto interessante e credo non si siano mai confrontati direttamente un ginecologo e dei vet, perchè non provate a tirar fuori un documento?
Vi sarebbero grate in molte.


0 
 Profilo
bani

Registrato dal: 26-02-2007
| Messaggi : 3423
  Post Inserito 30-12-2007 alle ore 19:05   
che intendi GattoTiti? le citazioni che sono state fatte vengono tutte da testi e pubblicazioni scientifiche...




ah ma intendi un articolo da proporre nel forum? sì in effetti lo scopo è quello solo che le fonti sono tante e... ci stiamo lavorando!!!

(leggi: stiamo cercando di mettere ordine in tutti questi dati... )

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: bani il 30-12-2007 19:07 ]


0 
 Profilo
Cecilio

Registrato dal: 19-06-2007
| Messaggi : 20429
  Post Inserito 30-12-2007 alle ore 19:09   
Confermo Gattotiti, l'idea di settetopi era quella. Solo che ora è in altre faccende affacendata.... nascite... di umani....


0 
 Profilo
settetopi

Registrato dal: 08-06-2007
| Messaggi : 256
  Post Inserito 30-12-2007 alle ore 19:38   
confermo...uscendo ora dalla sala parto..è nata laura.. e .. per fortuna.. senza toxoplasmosi!

confermo l'idea del documento... la parte umana, ginecologica, è ben nota e forse non necessita di molti approfondimenti.. quella misconosciuta da ginecologi e mamme è proprio quella veterinaria.. quindi aspettiamo pazienti che i veterinari mettano insieme i dati presenti al momento in letteratura e producano un articolo chiaro e utile a tutti!




0 
 Profilo
bracchetto
| MEDICO VETERINARIO

Registrato dal: 04-07-2007
| Messaggi : 17962
  Post Inserito 30-12-2007 alle ore 20:07   
se non ricordo male il laboratorio esterno al quale mi appoggio differenzia IgG e IgM, per conferma comunque chiederò loro appena riaprono (credo e spero il 2 gennaio).
a mio parere ha senso differenziare, sia in relazione alla maggiore o minore possibilità di emissione di oocisti nelle feci, sia in relazione alla salute del gatto. io sono veterinaria, la cosa mi interessa!

e settetopi, laura sarà contenta di conoscere te per prima!


0 
 Profilo
settetopi

Registrato dal: 08-06-2007
| Messaggi : 256
  Post Inserito 30-12-2007 alle ore 22:02   
....grazie brac




0 
 Profilo
bani

Registrato dal: 26-02-2007
| Messaggi : 3423
  Post Inserito 30-12-2007 alle ore 23:03   
evviva settetopi ed evviva laura!!!

concordo brac, sarebbe utile senza dubbio, insomma fa una certa differenza in questo caso una positività "generica" e una situazione invece perfettamente inquadrata! aspettiamo la risposta!




0 
 Profilo
<<<  Indietro  ( | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 ) Avanti  >>> 


Generazione pagina: 1.099 Secondi