home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Gatto  >>  IL VACCINO. - Discussione n 16278 - PermaLink
   IL VACCINO.
Autore
Inizio discussione    ( Risposte ricevute: 4 )
omero

Registrato dal: 19-01-2007
| Messaggi : 6576
  Post Inserito 07-12-2007 alle ore 14:37   
IL VACCINO:

Un gattino orfano dev’essere vaccinato quanto prima, in quanto totalmente sprovvisto di anticorpi materni.
Tra le 6 e le 9 settimane andrà vaccinato contro Panleucopenia (Gastroenterite virale), Rinotracheite e Calicivirosi.

Se invece il gattino viene ancora allattato dalla mamma, dovremo aspettare alcune settimane (2-3) prima di vaccinarlo; in questo modo eviteremo che gli anticorpi del vaccino si sovrappongano a quelli forniti dal latte materno, annullando l'effetto di entrambi e facendo rimanere il gattino senza protezione.

Inoltre dovremo controllare lo stato immunitario della madre perché questo influenzerà le difese del gattino.

Dopo i tre mesi, un micio può essere vaccinato per più malattie insieme.

Le razze brachicefale (ex. Persiano), avendo il muso schiacciato, sono più soggette ad essere affette da Rinotracheite e Calicivirosi, questi esemplari vanno quindi vaccinati soprattutto contro queste malattie virali.

Nelle zone rurali, dove non tutti gli animali vengono vaccinati in modo adeguato, o in zone dove troviamo gatti selvatici, il rischio di contagio di malattie virali è maggiore e la vaccinazione dei gatti deve essere completa. Soprattutto la leucemia felina (Felv), la rabbia, l’immunodeficienza virale felina (Fiv) e la peritonite infettiva (Fip).

Se il gattino vive o può entrare in contatto con altri gatti, ad esempio perché partecipa ai concorsi, perché esce di casa o perché vive in allevamenti, sarà più soggetto a contrarre malattie virali e avrà quindi bisogno di una vaccinazione completa.

I gattini o i gatti con disfunzioni del sistema immunitario dovranno essere sottoposti ad una serie di vaccini specifici affinché ottengano le difese sufficienti.

IMPORTANTE: consigliamo una visita veterinaria appena un micio entra a far parte della nostra vita. Il veterinario, in base alle vostre indicazioni (se lo farete uscire, se avete altri animali..), saprà consigliarvi il tipo di vaccinazioni da effettuare. La visita completa serve a conoscere lo stato di salute del gatto: in un gatto malato il vaccino può non avere effetto o addirittura aggravare le patologie in atto. Chiaramente nel periodo che precede il completamento del primo ciclo vaccinale è bene che il micio stia in casa e soprattutto che non venga in contatto con gli altri gatti.

I vaccini vanno ripetuti annualmente, salvo diversa indicazione del veterinario.
Rari gli effetti collaterali dovuti ai vaccini (allergie).


CALENDARIO INDICATIVO DELLE VACCINAZIONI:

Panleucopenia, Rinotracheite, Calicivirosi+ Leucemia: 6/9 settimane
Panleucopenia, Rinotracheite, Calicivirosi + Leucemia/ Clamidiosi: 12 settimane
Rabbia: 20 settimane (a seconda delle Regioni è obbligatoria)
Felv: secondo necessità, dopo 6 mesi.
Fiv: non esiste vaccino.
Al momento in Italia non esiste un vaccino preventivo né alcuna terapia efficace per curare la Fip. Esiste un vaccino che copre solo al 70-75%, commercializzato in Svizzera.

{a cura di Cecilio e Omero}

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: omero il 09-12-2007 19:31 ]


0 
 Profilo
orangina

Registrato dal: 23-01-2007
| Messaggi : 427
  Post Inserito 07-12-2007 alle ore 17:28   
Ciao Omero, grazie per la scheda, come sempre utilissima! Una domanda: mi pare di ricordare che un vaccino per la Fiv in realtà esiste, anche se forse non è efficace al 100%, credo che fosse prodotto dalla Wyeth. A te non risulta? Non è più in commercio?



0 
 Profilo
Orka

Registrato dal: 02-12-2007
| Messaggi : 15
  Post Inserito 07-12-2007 alle ore 18:22   
bella scheda, grazie!
mi permetto di aggiungere solo una nota:

insistete perchè il vostro vet pratichi sempre le iniezioni nella coscia, non nella collottola.

All'animale da un poco più fastidio, ma un (facciamo scongiuri) tumore iniezione indotto nella coscia è molto piu gestibile di uno tra le scapole.
Sperando ovviamente che non dobbiate mai aver a che fare con questo mostro.


0 
 Profilo
Kittymiao

Registrato dal: 18-11-2007
| Messaggi : 121
  Post Inserito 08-12-2007 alle ore 21:48   
perchè parli di tumore indotto sulla coscia?spiegati ti prego.cosa c'entra un vaccino col tumore?


0 
 Profilo
shishy

Registrato dal: 09-07-2006
| Messaggi : 7555
  Post Inserito 08-12-2007 alle ore 22:30   
Per quanto ne so possono formarsi dei tumori nella zona di inoculo ogni qualvolta venga fatta un'iniezione ma pare che capiti relativamente più spesso quando si tratta di vaccini. Si consiglia di farli nella coscia perché se eventualmente si formasse un sarcoma alle brutte si potrebbe amputare la zampa mentre è difficile togliere la massa maligna dalla zona intrascapolare. Mi diceva il vet però che questo accade se nel liquido esistono precise sostanze. Io nel dubbio cerco sempre di far fare i vaccini nella coscia, l'altro giorno l'ho talmente stressato che gliel'ha fatto nella coda


0 
 Profilo


Generazione pagina: 0.562 Secondi