home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Il comportamento del gatto  >>  ALLERGIE AL CANE E AL GATTO. - Discussione n 13395 - PermaLink
   ALLERGIE AL CANE E AL GATTO.
Autore
Inizio discussione    ( Nessuna risposta )
omero

Registrato dal: 19-01-2007
| Messaggi : 6576
  Post Inserito 28-09-2007 alle ore 18:00   
ALLERGIE AL GATTO E AL CANE:

CHE COS'E' L'ALLERGIA
E' una reazione di tipo immunitario dell'organismo nei confronti di una sostanza con la quale si viene a contatto senza che quest'ultima causi alcuna reazione nelle altre persone.
Si manifesta sotto forma di raffreddore, asma, prurito, problemi a livello gastrointestinale ed altro ancora.
La reazione può essere immediata oppure svilupparsi nel tempo e gli stessi sintomi hanno una intensità variabile da persona a persona.
Per trovare le cause è necessario consultare un medico allergologo che, dopo una serie di esami specifici (test allergologici), potrà dirvi se siete allergici al vostro animale.
I consigli dell'allergologo vanno certamenti seguiti per quanto riguarda la soluzione del problema, ma per quanto concerne il comportamento da adottare verso il proprio animale bisogna rivolgersi al veterinario.

SE IL PROBLEMA SONO GLI ACARI
Gli acari sono diffusi in tutti gli ambienti ma si annidano soprattutto nei materassi.
Si alimentano di detriti organici, particelle che desquamano dalla pelle dell'uomo e dei nostri animali domestici.
Le allergie si sviluppano per contatto con le deiezioni di questi invisibili animaletti.

COSA FARE?
Foderare i materassi con tessuti anti-acaro ed usare aspirapolveri specifici e spray che riducono sensibilmente il numero degli acari.
In questa forma allergica gli animali hanno un ruolo del tutto secondario: infatti, gli acari si nutrono di detriti che desquamano dalla pelle del cane o del gatto e dell'uomo.

SE IL PROBLEMA E' LA SALIVA DEGLI ANIMALI
Al contrario di come comunemente si pensa, l'allergia non è causata dalla pelliccia del micio, ma da alcune proteine contenute nella sua saliva, che vengono depositate sul mantello durante la toletta. Per questo chi, per ridurre l'allergia, pulisce il gatto con una panno bagnato, nel tentativo di rimuovere i peli in eccesso, non fa che peggiorare la situazione: il micio sentendosi manipolato si lecca ancora di più.
La medicina omeopatica può aiutare le persone allergiche.

COSA FARE?
Il veterinario può preventivamente visitare l'animale ed accertarsi che non ci siano problemi cutanei di origine parassitaria o fungina contagiosi per l'uomo, che causino, per esempio, prurito.
Nel caso in cui il proprietario dell'animale risulti, dopo avere effettuato i test specifici, realmente allergico al proprio cane o gatto si possono adottare alcune precauzioni (sempre su consiglio del medico veterinario).
Per diminuire in modo radicale il contatto con le proteine della saliva che causano l'allergia nell'uomo, è possibile far tosare con maggiore frequenza l'animale, lavarlo 2-3 volte alla settimana utilizzando uno shampoo non detergente specifico per cani e gatti.
Ci sono, inoltre, prodotti specifici per animali, sempre per il controllo delle allergie, da spruzzare regolarmente sul mantello (tipo ALLERPET/C).

NON CI SONO RAZZE PIU' A RISCHIO DI ALTRE
Non sono segnalate razze di cani o di gatti che predispongano alla comparsa di fenomeni allergici.
Alcuni animali a pelo riccio cortissimo (come la razza felina "Devon Rex") vengono definiti "nudi" per le caratteristiche peculiari del loro mantello. Questi gatti, considerati "a basso rischio", possono essere consigliati a tutte le persone che temono di sviluppare nel tempo fenomeni allergici agli animali domestici.

CURIOSITA':
Anche i gatti possono soffrire di allergie, con sintomatologia simile a quella umana: difficoltà respiratorie, eruzioni cutanee, problemi intestinali, fino a giungere, nei casi più gravi, allo shock anafilattico. Generalmente tali allergie sono determinate dai classici pollini, dagli alimenti perfino dagli antiparassitari. Può, tuttavia accadere anche che risultino allergici anche ai loro amici umani o, per l'esattezza, ai profumi, creme, saponi che possono trovarsi su pelle, peli e capelli dell'uomo.

{liberamente tratta da "Amici di Casa" e da internet}

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: omero il 22-10-2007 14:26 ]


0 
 Profilo


Generazione pagina: 0.126 Secondi