home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie         

Archivio disponibile solo per consultazione :

VAI al NUOVO FORUM

  >>  Diritti degli animali  >>  Animali e condominio - Discussione n 10654 - PermaLink
   Animali e condominio
Autore
Inizio discussione    ( Risposte ricevute: 6 )
uaua

Registrato dal: 25-06-2006
| Messaggi : 2654
  Post Inserito 01-07-2007 alle ore 15:57   
In tema di condominio di edifici il divieto di tenere negli appartamenti comuni animali domestici non può essere contenuto negli ordinari regolamenti condominiali, approvati dalla maggioranza dei partecipanti, non potendo detti regolamenti importare limitazioni delle facoltà comprese nel diritto di proprietà dei condomini sulle porzioni del fabbricato appartenenti ad essi individualmente in esclusiva, sicché in difetto di un'approvazione unanime le disposizioni anzidette sono inefficaci anche con riguardo a quei condomini che abbiano concorso con il loro voto favorevole alla relativa approvazione, giacché le manifestazioni di voto in esame, non costituiscono un atto collettivo valido ed efficace.
La detenzione di animali in un condominio, essendo la suddetta facoltà una esplicazione del diritto dominicale, può essere vietata solo se il proprietario dell'immobile si sia contrattualmente obbligato a non detenere animali nel proprio appartamento, non potendo un regolamento condominiale di tipo non contrattuale, quand'anche approvato a maggioranza, stabilire limiti (oneri reali e servitù) ai diritti ed ai poteri dei condomini sulla loro proprietà esclusiva, salvo che l'obbligo o il divieto imposto riguardino l'uso, la manutenzione e la eventuale modifica delle parti di proprietà esclusiva, e siano giustificati dalla necessità di tutelare gli interessi generali del condominio, come il decoro architettonico dell'edificio.
Nel caso in cui un regolamento condominiale di tipo contrattuale vieti di tenere animali che possano recare disturbo ai condomini, il giudice, accertati tali disturbi, può ordinare, con provvedimento di urgenza, l'allontanamento degli animali dagli appartamenti in cui sono tenuti.
Il giudice può, con provvedimento di urgenza ordinare l'allontanamento di animali molesti (nella specie, cane) dal condominio, affidando l'esecuzione ad organi pubblici, con divieto assoluto di ritorno nell'edificio condominiale.
Qualora una norma contenuta in un regolamento condominiale vieti la detenzione di animali che possano turbare la quiete o l'igiene della collettività, il semplice possesso di cani o di altri animali non è sufficiente a far incorrere i condomini in questo divieto, essendo necessario che si accerti effettivamente il pregiudizio causato alla collettività dei condomini sotto il profilo della quiete o dell'igiene.
Non può l'assemblea, con voto di maggioranza, imporre ad un condomino il divieto di detenere cani negli appartamenti, ma occorre che il divieto sia posto nel regolamento condominiale.
L'amministratore del condominio è legittimato ad agire giudizialmente per il rispetto del regolamento e per la cessazione di molestie derivanti dalla detenzione di animali negli appartamenti.
La delibera assembleare di approvazione del regolamento di condominio presa a maggioranza è invalida, perché limitativa delle proprietà individuali, nella parte in cui vieta ai condomini di tenere cani anche nelle logge e nei terrazzi.

Riferimenti sentenze citate:
Cass. civ., sez. II, 4 dicembre 1993, n. 12028.
Trib. civ. Piacenza, sez. II, 10 aprile 1990, n. 231, Copelli c. Cassi e Paganuzzi, in Arch. loc. e cond. 1990, 287
Trib. civ. Napoli, ord. 25 ottobre 1990, Ragosta ed altri c. Miranda e Cario, in Arch. loc. e cond. 1990, 737.
Trib. civ. Napoli, ord. 8 marzo 1994, in Arch. loc. e cond. 1994, 337
Pret. civ. Campobasso, 12 maggio 1990, in Arch. loc. e cond. 1991, 176.
Trib. civ. Parma, 11 novembre 1968, in Riv. giur. edil. 1971, 446.
Trib. civ. Parma, 11 novembre 1968, in Riv. giur. edil. 1971, 446.
Trib. civ. Messina, 8 aprile 1981, n. 743, in Riv. giur. dottr. leg. e giur. 1981, 53.


Laura

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: uaua il 02-07-2007 11:01 ]


0 
 Profilo
Xena70

Registrato dal: 16-05-2007
| Messaggi : 153
  Post Inserito 01-07-2007 alle ore 17:01   
Ciao Laura, però che palle sto divieto degli animali nei condominio, io vivo sola e la casa e mia di proprietà nessuno mi può dire di mandare via il cane e poi mi chiedo ma la protezione animali non possono togliere il divieto degli animali nei condominio? perchè mi sembra assurdo vietare gli animali nel condominio... per ora la mia cucciolina sembra che di notte da sola non pianga più perchè io arrivo e non la sento più piangere e i vicini non si sono più lamentati... spero solo di non trovare delle sorprese a casa tipo dei carabinieri ho multa del genere... altrimenti mi serve un avvocato... Laura ci pensi tu a diffendermi?? ciao baci.


0 
 Profilo
uaua

Registrato dal: 25-06-2006
| Messaggi : 2654
  Post Inserito 01-07-2007 alle ore 17:16   
Cara Cinzia, io ho scritto che il divieto degli animali in condominio non può essere stabilito da un regolamento condominiale approvato a maggioranza, ma deve essere supportato da un obbligo contrattuale...
Per quello che riguarda il tuo caso specifico, devi fare in modo che la tua piccola non "disturbi la quiete pubblica", in quanto altrimenti ti troveresti a pagare una multa...
Laura

[ Questo Messaggio è stato Modificato da: uaua il 01-07-2007 17:18 ]


0 
 Profilo
Xena70

Registrato dal: 16-05-2007
| Messaggi : 153
  Post Inserito 01-07-2007 alle ore 17:22   
[QUOTE]
01-07-2007 alle ore 17:16, uaua wrote:
Cara Cinzia, io ho scritto che il divieto degli animali in condominio non può essere stabilito da un regolamento condominiale, ma deve essere supportato da un obbligo contrattuale...
Per quello che riguarda il tuo caso specifico, devi fare in modo che la tua piccola non "disturbi la quiete pubblica", in quanto altrimenti ti troveresti a pagare una multa...
Laura
[/QUOTE]

Ussignuuuuurrrrrrr si mancherebbe pure la multa.... ma dimmi sai dirmi quanto può essere salata la multa? lo so che ti chiedo troppo ma visto che stai studiando ovviamente penso che l'ho saprai questo o no?


0 
 Profilo
uaua

Registrato dal: 25-06-2006
| Messaggi : 2654
  Post Inserito 01-07-2007 alle ore 17:38   
1° comma Art. 659 Codice Penale "Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone".
Chinque mediante schiamazzi o rumori, ovvero abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche, ovvero suscitando o non impedendo strepiti di animali, disturba le occupazioni o il riposo delle persone, ovvero gli spettacoli, i ritrovi o i trattenimenti pubblici è punito con l'arresto fino a 3 mesi o con l'ammenda fino a €. 309



0 
 Profilo
Xena70

Registrato dal: 16-05-2007
| Messaggi : 153
  Post Inserito 01-07-2007 alle ore 19:02   
addiritura pure 3 mesi di carcere??? allora io per un cucciolo dovrei andare in carcere???


0 
 Profilo
uaua

Registrato dal: 25-06-2006
| Messaggi : 2654
  Post Inserito 01-07-2007 alle ore 20:33   
Io ti ho solo citato l'articolo...no che non ci vai in carcere!!!
Un abbraccio e carezzine a Kira...Laura


0 
 Profilo


Generazione pagina: 0.772 Secondi