Neoplasia polmonare della mia gatta


Pubblicato in: Medicina alternativa

Per partecipare a questa discussione clicca qui

chiaraT

Buongiorno a tutti,
ho già una discussione aperta in "salute e benessere" : la mia gatta Tea, di 13 anni, ha un tumore polmonare con metastasi, inoperabile. Neppure la chemio è una strada praticabile, perché Tea non è manipolabile, e la chemio la stresserebbe troppo.
Un veterinario mi ha proposto questa cura palliativa, che dovrebbe servire a ritardare il decorso della malattia:

VISCUM ALBUM FERMENTATUM MALI cum Hg Serie I. Una fiala a gg alterni, per due
interruzione di una settimana tra una serie e l'altra.

CONIUM MACULATUM 1 LM, 1 tappino ogni tre giorni.

Potete dirmi che ne pensate?
Grazie



Thuja

Buongiorno,

per poter dare un parere dovrei fare una visita omeopatica approfondita.

Intanto posso dire su quel che vedo prescritto dal collega che è stato indicato un fitoterapico (Viscum Album) che non è omeopatia

il Viscum ha ricevuto attenzione anche dalla comunità scientifica "ufficiale" per la sua integrazione in protocolli antineoplastici sia per il suo effetto proapoptotico che per la sua capacità di migliorare la "tollerabilità" dei protocolli chemioterapici standard senza, pare, alcun effetto collaterale

il Conium invece è un rimedio omeopatico che sarà stato prescritto in funzione delle valutazioni fatte sul soggetto dal collega

Personalmente concordo sull'integrazione di più approcci terapeutici ( usando una medicina "complementare" appunto ) e nella fattispecie trovo decisamente coerente l'utilizzo di Viscum

Saluti

Thuja

chiaraT

Grazie per la risposta veloce.
Mi son dimenticata di chiedere anche un'altra cosa: la gatta, che non ha al momento alcun sintomo (se non sporadici colpi di tosse, molto rari), ha invece sintomi gastrici, che farebbero pensare ad una gastrite: vomito del primo pranzo del mattino, o soltanto di succhi gastrici (sempre e solo al mattino), e eruttazioni post-prandiali.
La somministrazione di Zitac non è servita a nulla, attualmente mi è stato prescritto Peridon.
Il veterinario omeopata ha suggerito Pulvis cum Bismutum.
E' un rimedio che non avevo mai sentito, può essere una buona scelta?

grazie ancora

Thuja

purtroppo, senza una visita omeopatica non posso dire nulla, se il collega è un omeopata mi affiderei serenamente a lui, soprattutto se con coscienziosità ha deciso di associare la terapia omeopatica a quella allopatica

saluti

Thuja

MilenaF

Ecco, come ti dicevo già in MP, sono passata a leggere la terapia.. ma non c'è proprio nulla di comune, quindi so zero..

Però..

Però 'sto viscum.. l'avevo già 'incontrato' Viscum quercum cum HG Serie1, per la precisiùn.
In associazione con il Synchro levels, in umana, QUI l'articolo.

Sembra molto molto interessante, sia in concomitanza con radio e chemio, sia nei casi come Tea o le rattine (inoperabilità e incurabilità a livello 'tradizionale')

Se ti andrà di aggiornare.. credo sarebbe interessante per molti.. Noi sicuramente
Un altro abbraccio, va'. Non guasta mica..

chiaraT

Ciao e grazie per gli abbracci...

Il viscum lo inizierò lunedì, perché ho dovuto ordinarlo e mi è arrivato ieri. Siccome devo darlo a giorni alterni, facendo una pausa sabato e domenica, preferisco iniziare da lunedì.

Il conium, che sono granuli, non sono ancora riuscita a darglielo: ho provato sciolto in un po' d'acqua. Niente. Sciolto in un po' di latte. Niente. Stasera provo a infilarglieli in bocca, e vediamo che succede.

Vi terrò aggiornati di sicuro.
Ciao!


Thuja

Buonasera.

Per i granuli puoi discioglierli in un bicchiere di acqua mescolando con un cucchiaio NON di metallo quindi somministrare al micio un ml di soluzione con una siringa

butta poi ciò che rimane e ricostituiscila quando devi somministrare la seconda dose

non devi dargli tutta l'acqua, ne basta molto poca

non provare ad infilarglieli in bocca, evita di insistere, il metodo più dolce è sempre il migliore

inoltre i gatti hanno la scialorrea facile, se non li vuol prendere, visto che dovranno disciogliersi in bocca, dovresti "infilarglieli a mo di pillola" ma non è un metodo adeguato

Del Francia suggerisce anche la possibilità di inoculare sottocute parte di soluzione, informati con il collega prescrittore se hai troppe difficoltà

saluti

Thuja

chiaraT

Buonasera e grazie per il suggerimento.

Un chiarimento: devo somministrare a Tea un tappino della monodose. Ma, se sciolgo i granuli in un bicchiere d'acqua, e poi gliene somministro 1 ml solo, in definitiva non somministro meno della quantità prescritta?
E poi: devo somministrare lontano dai pasti?

Grazie in anticipo

Thuja

Buonasera,

lungi da me il correggere una prescrizione!!!

affidati a ciò che il collega ha prescritto

per la cronaca, così, pour parler...

l'omeopatia non è una medicina "quantitativa" ma "qualitativa", come ho scritto se ne deve somministrare un ml, poi se è 0,5 cambia poco o nulla... se il soggetto è ipersensibile... si devono fare altre valutazioni e.. diluizioni!!!

quindi dare 1 granulo o 5 granuli è identico, poichè quel granulo non contiene assolutamente principio attivo ma ( e mi si passi il termine) "memoria energetica"

le cose che sono importanti riguardano la diluizione, la dinamizzazione e la ripetizione del rimedio, non la quantità assunta.

Si sarebbe meglio lontano dai pasti ma, nella vita vera, si può dare anche "con" il pasto, difficilmente un rimedio non funzionerà perchè dato " con" il pasto, non funzionerà perchè non è il rimedio corretto

spero di essere stato d'ausilio

saluti

Thuja



chiaraT

Grazie Thuja,
oggi provo la siringa. Spero che Tea non mi faccia a fette...




Home page - Chi siamo - Contatti - Pubblicità